Sito creato da un privato (persona fisica) a solo scopo amatoriale, con esclusione di attività professionale e senza scopo di lucro.
Il sito è stato affidato a Maria e benedetto dal parroco.

scrivimi

MONDOCREA: finalità (10.000 visite giornaliere circa)


Per chi desiderasse iscriversi al mio canale YouTube (piaipier):
http://www.youtube.com/user/piaipier

 

 

Chi vive nella costante percezione della provvisorietá della sua fragile esistenza terrena, é piú facilmente orientato a fidarsi della Trascendenza.

Non fa affidamento assoluto sui suoi progetti temporali, usa il denaro con distacco, non si aspetta la gratitudine degli altri, non viene deluso dai fallimenti personali, é meno pressato dalle aspirazioni sociali e professionali, vive piú a suo agio nell’istante, non rimpiange il passato e non si corrode interiormente pensando con paura al futuro.

É, insomma, consapevole che tutto ciò che sta materialmente e affettivamente costruendo in questa imprevedibile vita terrena, anche se con fatica, puó improvvisamente dissolversi e la sua anima immortale entra nell’altra dimensione senza recare con sé alcunché…

Vivere provvisoriamente significa vivere in profonditá interiormente sereni, completamente abbandonati alla divina Provvidenza, nella consapevolezza che “Nulla é impossibile a Dio”

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

 

 

La vita terrena è davvero un autentico e continuo miracolo perché, nonostante migliaia di improvvisi pericoli possono farci soccombere da un momento all’altro, continuiamo a pensare, a parlare, a camminare, a lavorare ecc.

Ci soffermiamo poco a pensare a questo continuo miracolo anche perché molte volte temiamo che le paure potrebbero prevalere sulla riconoscenza che dobbiamo a Colui che ci sorregge da quando siamo stati concepiti.

“Il Signore vede e provvede, provvede seguendo fedelmente il suo Amore che è infinito per tutti” (p.Albino, Diario p.169)

Come facciamo a controllare le nostre paure?

Bisogna confidare nel Signore. Ce lo ha ordinato Lui stesso. Essere consapevoli che Egli ci ama individualmente e che non ci abbandonerà mai se ci poniamo fiduciosi tra le sue braccia. Egli sa meglio di noi cosa è bene per le nostre anime.

Del resto abbiamo infinite prove che siamo sorretti dalla Provvidenza in ogni momento. Nei momenti di riflessione silente prendiamone coscienza riempiendo il nostro cuore di gratitudine.

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 5000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

 

 

 

 

Beati coloro che non temono il passaggio nell’altra vita, anzi lo desiderano con tutto il proprio cuore, perché attendono con gioia in ogni momento la venuta del Signore!

Costoro piacciono al Signore Gesù Cristo perché dimostrano di avere estrema fiducia in Lui.
Sono disposti a lasciare in qualsiasi momento questa dimensione spazio-temporale, perché sicuri della Divina Misericordia.

Mirano ad essere sempre pronti attraverso i Sacramenti della Riconciliazione e dell’Eucaristia.

Nella dolce attesa curano la preghiera personale, recitano il Santo Rosario e la Coroncina della divina Misericordia.

Relativizzano tutti i problemi abbandonandosi alla Divina Provvidenza. Amano Dio ed il prossimo e sono sereni interiormente…

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 4000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

 

 

 

 

 

La nostra mente non puó comandare al cuore di interrompere i suoi battiti, né ai reni di non funzionare e nemmeno di far crescere un capello…ecc..

Perché agitarsi tanto, allora, se siamo consapevoli che la nostra vita é continuamente sorretta dall’Onnipotenza divina d’Amore?

É piú utile, invece, vivere nello stupore esistenziale, allorché siamo consapevoli che ovunque osserviamo in profonditá siamo inebriati di mistero, di incredibili concatenamenti di causa-effetto, di molteplicitá che tendono all’unitá, di bellezza sublime, di complessitá che orienta alla coscientizzazione ecc.

Viviamo in un oceano di sublimitá, ma non ce ne accorgiamo perché vogliamo rimanere ciechi.

Solo lo Spirito puó liberare le nostre menti e la nostra anima dal loro stato narcotico…

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG…

a cura di https://www.mondocrea.it

 

 

Lettura sapienziale della pandemia da Covid-19 in un contesto pastorale ed ecclesiale.

