23 Febbraio 2014

L’EFFETTO FARFALLA E LA CONSAPEVOLEZZA

« Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo »
(The Butterfly Effect, 2004)

Ogni evento ed ogni scelta sono il risultato di un concatenamento di altri eventi ed altre scelte che spesso sfuggono alla nostra consapevolezza.

Se approfondiamo il funzionamento della nostra mente attraversando l’oceano dei ricordi ci accorgeremmo che anche un accadimento che credevamo insignificante od una scelta che a noi pareva irrilevante sono stati determinanti per quello che siamo ora “hic et nunc”, nel nostro contesto ambientale e psicologico. Noi siamo quello che ci siamo costruiti e saremo quello che ci stiamo costruendo…

Per fare riferimento a fatti concreti , basti pensare a quanti fattori hanno determinato la nascita del nostro pianeta e della biosfera. Ammassi stellari, sole, buchi neri, antimateria, forza di gravità, inclinazione dell’asse terrestre, attività solare, caduta di meteoriti, esplosioni vulcaniche, glaciazioni ecc.:  sarebbe bastato un piccolo spostamento dell’asse terrestre, o un cambiamento dell’attività magnetica del nucleo della terra o l’attività di una vicina supernova o qualsiasi evento cosmico diverso e la vita non sarebbe stata possibile.

Ponendoci come osservatori più vicini alla nostra realtà, constatiamo causalità più immediate e meno remote per la nostra stessa esistenza umana e cosciente.
Noi tutti siamo stati concepiti dall’incontro tra lo spermatozoo e l’ovulo.

C’erano milioni di spermatozoi che gareggiavano, ma uno solo, dopo mille peripezie, ha fecondato l’ovulo. Se ci fosse stato un ritardo di qualche secondo, probabilmente sarebbe entrato nell’ovulo un altro spermatozoo ed al nostro posto sarebbe nata un’altra persona (o nessuno).

Ciò significa che anche una piccola decisione o un evento insignificante come uno starnuto od uno sbadiglio potrebbero cambiare il corso degli eventi.

Noi siamo immersi in un sistema spazio-temporale intricatissmo, nel quale interagiscono fenomeni di ogni tipo, una percentuale dei quali causati dalla nostra stessa volontà, superficialità o distrazione.
Quando riflettiamo a fondo anche sugli eventi globali che giudichiamo molto negativi, come le guerre o le catastrofi naturali, ci accorgiamo che hanno determinato conseguenze importantissime per la nostra stessa esistenza.

La Seconda Guerra Mondiale, ad esempio, ha contribuito a ridefinire la geografia politica di molti popoli causando esodi di massa, la revisione di interi assetti sociali, la nascita di nuove politiche economiche basate su ideologie emergenti ecc., tutti elementi questi che hanno condizionato le decisioni dei nostri ascendenti, e quindi la nostra stessa esistenza.

Ognuno di noi  è la causa di eventi che potrebbero ripercuotersi a livello globale anche a nostra insaputa.
Questo tipo di consapevolezza è in continua evoluzione, ma se ben coordinata dalla nostra mente e dalla volontà in sintonia con gli altri, potrebbe arrecare un benefico vantaggio non solo per se stessi, ma per l’intera umanità se si diffondesse in modo responsabile il più possibile.

« Lo spostamento di un singolo elettrone per un miliardesimo di centimetro, a un momento dato, potrebbe significare la differenza tra due avvenimenti molto diversi, come l’uccisione di un uomo un anno dopo, a causa di una valanga, o la sua salvezza. »
(Alan Turing, Macchine calcolatrici ed intelligenza, 1950)

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 900) iscrivetevi al mio canale youtube “piaipier”:  http://www.youtube.com/user/piaipier

a cura di http://www.mondocrea.it