Sito creato da un privato (persona fisica) a solo scopo amatoriale, con esclusione di attività professionale e senza scopo di lucro.
Il sito è stato affidato a Maria e benedetto dal parroco.

scrivimi

MONDOCREA: finalità (10.000 visite giornaliere circa)


Per chi desiderasse iscriversi al mio canale YouTube (piaipier):
http://www.youtube.com/user/piaipier

 

 

“È preferibile soffrire guardando alle proprie macerie che godere delle proprie costruzioni.” Signore, oggi mi sento indifferente e vuoto, ebbene, oggi il mio canto per te è l’indifferenza e il vuoto e quel senso di disagio, di incompletezza in tutto quello che vivo.

Ma tu vivi in questa situazione, e di questa situazione di nausea. Tu sei capace di farne elemento di maturazione, elemento di salvezza, elemento di liberazione, perfino fonte di gioia.

Credo in questo. Se non credessi in questo tutto sarebbe annullato, annichilito, vano, tutto sarebbe frutto della mia iniziativa e quindi effimero e fragile, velleitario, esile, labile. Mea culpa: è cosa buona e giusta riconoscere la propria nullità.

Tutto nasce dal nulla. I nostri limiti non sono impedimenti all’opera di Dio, come il nulla non ha impedito la Sua creazione. Però occorre che siano limiti da noi accettati.

E riproposti e trascesi in speranza nella fede.

(24 agosto 1983 p. 283)

 

SEGUIMI:

Mondocrea: https://www.mondocrea.it

Facebook https://www.facebook.com/pierangelo.piai

Instagram https://www.instagram.com/pierangelopiai

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”:    / piaipier  

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”:    / @piaipier   a cura di https://www.mondocrea.it

 

PER LE DONAZIONI: https://www.paypal.com/paypalme/piaipi

 

Ti senti arido interiormente e sei a disagio con le tue mediocrità e fragilità umane? Non temere e non angustiarti troppo…Apri il tuo cuore allo Spirito Santo per poter entrare in un clima di vera preghiera.

Questa preghiera non è solo costituita da parole interiori od esteriori. È un “clima” particolare nel quale ti dimentichi per pensare all’Onnipotenza d’Amore del Dio invisibile, ma presente in te.

Non dovrebbe importarti di quanto tu sia peccatore, ma, pur consapevole di ciò, sii contento che Lui sia l’Innocenza e la Misericordia infinita al quale interessa solo il tuo cuore vuoto.Più questo cuore è vuoto e più lui può riempirlo della sua presenza.

Non dovresti lasciarti opprimere dall’eccessiva consapevolezza della tua mediocrità in tutto ciò che sei e che fai, né tantomeno della tua fragilità. Egli è attratto proprio dalla fragilità ed il suo godimento consiste nel ripulirti continuamente da tutto ciò che offusca lo sguardo interiore e che ti toglie la serenità.Egli si compiace di abitare in un cuore bisognoso di tutto che mendica il suo Amore, per riempirlo di amore.

Solo Lui ti basti…

 

SEGUIMI:

Mondocrea: https://www.mondocrea.it

Facebook https://www.facebook.com/pierangelo.piai

Instagram https://www.instagram.com/pierangelopiai

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG…

a cura di https://www.mondocrea.it

 

PER LE DONAZIONI:https://www.paypal.com/paypalme/piaipi

 

Perché molti sono in conflitto sulle scelte che devono fare? Perché sono spesso insoddisfatti e superficiali?

Abbiamo la possibilità di comprendere gradualmente l’intero processo della nostra vita.Invece la visione della vita che molti hanno è piuttosto limitata.

Danno eccessiva importanza a cose assurde vivendo sempre alla superficie di se stessi.Pensano a vestire bene, ad avere una bella macchina, una casa comoda e lussuosa, ostentano ogni forma di ipocrisia per apparire diversi da quello che sono interiormente.

Così, senza volerlo vivono ingannando se stessi e gli altri.Dall’interno del loro “io” ristretto pensano di poter conoscere il mondo che appare fuori. Proiettano le loro piccole esperienze pensando che queste illuminano il mondo che li circonda. Ma non è così.

Una parte del tutto non dona la conoscenza del tutto. Fin che si rimane illusoriamente frammentati e dispersi nella molteplicità difficilmente si arriva all’unità interiore, perché è essa che consente di aprire la mente su orizzonti più vasti e profondi.Quando diventiamo realmente consapevoli del nostro corpo e del nostro modo di pensare ed agire, allora subentra anche la consapevolezza della realtà circostante che interpretiamo continuamente con le nostre categorie mentali.