Mi chiedo ancora e spesso, perchè? Cosa vuoi Signore da noi? Cosa ci stai dicendo? Non perchè il Signore non parli al suo popolo, solo che stalvolta è cambiata la modalità. Dio parla come tutti noi: mediante la sua Parola nella sua Chiesa. Parlando esprime una volontà, un disegno, un progetto da compiere. Nella storia della Fede di Israele e poi della Chiesa, spesso ciò che non si è voluto o potuto capire e compiere, si è dovuto farlo “per forza”. Questo accade anche nella storia personale di ognuno di noi. Se la Chiesa avesse avuto una sensibilità sapienziale e non arroccata su se stessa, avrebbe accolto le provocazioni di Lutero e molto probabilmente non avremmo avuto lo scisma nella chiesa cattolica. Ma bisogna anche dire che la Chiesa è figlia del suo tempo e che tutto si compie a suo tempo.
Questo della pandemia è stato il tempo della Chiesa interiore ed esistenziale. Non che prima non lo fosse, ma era oppressa da altri aspetti. Ad Israele è venuto a mancare il tempio quando è stato deportato in Babilonia, mentre in Patria non ne sentiva il bisogno, oppure era sotteso, latente, ordinario. E proprio lì, in cattività, in quarantena forzata, quando gli mancava fisicamente il tempio, il culto, le tradizioni, la liturgia, è giunto a maledirsi, ad attaccarsi la lingua al palato se avesse fatto uscire da bocca i canti di Sion in terra straniera, cioè in una situazione nuova e imbarazzante, come la cattività. E noi ci siamo stati in cattività.
Talvolta le cose insignificanti e nascoste provocano più di quelle visibili ed eclatanti. Proprio quelle minute richiamano a realtà molto più profonde: Vedi la vedova povera al tempio o la straniera che chiede le briciole che cadono dalla tavola o lo storpio alla piscina che non fa mai in tempo a buttarsi in acqua, o il centurione pagano che Gesù esalta per la sua fede. In realtà ha fatto più effetto il recente lockdown che decenni di ordinaria predicazione della Chiesa in tempo di quaresima. Sto riferendomi alla scoperta e riscoperta della Chiesa esistenziale a discapito di quella cultuale, della “vittoria” della preghiera personale su quella comunitaria, sulla carità nascosta di chi si nasconde, si chiude in casa per fare del bene invisibile, sulla carità che fisicamente esce e va verso il bisognoso. Insomma, c’è stato il capovolgimento delle abitudini, delle consapevolezze, delle certezze, un rimescolamento di tutto per ritrovare un equilibrio tra le parti. E ciò non è stato facile o naturale. Con la mente eravamo consapevoli che saremmo dovuti rimanere a casa, ma alla prima tentazione di culto, di spesa impellente, di urgenza da vita, di servizi da offrire, siamo usciti di casa. E spesso noi che siamo guide di un popolo, non siamo stati da esempio: siamo usciti, abbiamo fatto sempre qualcosa, mettendo a rischio la salute di chi ci accompagnava e a rischio l’unità della Chiesa e del presbiterio.
Certamente Dio ci ha parlato, a tutti, richiamando a suon di Lockdown e morti, le giuste misure in tema di vita, di fede, di responsabilità, di ecologia, di priorità per una equilibrata vita sociale, politica e religiosa. Ad esempio: le misure di contenimento, il distanziamento, i guanti e le mascherine, ci hanno detto molto di più delle norme di vita ascetica e di vita spirituale. Faccio un esempio concreto: per noi che viviamo i consigli evangelici sia in forma di voti sia in forma di promessa, le norme di contenimento ci hanno aiutato nella comprensione che la familiarità e la promiscuità con persone e cose è un campo minato, che l’obbedienza al vescovo non è un optional da interpretare ma è dare a Dio quel che è di Dio, che l’obbedienza ai decreti governativi equivale a dare a Cesare quello che è di Cesare.
Il blocco totale e la chiusura ai fedeli delle nostre chiese ha fatto intendere meglio il valore della Messa della domenica su quella feriale della settimana, che davvero occorre più Messa e meno Messe, ha fatto intendere che le comunicazioni virtuali sono un’opportunità da saper gestire con discernimento, responsabilità e prudenza.
Poi, sinceramente, non so fino a che punto questo virus abbia davvero inciso la coscienza collettiva, ma comunque il suo contributo l’ha dato, anche grazie alla globalizzazione. Rispetto alla pandemia della spagnola del 1920, più virulento e assassino, questo coronavirus è stato visualizzato da 5 miliardi di persone nello stesso istante, ogni giorno, per mesi. I dati mondiali della pandemia scorrevano in tempo reale sui nostri schermi.
Cosa fare, cosa proporre, cosa tenere in considerazione a livello pastorale?
1. Credo che bisogna battere il ferro caldo della memoria, dell’esperienza concreta e recente, contestualmente a quella biblica ed ecclesiale. Dobbiamo adottare misure strategiche e pastorali che tengano conto dell’urgenza e della crisi che ci ha trovati sprovvisti e impreparati. Mi riferisco alla preghiera personale abbinata allo studio e alla meditazione della Parola. Ora è il tempo di agire con tempestività perchè il popolo è affamato di saggezza, di sapienza, di Parola. Lo abbiamo visto scosso, impaurito, impreparato, in pericolo. Non so cosa potrebbe accadere ad una seconda e ravvicinata simile crisi se non fosse ben disposto e plasmato dall’azione dello Spirito Santo. Di questo noi pastori siamo responsabili davanti a Dio. Credo che mai come ora il popolo è disposto, è attento, è pronto. L’esperienza gli è servita ad inquadrare una nuova scala di valori.
2. Impostare il territorio e le parrocchie in modo che tale formazione sia efficace, vedi le unità pastorali. Come a dire: se non mettiamo la Parola, la Celebrazione e la testimonianza subito, ora e adesso, al centro di tutta la nostra azione e attenzione, ora che abbiamo il ferro ancora caldo da battere, avremmo perso una grande opportunità di fare il bene al nostro popolo. Vedi Lutero ..

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).

Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG…

 

 

Non possiamo aspettarci che la vittoria si ottenga attraverso un cammino continuo e diritto: la vittoria si ottiene attraverso le fatiche, attraverso le oppressioni.
Così è avvenuto quando si trattava della liberazione d’Israele, così è avvenuto quando si trattava della redenzione che Cristo avrebbe operato nel mondo: Egli avrebbe ottenuto la salvezza e liberazione attraverso la sua morte, l’apparente fallimento di tutta la Sua vita.
Così avviene nella storia della Chiesa anche oggi, così avviene nella nostra povera vita.
Non è forse vero che gli strumenti migliori dell’azione divina, della sua provvidenza, sono i nemici di Dio?
Sono essi che provocano più grande male, ma sono anche essi che, provocando il male, in qualche modo impegnano.
(dal “Diario di un pellegrino carnico” di p. Albino Candido p.177)
Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier
Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).
Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it
La crisi che incombe su di noi ogni giorno di più come una minaccia sulla nostra esistenza sta diventando per ognuno di noi la sorgente di tentazioni atroci di ogni genere, perché l´orizzonte è foriero di grandi sofferenze, l´orizzonte è chiuso e il sole non si vede più. Abbiamo bisogno di capire meglio il fenomeno della tentazione.
La tentazione è l´induzione a commettere delle sciocchezze, a prendere delle decisioni che all´inizio sembrano una evasione dalla realtà, ma poi una volta consumato il peccato, il buio diventa ancora più minaccioso. Devi stare attento a non perdere la fede, perché soltanto Dio ti può dare la forza di resistere e di aspettare pazientemente l´evolversi degli eventi. La tentazione più frequente è appunto la perdita della fede. Dio non ci spinge verso il male, ci aiuta a portare la croce con amore e serenità di animo. Dopo la notte nera, spunta sempre il sole.
Le lunghe ore della notte sembra che non passino mai, ma il tempo cammina e scaraventa nel passato le cose belle e quelle brutte. Tante volte ti accorgi che non vorresti essere indotto al male, eppure non riesci ad allontanare quei pensieri che non vorresti avere, hai quelle spinte irresistibili che non vorresti sentire. Non è Iddio, sei tu che non hai fede, sei tu che invece di pregare maledici le persone che non risolvono mai i problemi che dicono di voler risolvere.
Se tu ti addentri nella tentazione, il peccato diventa attraente, in un secondo momento suggestiona la tua mente e il tuo cuore, per cui cominci a dare il consenso.
Se ti succede questo, sappi che hai parlato con satana e lui ti ha prima allontanato dalla fede e poi ti porta a commettere sciocchezze di cui certamente ti pentirai. Io non dico che tutto il mondo è “insatanato”, dico soltanto che satana esiste, da lui viene tutto quello che ci sta succedendo, lui ha consigliato gli uomini e le donne a commettere errori su errori che ci hanno portato a questa maledetta crisi che sta strozzando il mondo; continuamente tenta ognuno di noi e cerca di terrorizzarci.
Rimani saldo nella fede in Dio, la Provvidenza è un dogma della nostra fede, Dio è nostro Padre, la crisi l´abbiamo voluta noi, tutti infatti abbiamo rifiutato le norme dei diritti umani e della giustizia, tutti chi più e chi meno, abbiamo collaborato alla distruzione di tutti i valori umani e cristiani che reggono il mondo.
La crisi non cambia mediante le promesse che ci fanno i politici, dobbiamo tutti capire che nel mondo tutti hanno il diritto di vivere e di avere le stesse cose necessarie alla vita. La crisi si risolverà soltanto quando tutti, indistintamente tutti, capiremo che dobbiamo vivere una vita semplice e modesta, secondo la preghiera che ci suggerisce la Sacra Scrittura: o Signore, non darmi la ricchezza, non darmi neppure la povertà, dammi quello che ogni giorno basta per la mia vita.
La crisi si risolverà soltanto quando tutti rivolgeremo a Dio questa preghiera.
Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier
Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI” (può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).
Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: https://www.youtube.com/channel/UCEvG… a cura di https://www.mondocrea.it

TUTTO È MISTERO

Oggettivamente ogni esperienza della nostra esistenza è piuttosto misteriosa, molto di più di quello che crediamo ed è assai difficile comprenderla in profondità.

A volte si arriva ad intuire qualcosa per tentativi, ma capire perfettamente ogni più piccolo evento sembra quasi impossibile in questa dimensione spazio-temporale.

È illusorio pensare di comprendere sufficientemente ogni esperienza quando conosciamo qualche relazione di causa-effetto e cerchiamo di individuare le sue cause prossime.

Gran parte delle nostre asserzioni sono “tautologiche”. Mi spiego: se io mi chiedo il perché la luce attraversa il vetro pulito e rispondo a me stesso: “perché il vetro è trasparente”, non ho dato una risposta davvero soddisfacente, perché il termine “trasparente” significa “che fa passare la luce”. Praticamente io ho risposto alla mia domanda con i contenuti della stessa domanda: “Il vetro lascia passare la luce perché esso “lascia passare la luce” (trasparente)

Allora bisognerebbe rispondere enucleando tutte le cause prossime del fenomeno mettendo in evidenza la natura della luce o del vetro: Ma anche le cause prossime vanno inserite in determinati contesti. Ad esempio, cercando di comprendere la natura intrinseca della luce e del comportamento dei fotoni. Poi ci si dovrebbe chiedere perché esistono i fotoni in quel modo e con quelle caratteristiche ecc. Così per quanto riguarda la struttura del vetro.

Dopo aver applicato i metodi della scienza attuale (molto limitati), dovremmo cominciare a chiederci il fine ultimo di tutti questi fenomeni, ma qui ci si perde in un mare magnum…

Gran parte dei filosofi si sono cimentati proprio su questo e molti hanno anche elaborato una metafisica, convinti dell’inadeguatezza del nostro linguaggio in continua evoluzione.

Personalmente credo che siamo stati creati da Dio, il quale ci sorregge amorevolmente. Ma appunto perché Dio è Amore infinito e noi proveniamo da Lui, per ora non ci è dato di conoscere le motivazioni più profonde di tutte le nostre esperienze, anche se in base al nostro libero arbitrio abbiamo moltissime possibilità di scelta tra il bene ed il male.

