Sito creato da un privato (persona fisica) a solo scopo amatoriale, con esclusione di attività professionale e senza scopo di lucro.
Il sito è stato affidato a Maria e benedetto dal parroco.

scrivimi

MONDOCREA: finalità (10.000 visite giornaliere circa)


Per chi desiderasse iscriversi al mio canale YouTube (piaipier):
http://www.youtube.com/user/piaipier

Fb 6 settembre 2020

LEGARE SCIOGLIENDO, SCIOGLIERE LEGANDO

Mai senza l’altro.

Voce di Ezechiele: ti ho fatto sentinella, custode, eco per i tuoi fratelli. Voce di Paolo: avete un solo debito, quello dell’amore reciproco.

In una società competitiva, il cristiano è un custode, un riconoscente intercessore di altri. Non è un pretendente, ma è debitamente grato al suo prossimo.
In una società dove l’uomo è solo un essere sociale, al credente questo non basta, per lui Dio è seminato nei solchi stessi dell’umanità.

Quando due o tre si guardano con verità, lì c’è Dio. Quando gli amanti si dichiarano: tu sei la mia vita, sei ossa delle mie ossa, lì c’è Dio, nodo dell’amore, legame saldo e incandescente. Quando l’amico paga all’amico il debito dell’affetto, lì c’è Cristo, l’uomo perfetto, fine ultimo della storia, energia per ripartire verso il fratello, che se commette una colpa, tu vai, esci, prendi il sentiero e bussi alla sua porta. Forte della tua pienezza.

Il perdono non consiste in un dovere, ma in una decisione. Non nasce come evento improvviso, ma come percorso, e il suo scandalo, che va contro i nostri istinti, sta nel fatto che è la vittima a dover convertirsi, non colui che ha offeso.

Tu non lasciare che l’offesa subita occupi la scena, non abbassarti di fronte al male, che diventerebbe più forte, ma fai il primo passo, riapri tu per primo il dialogo. È il modo giusto per esserne liberati.

E puoi fare di più: intervenire nella vita dell’altro toccandolo nell’intimo, non grazie ad un ruolo o una presunta verità, ma perché dentro te si è incarnata la parola fratello, come afferma Gesù.

Solo se porti peso e gioia dell’altro, sei autorizzato ad ammonire. Se ti ascolterà, avrai guadagnato tuo fratello, perché solo la fraternità, legittima il dialogo. Non quella politica, in cui si misurano le forze, ma quella evangelica, in cui si misurano le sincerità.

Dio è l’autostrada che ci porta gli uni verso gli altri. Accetterò la tua verità purché si sposi con la tenerezza (E. Pound).

Il Vangelo sempre ci chiama a pensare in termini di “noi”. Non nell’illusione dei grandi numeri, ma lontano dal palco, iniziando dalla più piccola comunità: io-tu. Nel cuore della vita.

Ciò che scioglierete avrà libertà per sempre, ciò che legherete avrà comunione per sempre. E’ un crescendo fino al culmine: dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro.

Non nell’io, non nel tu, il Signore onniabbracciante tra me e te, nel legame.

Dio è lì.

Ma a cosa serve la presenza di Cristo? Che cosa genera?

E’ la forza che convoglia Dio nell’umano torrente.

Infatti: scioglierete, come lui ha sciolto Lazzaro dalle bende mortali, e sarà libertà infinita; legherete, come lui ha legato a sé uomini e donne, e sarà comunione infinita.

Sapienza pura e pulita dell’amore. Maestro saggio, che sa quando trattenere e quando lasciare andare.

 

Avvenire 23 A Matteo 18, 15-20

Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro.

In mezzo a loro, come collante delle vite. Essere riuniti nel suo nome è parola che scavalca la liturgia, sconfina nella vita, Quando due o tre si guardano con verità, lì c’è Dio. Quando gli amanti si dichiarano: tu sei la mia vita, osso delle mie ossa, lì c’è Dio, nodo dell’amore, legame saldo e incandescente. Quando l’amico paga all’amico il debito dell’affetto, lì c’è Cristo, uomo perfetto, fine ultimo della storia, energia per ripartire verso il fratello, che se commette una colpa, tu vai, esci, prendi il sentiero e bussi alla sua porta. Forte della tua pienezza.

Ciò che legherete sulla terra, ciò che scioglierete…Legare non è il potere giuridico di imprigionare con giudizi o sentenze; sciogliere non significa assolvere da qualche colpa o rimorso. Indica molto di più: il potere di creare comunione e di liberare. Come mostra Gesù, alle volte mano forte che afferra Pietro quando affonda e lo stringe a sé; alle volte gesto tenero che scioglie la lingua al muto, disfa i nodi che tenevano curva una donna da diciotto anni (Luca 13,11) e la restituisce a una vita verticale.