Diventiamo osservatori puri quando non giudichiamo e non applichiamo le nostre ristrette categorie mentali su ogni evento o fenomeno. Tutto quello che osserviamo ha infinite sfaccettature.

Se diciamo subito: questo è bene e questo è male, limitiamo la nostra capacità di comprensione. È necessario osservare con il distacco dovuto. Distacco da noi stessi, dai nostri più inconsci desideri, dai dinamismi mentali più laceranti, dalla superficialità condizionata, dai luoghi comuni.

Se prendiamo coscienza che la vita in sé è davvero un gran mistero, inizieremmo ad eliminare ogni tipo di zavorra che ci impedisce di osservare tutto in profondità.

Ma bisogna cominciare dalle piccole cose per poi procedere gradualmente, con coraggio, verso la comprensione dell’intero processo della vita e questo porta ad una seria maturazione della nostra persona, la quale è destinata alla Trascendenza.

 

 

PER LE DONAZIONI:

https://www.paypal.com/paypalme/piaipi

 

SEGUIMI: Mondocrea: https://www.mondocrea.it

Facebook https://www.facebook.com/pierangelo.piai

Instagram https://www.instagram.com/pierangelopiai

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG…

 

 

 

Il motivo per cui molti non pregano è perché dicono di non vedere Dio. Anche la visione esterna esige un atto di fede. Tanta gente invece ai suoi tempi lo ha visto fare miracoli strepitosi ma non ha creduto in Lui.

FARE ESPERIENZA DI DIO

Per pregare bene la cosa più importante è il modo con cui si prega.

Ci sono 2 modi di pregare: Il modo del fariseo e il modo del pubblicano.

Anche il fariseo prega ma usa Dio per il proprio riconoscimento.Il pubblicano si riconosce un umile “vuoto pieno di miseria”.

Anche nei religiosi che vogliono farsi santi c’è una sottile voglia di essere riconosciuti da Dio e dagli altri, ma chi vuole essere il primo sarà l’ultimo. In questo caso si conta più su se stessi che su Dio ed allora, dopo molto fervore, si rischia di cadere sempre negli stessi peccati.

Si diventa consapevoli di regredire spiritualmente e di aver sbagliato tutto. Invece è questa la via che Dio vuole da noi: sprofondare nel nostro nulla ed allora il Signore può lavorare su di noi. “Dal profondo a te grido” dice il salmo.

Quando siamo umili il Signore è dentro di noi.Il demonio ha una fede perfetta, riconosce che Gesù è il Santo di Dio, ma non è umile. Esso vorrebbe salvarsi da solo, ma non vuol dipendere dal Signore.

Anche san Paolo aveva una spina nella carne e pregava il Signore affinché gliela togliesse. Ma non gliela tolse perché è proprio quella spina che lo spronava a pregare perché gli faceva misurare il suo nulla, il suo vuoto. Noi dovremmo essere dei contenitori vuoti che Dio vuole riempire di sé.

Anche la salute è un dono, ma non è detto che sia sempre una grazia.

Santa Teresa del Gesù Bambino disse che Dio le fece la grazia di godere nel sentirsi miserabile..

Quando siamo pieni di Dio la nostra preghiera acquista la potenza di Dio perché è la preghiera dello Spirito Santo in noi.Il lavoro della nostra vita spirituale, dunque, è quello di svuotarci di noi per far posto a Dio e godere di essere nulla.Gesù, emesso un alto grido spirò: morì e non riuscì a dire più niente.

La nostra vita umana è compresa tra due grida, quello della nascita e quello della morte, segno del bisogno di Dio. Prima di morire si dovrebbe dire “Gesù, abbi pietà di me peccatore”Dio viene attirato dal vuoto che l’anima crea in sé rivolta a Lui.Gesù ci ha dato l’esempio sulla croce; si è svuotato completamente per il Padre…(21,18,)

VIDEO DI p. SERAFINO TOGNETTI: https://www.youtube.com/watch?v=RCgs_…

 

PER LE DONAZIONI:

https://www.paypal.com/paypalme/piaipi

SEGUIMI:

Mondocrea: https://www.mondocrea.it

Facebook https://www.facebook.com/pierangelo.piai

Instagram https://www.instagram.com/pierangelop…

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG…

 