 

 

Il credente è convinto che tutto sia stato creato dal Dio e che nulla succede se Egli non lo permette.
La pandemia CONVID19 che sta imperversando in quasi tutto il mondo, allora è permessa da Dio. Così come sono permesse tutte le altre situazioni spiacevoli e dolorose personali e collettive. Se riteniamo che questa sia una prova per ciascuno di noi e per tutti, allora dovremmo chiederci il perché, in quanto sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio.

1) Forse sinora ho pensato troppo poco a Dio e questa situazione mi spinge ad invocare il suo aiuto?

2) Probabilmente tendo a trascurare la famiglia e l’isolamento coatto mi sprona a riscoprire di più i miei famigliari?

3) Ho fondato la mia esistenza su troppe sicurezze economiche senza pensare che la vera Provvidenza è Dio stesso?

4) Ho sottovalutato il valore della Santa Messa ed ora la sua mancanza mi aiuta a darle il suo giusto valore? E così anche per la Santa Confessione: ora che non ho la possibilità di praticarla, sento la sua necessità? Oppure ho anche abusato di essa reiterando gli stessi peccati?

5) Ho ringraziato troppo poco Dio per tutto ciò ho potuto godere sinora? Questa è l’occasione per riscoprire la gratitudine nei suoi confronti.

6) Ho dato troppa importanza al successo, al prestigio ed alla scalata sociale? Questo periodo dovrebbe aiutarmi a ridimensionarmi per cercare innanzitutto il Regno dei Cieli, il resto, se crediamo ci verrà dato in sovrappiù.

Ma ci sono moltissime altre riflessioni che ognuno di noi potrebbe fare..

Quello che importa è credere che il Padre Celeste è Amore..

 

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 3000 iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Se sei iscritto, qualora lo desiderassi, fai parte della “CONFRATERNITA della COMUNIONE DEI SANTI” beneficiando delle preghiere di tutti i membri.

 

 

Sin dall’uso di ragione avremmo dovuto vivere ogni istante nella consapevolezza della nostra estrema provvisorietà. È l’evidenza dei fatti. Ogni evento può ritorcersi contro di noi per rapirci la vita terrena in qualsiasi momento.

Chi é abituato a vivere in questa dimensione consapevolmente, non si abbatte troppo se un minuscolo virus accentua questa percezione di provvisorietà su scala globale.

La pandemia in atto, che riteniamo un evento eccezionale, ci fa inconsciamente posporre in un secondo piano tutti gli altri pericoli che abbiamo affrontato e superato sin dalla nostra nascita grazie ad una mano provvidenziale.

Si tratta di riconoscerla , ma la paura non ci rende abbastanza lucidi per questo. Tutti noi siamo sempre stati sorretti dalla Divina Provvidenza, la quale non smetterá di sorreggerci fino alla nostra ora prestabilita, tramite la quale entreremo nella dimensione dove più nulla sará provvisorio, ma Tutto avverrá nell’eterno istante…

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2900) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

 

Se sei iscritto, qualora lo desiderassi, fai parte della “CONFRATERNITA della COMUNIONE DEI SANTI” beneficiando delle preghiere di tutti i membri.

 

 

La Divina Provvidenza permea tutta la nostra vita terrena, ma spesso non ne siamo consapevoli, oppure siamo accecati dall’orgoglio e non lo vogliamo ammettere, negando persino l’esistenza di Dio-Padre.
Dal nostro concepimento siamo preservati da ogni sorta di pericoli: gli anni che abbiamo raggiunto sinora, piccoli e grandi, sono voluti da Dio, il quale conosce tutto di noi, anche le profondità più nascoste. Sa di che cosa abbiamo bisogno, pur lasciandoci il libero arbitrio.

Ecco perché è importante vivere nella piena fiducia in Lui. Egli è davvero Amore Onnipotente e nulla succede se Lui non lo permette. Quando affrontiamo una malattia, un incidente od una calamità naturale e sociale, Egli lo sa infinitamente meglio di noi dall’eternità.

Nei suoi piani salvifici tutto ha un ruolo, anche il male, paradossalmente: la salvezza della nostra anima. Ricordiamo che Gesù stava dormendo sulla barca durante la tempesta. Svegliato dai discepoli impauriti Egli placò il mare e sgridò i discepoli per la loro mancanza di fede.

Fidiamoci sempre del Signore e ringraziamolo in ogni momento della nostra vita.

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2900) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier Se sei iscritto, qualora lo desiderassi, fai parte della “CONFRATERNITA della COMUNIONE DEI SANTI” beneficiando delle preghiere di tutti i membri.

 

 

Se un microscopico essere come il virus puó minare la vita ed il sistema economico e sociale dell’umanitá, ció ci dovrebbe far meditare sull’enorme fragilità della nostra esistenza.

Ma la nostra estrema fragilità è evidente da tante cose: le forze della natura avverse, gli incidenti di ogni tipo, moltissime malattie fisiche e psichiche, la violenza umana ecc.

Per questo dovremmo stupirci del fatto che anche oggi possiamo coricarci, ma non sappiamo se domani mattina potremo alzarci come stamane.