Ogni volta che fai germogliare comunione o liberi qualcuno da qualche patibolo interiore, lì sta lo Spirito di Gesù. In mezzo: non semplicemente nell’io, non soltanto nel tu, ma nel legame, nel “tra-i-due”. Non in un luogo statico, ma nel cammino da percorrere per l’incontro.

Dio è un vento di libertà e di alleanza. E noi, fatti a sua immagine.

Appena prima di queste dinamiche, Matteo ha messo in fila una serie di verbi di dialogo e di incontro. Se il tuo fratello sbaglia con te, va’ e ammoniscilo: fai tu il primo passo, non chiuderti in un silenzio rancoroso, allaccia il dialogo.

E ammoniscilo. Cosa significa ammonire? Alzare la voce e puntare il dito? Era venuto Giovanni, profeta drammatico, che brandiva parole come lame (la scure è posta alla radice…). Poi è venuto Gesù ed ha capovolto il dito puntato, in carezza. Lui ammonisce i peccatori (in casa di Zaccheo, in casa di Levi) mangiando con loro; non con prediche dall’alto del pulpito, ma stando ad altezza di occhi, a millimetro di sguardi. Ammonisce senza averne l’aria, con la sorpresa dell’amicizia, che ricompatta quelle vite in frantumi. Chi ci ama ci sa rimproverare, chi non ci ama sa solo ferire o adulare.

Se ti ascolta, avrai guadagnato tuo fratello.

Il fratello è un guadagno, un tesoro per te e per il mondo, ogni persona un talento per la chiesa e per la storia. Investire in questo modo, investire in legami di fraternità e libertà, di cura e di custodia, è l’unica economia che produrrà vera crescita del bene comune.

 

 

 

“Di fronte ad una situazione così spiritualmente devastante come faccio a convincere gli altri che Gesù ci ama e vuole che ognuno di noi si salvi?”

Questa è una domanda che si fanno non solo i buoni sacerdoti ed i catechisti impegnati, ma anche molti laici cristiani pieni di zelo.

In effetti siamo testimoni di molti comportamenti peccaminosi: si tralasciano i Sacramenti, ci si tuffa nei bagordi e divertimenti di ogni tipo, non si considera il valore altissimo del sacramento del matrimonio, la bestemmia ed il turpiloquio si diffondono sempre di più, non si rispettano i dieci comandamenti, non si crede più nell’anima immortale e nell’aldilà, dilaga apostasia, si rinnega la divinità e persino l’esistenza di Gesù Cristo.

Insomma si espande l’incredulità ed il peccato in tutti gli ambiti sociali ed a ogni età.

Ad estremi mali estremi rimedi.

I sacerdoti nelle omelie, nelle catechesi e negli incontri inter-personali dovrebbero riprendere a parlare anche dell’aldilà con convinzione. Anche i catechisti ed i laici dovrebbero farlo.

Il profeta Giona fu inviato ad ammonire la città di Ninive per il pessimo comportamento dei suoi abitanti e questi si convertirono. Allora Dio decise di non distruggerla.

Oggi ci troviamo in una situazione ben peggiore. Nonostante le esortazioni moltissimi non intendono cambiare condotta. Se non si vuole essere attratti dal fascino del vero Bene e dell’amore, allora è necessario ammonire i fratelli dicendo a tutti chiaramente che esiste l’inferno ed è eterno, come più volte ha fatto Gesù.

Questa è una delle più alte forme di carità: aiutare le persone con la predicazione, la testimonianza personale e la preghiera a salvarsi l’anima.

 

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 2900) iscrivetevi al mio canale youtube “UNIVERSO INTERIORE piaipier”: http://www.youtube.com/user/piaipier

 

XXIII DOMENICA – Anno A

 

a cura di p. Ermes Ronchi

Ez 33, 7-9 – Rm 13, 8-10 – Mt 18, 15 20

 

Tutto comincia quando ci sentiamo debitori, dice Paolo;

quando ci sentiamo custodi, dice il Profeta; nomi belli dell’uomo…

e un terzo nome nel vangelo: i riconciliatori, che cercano tenacemente per una, due, tre, quattro volte le strade della comunione.

Nomi che mi ricordano il debito di esistere, e tutti coloro che mi hanno insegnato il mestiere di vivere, trasmettendo cultura e bellezza;

debitori di genitori, marito o moglie, di chi ci vuole bene ci dà un motivo per vivere…

e poi di madre terra, e infine debitori verso Dio.

Ora i debiti non sono un peso motivi per essere grati e per ringraziare.

 

Omelia

Dove due o tre sono riuniti nel mio nome io sono in mezzo a loro…

Nel mio nome… Il nome di Gesù? Il suo nome è passione d’amare, giustizia e pace, mitezza, limpido cuore, il nome di Gesù è: fratello!