 

dal “Diario di un pellegrino carnico” di p.Albino Candido

 

13 Luglio 1983…

 

“Bisogna che conservi in me questa certezza e vi trovi quella serenità che tu infondi alle anime che in te si abbandonano o Signore. Tu provvedi a tutto. Tu sei tutto. L’abbandono in te rende soffici anche le cose più aspre. Se fossimo pronti ad afferrare al momento giusto gli affronti della vita, le scabrosità del nostro cammino, le delusioni, le paure, le mancanze, e gettarle nella tua volontà che è amore che tutto brucia e rinnova, fa risorgere e ricrea, allora sul nostro cuore e sul nostro volto non calerebbe il velo della tristezza e saremmo creature che vivono come se fossero uscite dalla vita e avessero già percorso il cammino di prova e purificazione.

Non è mai finito il tempo di amare, in qualunque modo, con il caldo e il gelo, con il vuoto e il fervore di spirito. Che siamo vuoti e indifferenti lo siamo in Lui. Signore, oggi mi sento indifferente e vuoto, ebbene, oggi il mio canto per te è l’indifferenza e il vuoto e quel senso di disagio, di incompletezza in tutto quello che vivo.

Ma tu vivi in questa situazione, e di questa situazione di nausea. Tu sei capace di farne elemento di maturazione, elemento di salvezza, elemento di liberazione, perfino fonte di gioia. Credo in questo.

Se non credessi in questo tutto sarebbe annullato, annichilito, vano, tutto sarebbe frutto della mia iniziativa e quindi effimero e fragile, velleitario, esile, labile.

 

 

SEGUIMI:

Mondocrea: https://www.mondocrea.it

Facebook https://www.facebook.com/pierangelo.piai

Instagram https://www.instagram.com/pierangelopiai

PER LE DONAZIONI:https://www.paypal.com/paypalme/piaipi

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

Potete essere giovani e belli, oppure ricchi e famosi, ma se non  volete comprendere la vita nella sua interezza, tutto è davvero inutile o dannoso.

Chi si fissa nella sua ristretta visione della vita, non ha la voglia di esplorare il mistero dell’esistenza.

Se ne appropria di una piccolissima porzione illudendosi di essere qualcuno, ma dentro c’è il vuoto che spinge la persona a riempirlo negli effimeri piaceri, nelle cose che arrecano sempre più insoddisfazione.

È necessario lasciarci guidare dall’amore per non cadere nella trappola mortale del nichilismo, per cui bisogna essere educati all’amore vero.

Il vero amore illumina i meandri più oscuri della nostra mente ed irradia luce sulle cose, sugli eventi, sulla vita stessa.

È esso che permette di allargare i nostri orizzonti mentali per non rimanere cristallizzati nei pregiudizi e nelle nostre meschinerie.

Puoi essere considerato un grande uomo o un potente, ma se non c’è in te l’amore  sei una nullità, una canna vuota scossa dal vento.

Chi comprende seriamente che non ha amore per gli altri, per se stesso o per la vita,  si rivolga a Colui che è la fonte dell’Amore, perché è Lui stesso Amore e gliene può dare in abbondanza.

Ma è necessario riconoscere la nostra pochezza ed attendere con pazienza i suoi doni…

Dio ama coloro che lo cercano umilmente…

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG…

 

Tu non sei ció che pensano gli altri. E nemmeno quello che pensi tu:

Aspetta. Controlla il dinamismo della tua mente. Lascia il passato ed il futuro. Dimentica i tuoi problemi. Lascia i pregiudizi.

Rientra in te stesso e osserva i contenuti della tua mente. Devi solo osservarli, non giudicarli. Non ricordare nemmeno la terra che ti sorregge, o l’aria che respiri.

Osserva solo i tuoi pensieri e lasciali scorrere fino ad essere ingoiati nell’oblio.

Tu non sei i tuoi pensieri. Non hai i limiti dell’angusto ambiente che ti circonda. Tu sei fermo, mentre i tuoi pensieri appaiono, girano e scompaiono per lasciare il posto ad altri che rifanno ció che facevano i precedenti.

Tu rimani te stesso, quasi sospeso nello spazio. Scompare l’Universo e la stessa terra sotto i tuoi piedi, mentre tu rimani miracolosamente sospeso nel vuoto.

Lo stesso tuo corpo si dissolve nel molteplice e rimane la tua coscienza di esistere.

Verrá il momento in cui ti chiedi chi realmente sei e scoprirai che non lo avevi mai saputo, che avevi sempre simulato e che illudevi continuamente te stesso….