Siamo sorretti dalla Divina Provvidenza, ma troppo pochi ne prendono coscienza…

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2800) iscrivetevi al mio canale youtube
“UNIVERSO INTERIORE piaipier”:
http://www.youtube.com/user/piaipier

Chi desidera può diventare membro della confraternita “COMUNIONE DEI SANTI”
(può così ricevere e dare solidarietà nella preghiera tra i membri).
Basta iscriversi al canale “UNIVERSO INTERIORE piaipier”:

 

 

 

Dal Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica

53. Perché è stato creato il mondo?
Il mondo è stato creato per la gloria di Dio, che ha voluto manifestare e comunicare la sua bontà, verità e bellezza. Il fine ultimo della creazione è che Dio, in Cristo, possa essere «tutto in tutti» (1 Cor 15,28), per la sua gloria e per la nostra felicità.
«La gloria di Dio è l’uomo vivente e la vita dell’uomo è la visione di Dio» (sant’Ireneo)

54. Come Dio ha creato l’universo?

295-301 317-320

Dio ha creato l’universo liberamente con sapienza e amore- II mondo non è il prodotto di una necessità, di un destino cieco o del caso. Dio ha creato «dal nulla» (ex nihilo: 2Mac 7,28) un mondo ordinato e buono, che egli trascende in modo infinito. Dio conserva nell’essere la sua creazione e la sorregge, dandole la capacità di agire e conducendo la al suo compimento, per mezzo del suo Figlio e dello Spirito Santo.

55. In che cosa consiste la Provvidenza divina? 302-306 321

Essa consiste nelle disposizioni, con cui Dio conduce le sue creature verso la perfezione ultima, alla quale Egli le ha chiamate. Dio è l’autore sovrano del suo disegno. Ma per la sua realizzazione si serve anche della cooperazione delle sue creature. Allo stesso tempo, dona alle creature la dignità di agire esse stesse, di essere causa le une delle altre.

56. Come l’uomo collabora con la Provvidenza divina? 307-308 323

All’uomo Dio dona e chiede, rispettando la sua libertà, di collaborare con le sue azioni, le sue preghiere, ma anche con le sue sofferenze, suscitando in lui «il volere e l’operare secondo i suoi benevoli disegni» (Fil 2,13).

57. Se Dio è onnipotente e provvidente, perché allora esiste il male? 309-310 324,400

A questo interrogativo, tanto doloroso quanto misterioso, può dare risposta soltanto l’insieme della fede cristiana. Dio non è in alcun modo, né direttamente né indirettamente, la causa del male. Egli illumina il mistero del male nel suo Figlio, Gesù Cristo, che è morto e risorto per vincere quel grande male morale, che è il peccato degli uomini e che è la radice degli altri mali.

58. Perché Dio permette il male? 311-314 324

La fede ci dà la certezza che Dio non permetterebbe il male, se dallo stesso male non traesse il bene. Dio questo l’ha già mirabilmente realizzato in occasione della morte e risurrezione di Cristo: infatti dal più grande male morale, l’uccisione del suo Figlio, egli ha tratto i più grandi beni, la glorificazione di Cristo e la nostra redenzione.

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2900) iscrivetevi al mio canale youtube
“UNIVERSO INTERIORE piaipier”:
http://www.youtube.com/user/piaipier

Il Vangelo a cura di Ermes Ronchi

Dio ci offre non solo guarigione, ma salvezza

XXVIII Dom.T. O. – Anno C – 2019

Vangelo (Luca 17,11-19)

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samaria e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. […]

Dieci lebbrosi che la sofferenza ha riunito insieme, che si appoggiano l’uno all’altro. Appena Gesù li vide… Notiamo il dettaglio: appena li vide, subito, spinto dalla fretta di chi vuole bene, disse loro: andate dai sacerdoti e mostrate loro che siete guariti!

I dieci si mettono in cammino e sono ancora malati; la pelle ancora germoglia piaghe, eppure partono dietro a un atto di fede, per un anticipo di fiducia concesso a Dio e al proprio domani, senza prove: «La Provvidenza conosce solo uomini in cammino» (san Giovanni Calabria), navi che alzano le vele per nuovi mari.

I dieci lebbrosi credono nella salute prima di vederla, hanno la fede dei profeti che amano la parola di Dio più ancora della sua attuazione, che credono nella parola di Dio prima e più che alla sua realizzazione. E mentre andavano furono guariti. Lungo il cammino, un passo dopo l’altro la salute si fa strada in loro.

Accade sempre così: il futuro entra in noi con il primo passo, inizia molto prima che accada, come un seme, come una profezia, come una notte con la prima stella, come un fiume con la prima goccia d’acqua.

E furono guariti. Il Vangelo è pieno di guariti, sono il corteo gioioso che accompagna l’annuncio di Gesù: Dio è qui, è con noi, coinvolto nelle piaghe dei dieci lebbrosi e nello stupore dell’unico che ritorna cantando. E al quale Gesù dice: la tua fede ti ha salvato!.

Anche gli altri nove che non tornano hanno avuto fede nelle parole di Gesù. Dove sta la differenza? Il samaritano salvato ha qualcosa in più dei nove guariti. Non si accontenta del dono, lui cerca il Donatore, ha intuito che il segreto della vita non sta nella guarigione, ma nel Guaritore, nell’incontro con lo stupore di un Dio che ha i piedi nel fango delle nostre strade, e gli occhi sulle nostre piaghe.

Nessuno si è trovato che tornasse a rendere gloria a Dio? Ebbene «gloria di Dio è l’uomo vivente» (sant’Ireneo). E chi è più vivente di questo piccolo uomo di Samaria? Lui, il doppiamente escluso, che torna guarito, gridando di gioia, danzando nella polvere della strada, libero come il vento? Non gli basta tornare dai suoi, alla sua famiglia, travolto da questa inattesa piena di vita, vuole tornare alla fonte da cui è sgorgata.

Altro è essere guariti, altro essere salvati. Nella guarigione si chiudono le piaghe, ma nella salvezza si apre la sorgente, entri in Dio e Dio entra in te, come pienezza. I nove guariti trovano la salute; l’unico salvato trova il Dio che dona pelle di primavera ai lebbrosi, che fa fiorire la vita in tutte le sue forme, e la cui gloria è l’uomo vivente, «l’uomo finalmente promosso a uomo» (P. Mazzolari).