Nel mio nome vuol dire: quando due o tre sono riuniti per pregare, certamente, ma non solo;

quando due persone vivono un legame secondo vangelo, allora Dio è lì.

Quando due si guardano con bontà e verità lì c’è Dio;

Quando un uomo e una donna dicono l’uno all’altra ‘io sono in debito con te, mi hai dato tanto’, lì c’è Dio;

Quando un genitore e un figlio, o due amici si ascoltano con amore vigile lì c’è Dio;

Quando hai fame e sete di giustizia e di pace, per te e per gli altri, lì c’è Dio.

Lì c’è Cristo, volto alto e puro dell’uomo, punto focale dei desideri, fluire profondo di vita, fuoco, creazione, illuminazione.

Quando in mille modi diversi un io e un tu diventano un noi, il legame che si crea è la porta di Dio, il sentiero umile e fortissimo del Regno.

Allora, nel cuore della vita, reale e spirituale coincidono.

 

Se tuo fratello commetterà una colpa contro di te, vai e ammoniscilo”. Dio è un vento di comunione che ci sospinge gli uni verso gli altri. Ma la portata scandalosa del perdono e della riconciliazione, ciò che va contro tutti i nostri istinti, sta nel fatto che è la vittima che deve convertirsi, non a colui che ha offeso, ma a colui che ha subito l’offesa è chiesto di iniziare il cammino. Dio sa quanto è difficile, eppure il vangelo assicura che è una possibilità offerta all’uomo, per un futuro risanato.

Il perdono è la de-creazione del male (R. Panikkar), perché rattoppa incessantemente il tessuto continuamente lacerato delle nostre relazioni.

Ma che cosa mi autorizza a intervenire nella vita dell’altro? La ragione è tutta in una parola: fratello, se tuo fratello….

Solo se porti la speranza e la gioia dell’altro, solo se hai assaporato l’amaro delle sue lacrime, solo allora sei autorizzato a intervenire. Altrimenti non intervenire, sarebbe solo una forma di aggressione.

Chi ci ama ci sa rimproverare, chi non ci ama sa solo ferire o adulare.

Ci autorizza non la voglia di aggiustare il mondo, di mettere tutte le cose a posto, o la furia giustizialista, ma la cura, la custodia dice Ezechiele: io ci tengo a te.

Dopo aver così interrogato il cuore, tu va’ e parla, tu fa il primo passo, non chiuderti in un silenzio ostile, non fare l’offeso, ma sii tu a riallacciare la relazione. Lontano dalle scene, nel cuore della vita, tutto inizia dal mattoncino elementare di tutta la realtà, il rapporto io-tu.

Se ti ascolta, avrai guadagnato tuo fratello. Verbo stupendo: guadagnare un fratello. C’è gente che guadagna soldi, gente che guadagna stima o potere, e poi c’è gente che guadagna fratelli.

Il fratello è un guadagno, un tesoro per te e per il mondo, un talento per la chiesa e la storia. Investire in questo modo, investire in fraternità è l’unica politica economica che produce vera crescita.

E alla fine del percorso tracciato da Gesù, una frase da capire bene: se non ascolta neppure i testimoni, neppure la comunità, quel fratello sia per te come il pagano e il pubblicano.

Sia un escluso, uno scarto, un rifiuto? No.

Con lui farai come Gesù, che siede a mensa con i pubblicani e discute di pane e briciole con la donna pagana; ricomincerai anche tu, con paziente fiducia, ad annunciare la bella notizia della tenerezza di un Dio chino su ciascuno dei suoi figli.

Il profeta ha detto: “Noi tutti siamo responsabili della vita e della morte di nostro fratello”. A Dio che gli chiede dove è Abele, Caino risponde: “Sono forse io il custode di mio fratello?”. La replica è chiara: Sì, tu sei il custode. Tutta la Bibbia risponde: Sì, tu sei il custode di molti fratelli. Ezechiele dice: “Tu sei sentinella di tuo fratello”.

Neppure Abele è esentato: alla fine Dio non chiederà a Caino: “cosa hai fatto di tuo fratello?” Ma chiederà ad Abele, e alle vittime: “Tu cosa hai fatto di tuo fratello Caino? L’hai perdonato? Ti sei riconciliato?”

Solo allora il mondo sarà davvero di Dio.

Il versetto dell’alleluia: Dio ha riconciliato il mondo affidando a noi la parola della riconciliazione A noi è affidata, alle nostre mani, dipende dalle mie scelte.

Nelle mia mani, il perdono non è un istinto è una decisione.

Un detto rabbinico molto bello: “Se io non rispondo di me, chi lo farà al posto mio? Ma se io rispondo solo di me, sono ancora io?”