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

Testo di p.Albino Candido, Diario di un pellegrino carnico, 13 luglio 1983.

 

Tu, Signore, provvedi a tutto. Tu sei tutto. L’abbandono in te rende soffici anche le cose più aspre.

Se fossimo pronti ad afferrare al momento giusto gli affronti della vita, le scabrosità del nostro cammino, le delusioni, le paure, le mancanze, e gettarle nella tua volontà che è amore che tutto brucia e rinnova, fa risorgere e ricrea, allora sul nostro cuore e sul nostro volto non calerebbe il velo della tristezza e saremmo creature che vivono come se fossero uscite dalla vita e avessero già percorso il cammino di prova e purificazione.

Non è mai finito il tempo di amare, in qualunque modo, con il caldo e il gelo, con il vuoto e il fervore dí spirito. Che siamo vuoti e indifferenti lo siamo in Lui.

Signore, oggi mi sento indifferente e vuoto, ebbene, oggi il mio canto per te è l’indifferenza e il vuoto e quel senso di disagio, di incompletezza in tutto quello che vivo.

Ma tu vivi in questa situazione, e di questa situazione di nausea.

Tu sei capace di farne elemento di maturazione, elemento di salvezza, elemento di liberazione, perfino fonte di gioia.

Credo in questo. Se non credessi in questo tutto sarebbe annullato, annichilito, vano, tutto sarebbe frutto della mia iniziativa e quindi effimero e fragile, velleitario, esile, labile.

 

(testo di p.Albino Candido, Diario di un pellegrino carnico, 13 luglio 1983)

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

 

 

Quando ti senti troppo triste, rivolgiti con fede allo Spirito Santo: la tua tristezza si dissolverà ed Egli ti donerà la gioia interiore.

Quando ti senti eccessivamente preoccupato, invoca lo Spirito Santo ed Egli ti aiuterà a compiere il bene serenamente, invece di vivere tormentato.

Quando ti senti interiormente vuoto e senza entusiasmo, implora insistentemente lo Spirito Santo ed Egli ti ispirerà facendoti scoprire l’immenso dono della vita.

Quando non ti senti ben voluto dagli altri, invoca lo Spirito Santo, ed Egli ti aiuterà ad amare senza pretendere di essere riamato.

Ricorda che lo Spirito Santo ti ascolta sempre perché ti ama e desidera la tua salvezza affinché un giorno tu possa glorificare Dio in pienezza e per tutta l’eternità

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

La vita é meno amara se la condiamo con un po’ di poesia. L’umanità non ha bisogno di soli ingegneri, architetti, scienziati,tecnici ecc.
L’universo del freddo matematico é costituito da sistemi in continua analisi, molteplicità organizzata, geometrie che si incrociano ecc.
Quello dell’uomo integrale, invece, é costituito anche da sintesi, metafore, analogie, che richiamano il mistero profondo dell’esistenza che non può essere sempre sezionata col bisturi del freddo e cinico calcolo.
L’uomo senza poesia finirá nel disincanto piú vuoto e non avrà piú voglia di vivere. E questo perché amore e poesia sono inscindibili…
Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2800) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier
Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri). Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”:

La vita é meno amara se la condiamo con un po’ di poesia. L’umanità non ha bisogno di soli ingegneri, architetti, scienziati, tecnici ecc.

L’universo del freddo matematico é costituito da sistemi in continua analisi, molteplicità organizzata, geometrie che si incrociano ecc.

Quello dell’uomo integrale, invece, é costituito anche da sintesi, metafore, analogie, che richiamano il mistero profondo dell’esistenza che non può essere sempre sezionata col bisturi del freddo e cinico calcolo.

L’uomo senza poesia finirá nel disincanto piú vuoto e non avrà piú voglia di vivere.
E questo perché amore e poesia sono inscindibili…

 

 

 

 

“L’uomo nella prosperitá non comprende” – dice Il salmista. (salmo 49)

In effetti quando abbiamo la salute non sempre sappiamo apprezzarla, così dimostriamo poca gratitudine per i numerosi doni ricevuti dal Signore nell’arco della nostra vita.

Il fissare la mente solo sulla parte vuota del bicchiere, inaridisce il cuore, inasprisce i rapporti umani, causa l’indifferenza verso il Creatore, il quale attende sempre da noi una risposta d’amore e di gratitudine.