(Letture: 2 Re 5,14-17; Salmo 97; 2 Timoteo 2,8-13; Luca 17,11-19)

https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/dio-ci-offre-non-solo-guarigione-ma-salvezza

 

 

 

Nel mondo d’oggi vi è così poca fede che o si spera troppo o si dispera.

Vi son persone che dicono: “Ho fatto troppi peccati, Dio non mi può perdonare!”.

È questa una grave bestemmia; è stabilire un limite alla divina misericordia, che, essendo infinita, non conosce limiti.

Se aveste fatto tanto male, quanto ne occorre per trarre in perdizione una parrocchia intera, se vi confessate e vi pentite del male commesso e proponete di non ricadervi, Dio vi perdona.

Figliuoli miei, Dio è tanto sollecito nell’accordarci il perdono che gli chiediamo quanto una madre è premurosa di strappare dal fuoco il proprio bambino.

Viviamo dunque in pace, sul seno di questa buona Provvidenza, che si prende tanta cura dei nostri bisogni. Dio ci ama più che il migliore dei padri, più che la più tenera fra le madri.

Non ci resta che sottometterci con cuore figliale ed abbandonarci alla sua volontà.

 

(Santo Curato d’Ars)

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2800) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

 

 

 

Se ti senti abbandonato da tutti : fidati, Dio non ti abbandonerà mai.

Se ti senti schiacciare dal rimorso per le tue colpe passate : fidati, Dio le ha completamente cancellate, se ti sei pentito sinceramente.

Se sei indigente ed oppresso dalla povertà : fidati, Dio è Provvidenza e non ti lascerà mancare il necessario.

Se girano infami calunnie su di te: fidati, Dio ti conosce profondamente e prima o poi farà emergere la verità.

Se non ti senti amato nemmeno dai tuoi familiari e parenti: fidati, se preghi per loro Dio toccherà i loro cuori.

Se ti senti oppresso dalle tentazioni: fidati, Dio ti aiuterà a superarle.

 

Abbi fede, prega, ama e continua a fare il bene: Dio si prende sempre cura di te!

 

ALCUNI LIBRI DI PIER ANGELO PIAI

GUARIRE LA MENTE PER GUARIRE IL CORPO: http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

LA SPIRALE DELLA VITA (riedizione) :    http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

L’ANIMA ESISTE ED È IMMORTALE ed. Segno http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

“LA FORZA DELLA FRAGILITÀ” ed.Segno (In questo mio libro troverete preghiere per molti stati d’animo e situazioni personali) http://www.edizionisegno.it/libro.asp….

VERSO L’ETERNITÀ (commenti su 4 anni di messaggi della Regina della Pace) http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

LA STIMMATIZZATA DI UDINE (Storia autentica di Raffaella Lionetti, dotata di speciali carismi) http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

FIAMMA D’AMORE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

CONCETTA BERTOLI – La donna che vide la terza guerra mondiale http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

IL RESPIRO DELL’ANIMA INNAMORATA http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

MARCELLO TOMADINI  il pittore fotografo dei lager   https://www.edizionisegno.it/libro.as…

DIARIO DI UN PELLEGRINO CARNICO https://www.edizionisegno.it/libro.as

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2200) iscrivetevi al mio canale youtube “piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

 

 

Il sole sorge e tramonta. Scena che si è ripetuta per tutti i giorni che sinora abbiamo vissuto. Se uno ha 40 anni sono 14.600 giorni. Non troviamo questo fatto meraviglioso? Sappiamo quante probabilità di vivere abbiamo in una giornata?

Proviamo a pensare: In ogni momento un flusso straordinario di raggi gamma provenienti da una stella esplosa milioni di anni fa potrebbe distruggere la terra.

E così si potrebbe essere annientati in qualsiasi momento da un grosso meteorite.

O da un’anomala attività solare.

O da un improvviso spostamento dell’asse terrestre.

O da un grosso terremoto o da una enorme esplosione vulcanica.

Potremmo essere annientati anche da un’improvvisa guerra atomica, o da una pandemia causata da virus e batteri sconosciuti.

Personalmente si potrebbe essere colpiti in ogni momento da qualsiasi malattia mortale, o da un incidente grave, o da un infortunio in qualsiasi posto.

Non troviamo meraviglioso il fatto che si sia sopravissuti per tutti questi anni?

Chi ci sta realmente sostenendo?

Riflettiamo seriamente e non neghiamo superficialmente l’esistenza del Creatore e Signore di tutto ciò che esiste.

 

 

ALCUNI LIBRI DI PIER ANGELO PIAI

 

GUARIRE LA MENTE PER GUARIRE IL CORPO: http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

LA SPIRALE DELLA VITA (riedizione) :    http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

L’ANIMA ESISTE ED È IMMORTALE ed. Segno http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

“LA FORZA DELLA FRAGILITÀ” ed.Segno (In questo mio libro troverete preghiere per molti stati d’animo e situazioni personali) http://www.edizionisegno.it/libro.asp….

VERSO L’ETERNITÀ (commenti su 4 anni di messaggi della Regina della Pace) http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

LA STIMMATIZZATA DI UDINE (Storia autentica di Raffaella Lionetti, dotata di speciali carismi) http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

FIAMMA D’AMORE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

CONCETTA BERTOLI – La donna che vide la terza guerra mondiale http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

IL RESPIRO DELL’ANIMA INNAMORATA http://www.edizionisegno.it/libro.asp…

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 2000) iscrivetevi al mio canale youtube “piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

Gesù aveva detto: “Senza di me non potete fare nulla”. Ed è vero. Infatti Egli è il Figlio prediletto del Padre e noi tutti dobbiamo lasciarci plasmare dallo Spirito Santo per divenire sempre più simili a Lui, ed essere così graditi al Dio trinitario che ci attende per la felicità eterna.