Allora tutto quello che legherete sulla terra, tutto ciò che scioglierete quaggiù lo sarà anche in cielo… Il potere di sciogliere e legare non ha nulla di giuridico, Gesù non parla da giurista mai. Consiste piuttosto nel mandato fondamentale di tessere nel mondo strutture di riconciliazione. “Il potere di perdonare il male non è il potere giuridico dell’assoluzione, è il potere di diventare una presenza trasfigurante anche nelle esperienze più squallide, più impure, più alterate dell’uomo” (Don Michele Do).

È il potere conferito a tutti i fratelli di diventare presenza che de-crea il male, con gesti che vengono da Dio: perdonare i nemici, trasfigurare il dolore, immedesimarsi nel prossimo: è l’eternità che si insinua nell’istante, l’istante che si apre sull’eterno.

Ciò che avete riunito, riconciliato attorno a voi, le persone, gli affetti, le speranze lo ritroverete nel cielo.

Ciò che avete liberato attorno a voi di energie, di vita nuova, di audacia, di sorrisi non sarà più dimenticato, è storia santa.

Ciò che scioglierete avrà libertà per sempre, ciò che unirete avrà comunione per sempre.

Il credente sa che, per la Risurrezione di Cristo, ormai “non va perduta nessuna delle sue sincere preoccupazioni per gli altri.

Non va perduto nessun atto d’amore,

non va perduta nessuna generosa fatica,

non va perduta nessuna dolorosa pazienza.

Tutto ciò circola attraverso il mondo, circola come una forza di vita” (E G 278).

E porterà frutto, certamente. Se non qui, altrove.

Se non oggi, in un terzo giorno che certamente verrà.

La Risurrezione del Signore non si lascia sgomentare, non si ritira, “ha già penetrato la trama nascosta di questa storia”(278).

 

Preghiera

Tu sei qui, Signore, vento che sospinge alla comunione.

Tu sei in me, tu sei fra noi, riuniti qui nel tuo nome.

mi chiedi non di giudicare il mondo ma di amarlo,

di non ergermi a maestro di verità ma di diventare fratello,

di non accusare nessuno ma di riconciliarmi con tutti,

non di allontanarmi dagli altri quando mi appaiono sbagliati

ma di essere loro custode, sentinella, angelo.

Ora Tu sei qui fra noi, Tu sì fratello di ognuno,

sorgente di uno stellato fiume in cui ci fai navigare

verso un Regno di incontri e di creature riconciliate.

Tu sei qui per dare eternità

a tutto ciò che di più bello abbiamo seminato nel mondo,

a ciò che abbiamo liberato,

a ciò che abbiamo riconciliato.

Tu sei qui, fa’ che la nostra Chiesa

sia il luogo dove si respira la gioia per chi è stato ritrovato,

la passione per chi si è smarrito,

il dolore per chi è perseguitato.

Tu sei qui, resta con noi e con quanti amiamo

nel tempo e nell’eternità. Amen

 

Mettiamoci dalla parte di chi deve essere corretto, Dio sa quanto è difficile lasciarmi criticare o contestare. Facciamocele dire le cose, ci aiuta. Almeno a non perseverare nei nostri atti autodistruttivi

 

1 Giugno 2016

Messaggio della Madonna di Medjugorje

 

fileDBicn_doc picture
verso etern.DOC

I 10 SEGRETI DI MEDJUGORJE (di Padre Livio Fanzaga):

fileDBicn_mp3 picture
segretimedjugorje.MP3

VIDEO RELATIVI AI MESSAGGI DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE

PLAYLIST RELATIVA A MEDJUGORJE (MESSAGGI E COMMENTI IN VIDEO)
https://www.youtube.com/playlist?list=PL_I8V9Z5YmOY_O1E9krjhlTo3O_k-L-6y

LE APPARIZIONI DELLA MADONNA A PORZUS – Nuova versione

6 luglio 2005

Il Catechismo della Chiesa Cattolica in mp3

IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA IN AUDIO

5 Gennaio 2010

REPORT SUL 21° SECOLO

Attraverso un
fantascientifico viaggio nel tempo, l’autore del libro, Pier Angelo
Piai, desidera sensibilizzare il lettore a prendere coscienza del
nostro comune modo di pensare ed agire, noi del 21° secolo che ci
vantiamo di essere progrediti. In che cosa consiste, allora, la vera
evoluzione della specie umana?
Quando l’uomo potrà diventare davvero integrale?
Report
cerca di dare alcune risposte ai moltissimi interrogativi che emergono
in queste pagine scritte attraverso riflessioni e  considerazioni
sociologiche, antropologiche e filosofiche.

6 Luglio 2005

6 luglio 2005 Il Catechismo della Chiesa Cattolica in mp3

IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA IN AUDIO
Catechesi e omelie di padre Lino Pedron