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2900) iscrivetevi al mio canale youtube
“UNIVERSO INTERIORE piaipier”:
http://www.youtube.com/user/piaipier

 

 

Non possiamo sentirci bene psicologicamente se non diamo attenzione all’aspetto spirituale: corpo, mente e spirito; l’attenzione quindi a tutte e tre le componenti umane.

Cos’è quel “vuoto” che tanti di noi avvertono e che interpella le nostre coscienze? Quel bisogno (che ai nostri giorni la scienza rifiuta in nome dell’oggettività) che crea quel “male dell’anima” e che l’uomo con il suo relativismo strisciante non riesce a superare, proprio per questa dimenticanza basilare.

Il bisogno del sacro, non è una opzione tra le tante, ma un elemento della struttura della coscienza e nessuno si può sentire appagato veramente, se non riesce a raggiungere un atteggiamento e credo religioso.

Rudolf Otto, un pastore luterano tedesco, sosteneva che il Sacro è una categoria della mente umana atta a percepire il mondo e quindi anche a condizionare la sua conoscenza. Se è quindi una “categoria” della mente, esprime anche il bisogno di avere una risposta che includa il “sacro”, senza rimandare ad altro e quindi alla scienza e alla filosofia. Ecco la spiritualità, una risposta umana al bisogno della sacralità della vita dell’uomo.

“La grande malattia del ventesimo secolo, che ha a che vedere con tutti i nostri problemi e che ci colpisce sia in quanto singoli individui, sia in quanto società, è la “perdita d’anima”. Quando l’anima è trascurata, non si limita ad abbandonarci; essa ricompare in modo sintomatico nelle ossessioni, nelle dipendenze di ogni genere, nelle forme di violenza e nella perdita di significato della vita; il sacro quindi, non è un momento della storia della coscienza, ma un elemento della struttura della coscienza, e nessuno guarisce veramente e non trova pace, se non riesce a raggiungere un atteggiamento religioso”. (Thomas Moore )

“Negli ultimi trent’anni sono stato consultato da gente venuta da ogni parte del mondo civile; tra tutti i miei pazienti che avevano passato i trentacinque anni, non ne trovai uno i cui problemi non fossero in ultima istanza legati ad una visione religiosa della vita. Posso dire con sicurezza che ognuno di loro si era ammalato, perché aveva perduto ciò che le religioni viventi in ogni epoca hanno dato ai loro seguaci, e nessuno di essi guarì davvero finché non ebbe riacquistata la visione religiosa della vita”. (Carl Jung)

“In tutte le culture storiche conosciute, la religione è sempre stato l’elemento essenziale della cultura stessa; anzi, era il suo centro determinante”. (Papa Ratzingher).

Per un bene-essere quindi è indispensabile far riferimento con la Fede al nostro Creatore, senza la quale, ogni uomo avverte un vuoto che lo tiene sulle corde; è come se vivesse da dissociato, perchè vive dimenticando e trascurando la sua vera identità di figlio di Dio.

(Estratto di un testo di Eugenio Carretta relativo ad una mia domanda su QUORA)

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2700) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

 

 

Ermes Ronchi – Il Vangelo – 9 aprile 2017

Quel centurione che vide un re morire di amore

Domenica delle Palme – Anno A

In quel tempo Gesù comparve davanti al governatore, e il governatore lo interrogò dicendo: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Tu lo dici». E mentre i capi dei sacerdoti e gli anziani lo accusavano, non rispose nulla. Allora Pilato gli disse: «Non senti quante testimonianze portano contro di te?». Ma non gli rispose neanche una parola, tanto che il governatore rimase assai stupito. A ogni festa, il governatore era solito rimettere in libertà per la folla un carcerato, a loro scelta. In quel momento avevano un carcerato famoso, di nome Barabba. (…)

Si aprono, con la lettura della Passione del Signore, i giorni supremi, quelli da cui deriva e a cui conduce tutta la nostra fede. E quelli che fanno ancora innamorare.
Volete sapere qualcosa di voi e di me? – dice il Signore – Vi do un appuntamento: un uomo in croce. La croce è l’immagine più pura e più alta che Dio ha dato di se stesso. E tuttavia domanda perennemente aperta.