Signore Dio, Padre amorevole onnipotente, ti ringraziamo in ogni momento della nostra vita terrena. Tu hai creato tutto ciò che vediamo, dal più piccolo corpuscolo alle enormi galassie.

Nulla di ciò che esiste si è fatto da solo, ma ogni cosa proviene da te. Anche il nostro corpo, la nostra mente e la nostra anima immortale sono stati da te creati dal nulla e sussistono per la tua Provvidenza.

Fa’ o Signore che vediamo ovunque la tua impronta e ti riconosciamo in ogni persona che vive accanto a noi o che incontriamo lungo la vita terrena.

Fa’ che riconosciamo nel tuo Figlio Gesù Cristo il nostro Signore e Salvatore, insieme all’opera rigeneratrice dello Spirito Santo

 

 

(disegni nel video di Perla Paik)

 

ALCUNI LIBRI DI PIER ANGELO PIAI

 

GUARIRE LA MENTE PER GUARIRE IL CORPO:
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1486#disqus_thread

LA SPIRALE DELLA VITA (riedizione) :
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1487

L’ANIMA ESISTE ED È IMMORTALE ed. Segno
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1412

“LA FORZA DELLA FRAGILITÀ” ed.Segno (In questo mio libro troverete preghiere per molti stati d’animo e situazioni personali)
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1323.

VERSO L’ETERNITÀ (commenti su 4 anni di messaggi della Regina della Pace)
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1322

LA STIMMATIZZATA DI UDINE (Storia autentica di Raffaella Lionetti, dotata di speciali carismi)
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1392

FIAMMA D’AMORE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA
http://www.edizionisegno.it/libro.asp?id=1451

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (quasi 2000) iscrivetevi al mio canale youtube “piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

a cura di

 

https://www.mondocrea.it

 

 


Il Vangelo a cura di Padre Ermes Ronchi

XII Domenica tempo ordinario – Anno A – 2017

Perché il Padre tiene il conto anche dei nostri capelli

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

Non abbiate paura: voi valete più di molti passeri. Ogni volta, di fronte a queste parole provo paura e commozione insieme: la paura di non capire un Dio che si perde dietro le più piccole creature: i passeri e i capelli del capo; la commozione di immagini che mi parlano dell’impensato di Dio, che fa per te ciò che nessuno ha fatto, ciò che nessuno farà: ti conta tutti i capelli in capo e ti prepara un nido nelle sue mani. Per dire che tu vali per Lui, che ha cura di te, di ogni fibra del corpo, di ogni cellula del cuore: innamorato di ogni tuo dettaglio.
Nemmeno un passero cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Eppure i passeri continuano a cadere, gli innocenti a morire, i bambini ad essere venduti a poco più di un soldo o gettati via appena spiccato il loro breve volo.
Ma allora, è Dio che fa cadere a terra? È Dio che infrange le ali dei corti voli che sono le nostre vite, che invia la morte ed essa viene? No. Abbiamo interpretato questo passo sull’eco di certi proverbi popolari come: non si muove foglia che Dio non voglia. Ma il Vangelo non dice questo, assicura invece che neppure un passero cadrà a terra senza che Dio ne sia coinvolto, che nessuno cadrà fuori dalle mani di Dio, lontano dalla sua presenza. Dio sarà lì.
Nulla accade senza il Padre, è la traduzione letterale, e non di certo senza che Dio lo voglia. Infatti molte cose, troppe accadono nel mondo contro il volere di Dio. Ogni odio, ogni guerra, ogni violenza accade contro la volontà del Padre, e tuttavia nulla avviene senza che Dio ne sia coinvolto, nessuno muore senza che Lui non ne patisca l’agonia, nessuno è rifiutato senza che non lo sia anche lui (Matteo 25), nessuno è crocifisso senza che Cristo non sia ancora crocifisso.

 

Quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo sulle terrazze, sul posto di lavoro, nella scuola, negli incontri di ogni giorno annunciate che Dio si prende cura di ognuno dei suoi figli, che nulla vi è di autenticamente umano che non trovi eco nel cuore di Dio.

Temete piuttosto chi ha il potere di far perire l’anima, l’anima è vulnerabile, l’anima è una fiamma che può languire: muore di superficialità, di indifferenza, di disamore, di ipocrisia. Muore quando ti lasci corrompere, quando disanimi gli altri e togli loro coraggio, quando lavori a demolire, a calunniare, a deridere gli ideali, a diffondere la paura.

 

Per tre volte Gesù ci rassicura: Non abbiate paura (vv 26,28,31), voi valete! Che bello questo verbo! Per Dio, io valgo. Valgo di più, di più di molti passeri, di più di tutti i fiori del campo, di più di quanto osavo sperare. E se una vita vale poco, niente comunque vale quanto una vita.

(Letture: Geremia 20,10-13; Salmo 68; Romani 5,12-15; Matteo 10,26-33)

https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/perche-il-padre-tiene-il-conto-anche-dei-nostri-capelli?utm_content=buffer56358&utm_medium=social&utm_source=facebook.com&utm_campaign=buffer

http://buff.ly/2tyqKfd

“Due passeri non si vendono forse per un soldo?
Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro.
Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati.
Non abbiate dunque paura:
voi valete più di molti passeri!”
cfr . Matteo 10,26-33

Per dire che tu vali per Lui,
che ha cura di te,
di ogni fibra del corpo,
di ogni cellula del cuore:
innamorato di ogni tuo dettaglio.