«A stento il nulla» di David Maria Turoldo:
No, credere a Pasqua non è / Giusta fede: / troppo bello sei a Pasqua! / Fede vera / È al venerdì santo / Quando tu non c’eri lassù / Quando non una eco risponde / Al suo alto grido / E a stento il Nulla / Dà forma / Alla tua assenza

E prima ancora l’appuntamento di Gesù è stato un altro: uno che è posto in basso. Che cinge un asciugamano e si china a lavare i piedi ai suoi. Chi è Dio? Il mio lavapiedi. In ginocchio davanti a me. Le sue mani sui miei piedi. Davvero, come Pietro, vorrei dire: lascia, smetti, non fare così, è troppo. E Lui: sono come lo schiavo che ti aspetta, e al tuo ritorno ti lava i piedi. Ha ragione Paolo: il cristianesimo è scandalo e follia. Dio è così: è bacio a chi lo tradisce, non spezza nessuno, spezza se stesso. Non versa il sangue di nessuno, versa il proprio sangue. Non chiede più sacrifici, sacrifica se stesso.
Ne esce capovolta ogni immagine, ogni paura di Dio. Ed è ciò che ci permette di tornare ad amarlo da innamorati e non da sottomessi.

La suprema bellezza della storia è quella accaduta fuori Gerusalemme, sulla collina, dove il Figlio di Dio si lascia inchiodare, povero e nudo, a un legno per morirvi d’amore.
Pietra angolare della fede cristiana è la cosa più bella del mondo: bello è chi ama, bellissimo chi ama fino alla fine. L’ha colto per primo non un discepolo ma un estraneo, il centurione pagano: davvero costui era figlio di Dio. Non da un sepolcro che si apre, non da uno sfolgorare di luce, ma nella nudità di quel venerdì, vedendo quell’uomo sulla croce, sul patibolo, sul trono dell’infamia, un verme nel vento, un soldato esperto di morte dice: davvero costui era figlio di Dio. Ha visto qualcuno morire d’amore, ha capito che è cosa da Dio.

C’erano là molte donne che stavano ad osservare da lontano. In quello sguardo, lucente d’amore e di lacrime, in quell’aggrapparsi con gli occhi alla croce, è nata la Chiesa. E rinasce ogni giorno in chi ha verso Cristo, ancora crocifisso nei suoi fratelli, lo stesso sguardo di amore e di dolore. Che circola nelle vene del mondo come una possente energia di pasqua.

«Dalla fine» di Jan Twardowski:
Inizia dalla Risurrezione / Dal sepolcro vuoto / Da Nostra Signora della Gioia / Allora perfino la croce allieterà…/ Non fate di me una piagnucolona / Dice Nostra Signora / Una volta era così / Ora è diverso / Inizia dal sepolcro vuoto / Dal sole / Il vangelo si legge come le lettere ebraiche / Dalla fine.

(Letture: Isaia 50,4-7; Salmo 21; Filippesi 2,6-11; Matteo 26,14- 27,66)
https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/quel-centurione-che-vide-un-re-morire-di-amore

http://buff.ly/2nHNxAT

1 Giugno 2016

Messaggio della Madonna di Medjugorje

 

fileDBicn_doc picture
verso etern.DOC

I 10 SEGRETI DI MEDJUGORJE (di Padre Livio Fanzaga):

fileDBicn_mp3 picture
segretimedjugorje.MP3

VIDEO RELATIVI AI MESSAGGI DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE

PLAYLIST RELATIVA A MEDJUGORJE (MESSAGGI E COMMENTI IN VIDEO)
https://www.youtube.com/playlist?list=PL_I8V9Z5YmOY_O1E9krjhlTo3O_k-L-6y

LE APPARIZIONI DELLA MADONNA A PORZUS – Nuova versione

6 luglio 2005

Il Catechismo della Chiesa Cattolica in mp3

IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA IN AUDIO

5 Gennaio 2010

REPORT SUL 21° SECOLO

Attraverso un
fantascientifico viaggio nel tempo, l’autore del libro, Pier Angelo
Piai, desidera sensibilizzare il lettore a prendere coscienza del
nostro comune modo di pensare ed agire, noi del 21° secolo che ci
vantiamo di essere progrediti. In che cosa consiste, allora, la vera
evoluzione della specie umana?
Quando l’uomo potrà diventare davvero integrale?
Report
cerca di dare alcune risposte ai moltissimi interrogativi che emergono
in queste pagine scritte attraverso riflessioni e  considerazioni
sociologiche, antropologiche e filosofiche.

6 Luglio 2005

6 luglio 2005 Il Catechismo della Chiesa Cattolica in mp3

IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA IN AUDIO
Catechesi e omelie di padre Lino Pedron