… il Vangelo assicura che neppure un passero cadrà a terra
senza che Dio ne sia coinvolto,
che nessuno cadrà fuori dalle mani di Dio,
lontano dalla sua presenza.
Dio sarà lì.

… nulla avviene senza che Dio ne sia coinvolto,
nessuno muore senza che Lui non ne patisca l’agonia,
nessuno è rifiutato senza che non lo sia anche lui (Matteo 25),
nessuno è crocifisso senza che Cristo non sia ancora crocifisso.

 

Ermes Ronchi – Il Vangelo – 26 febbraio 2017

VIII Domenica Tempo ordinario – Anno A

Dio ha bisogno delle nostre mani per essere Provvidenza

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza. Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. (…)

Non preoccupatevi. Per tre volte Gesù ribadisce il suo invito pressante: non abbiate quell’affanno che toglie il respiro, per cui non esistono feste o domeniche, non c’è tempo di fermarsi a guardare negli occhi la vita, a parlare con chi si ama. Non lasciatevi rubare la serenità e salvate la capacità di godere delle cose belle che ogni giorno il Padre mette sulla vostra strada, che accadono dentro il vostro spazio vitale.
Ma soprattutto, per quale motivo non essere in ansia? Perché Dio non si dimentica: può una madre dimenticarsi del suo figliolo? Se anche una madre si dimenticasse, io non mi dimenticherò di te, mai (Isaia 49,14-15, Prima Lettura).

Guardate gli uccelli del cielo, osservate i gigli del campo. Gesù parla della vita con le parole più semplici e più proprie: coglie dei pezzi di terra, li raduna nella sua parola e il cielo appare.
Gesù osserva la vita e nascono parabole. Osserva la vita e questa gli parla di fiducia. Il Vangelo oggi ci pone la questione della fiducia. Dove metti la tua fiducia? La risposta è chiara: in Dio, prima di tutto, perché Lui non abbandona e ha un sogno da consegnarti. Non mettere la sicurezza nel tuo conto in banca.

Gesù sceglie gli uccelli, esseri liberi, quasi senza peso, senza gravità, che sono una nota di canto e di libertà nell’azzurro. Lasciatevi attirare come loro dal cielo, volate alto e liberi! Vivete affidàti. La fede ha tre passi: ho bisogno, mi fido, mi affido.

Affidatevi e non preoccupatevi. Non un invito al fatalismo, in attesa che Qualcuno risolva i problemi, perché la Provvidenza conosce solo uomini in cammino (don Calabria): se Dio nutre creature che non seminano e non mietono, quanto più voi che seminate e mietete.

Non preoccupatevi, il Padre sa. Tra le cose che uniscono le tre grandi religioni, c’è la certezza che Dio si prende cura, che Dio provvede.
Non preoccupatevi, Dio sa. Ma come faccio a dirlo a chi non trova lavoro, non riesce ad arrivare a fine mese, non vede futuro per i figli?
«Se uno è senza vestiti e cibo quotidiano e tu gli dici, va in pace, non preoccuparti, riscaldati e saziati, ma non gli dai il necessario per il corpo, a che cosa ti serve la tua fede?» (Giacomo 2,16). Dio ha bisogno delle mie mani per essere Provvidenza nel mondo. Sono io, siamo noi, i suoi amici, il mezzo con cui Dio interviene nella storia. Io mi occupo di qualcuno e Lui, che veste di bellezza i fiori del campo, si occuperà di me.

Cercate prima di tutto il Regno. Vuoi essere una nota di libertà nell’azzurro, come un passero? Bello come un fiore? Cerca prima di tutto le cose di Dio, cerca solidarietà, generosità, fiducia; fìdati e troverai ciò che fa volare, ciò che fa fiorire!

(Letture: Isaia 49,14-15; Salmo 61; 1 Corinzi 4,1-5; Matteo 6,24-34)

http://buff.ly/2lAZJWm

https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/dio-ha-bisogno-delle-nostre-mani-per-essere-provvidenza

1 Giugno 2016

Messaggio della Madonna di Medjugorje

 

fileDBicn_doc picture
verso etern.DOC

I 10 SEGRETI DI MEDJUGORJE (di Padre Livio Fanzaga):

fileDBicn_mp3 picture
segretimedjugorje.MP3

VIDEO RELATIVI AI MESSAGGI DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE

PLAYLIST RELATIVA A MEDJUGORJE (MESSAGGI E COMMENTI IN VIDEO)
https://www.youtube.com/playlist?list=PL_I8V9Z5YmOY_O1E9krjhlTo3O_k-L-6y

LE APPARIZIONI DELLA MADONNA A PORZUS – Nuova versione

6 luglio 2005

Il Catechismo della Chiesa Cattolica in mp3

IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA IN AUDIO

5 Gennaio 2010

REPORT SUL 21° SECOLO

Attraverso un
fantascientifico viaggio nel tempo, l’autore del libro, Pier Angelo
Piai, desidera sensibilizzare il lettore a prendere coscienza del
nostro comune modo di pensare ed agire, noi del 21° secolo che ci
vantiamo di essere progrediti. In che cosa consiste, allora, la vera
evoluzione della specie umana?
Quando l’uomo potrà diventare davvero integrale?
Report
cerca di dare alcune risposte ai moltissimi interrogativi che emergono
in queste pagine scritte attraverso riflessioni e  considerazioni
sociologiche, antropologiche e filosofiche.

6 Luglio 2005

6 luglio 2005 Il Catechismo della Chiesa Cattolica in mp3

IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA IN AUDIO
Catechesi e omelie di padre Lino Pedron