Emmanuel Pruteanu este un tanar de noasprezece ani ce provine de la indepartata Romania si lucreaza tamplar la Cividale.
A compus aceasta poezie religioasa la fel cum e un psalm,pentru a-si exprima dorinta de revenire a salvatorului Isus Cristos.

Emanuel Pruteanu è un giovane diciannovenne che proviene dalla lontana ROMANIA e lavora a Cividale. Ha composto questa poesia religiosa, simile a un salmo, per esprimere la speranza nell’attesa della venuta del suo Redentore, Gesù Cristo, che egli ama moltissimo fin da quando era bambino.

crasc picture

NADEJDEA REVEDERII

Cand soarele apune

Si cerul e-nstelat

Privesc cu jind in urma

Si plang descurajat

Arsita vantul si furtuna

Mereu ma coplesesc

Astept sa vina ziua

Cand totul sa sfarsesc

Plangand ma scol in noapte

Si strig descurajat

Tu vii,sau sunt doar soapte

Eu sunt nemangaiat.

Privesc cu jind in zare

Astept un sfant soare
s-apuna-namea cale

Sa stearga lacrima de jale

Te-astept ISUS cu-atata dor

S-aduci al tau sfant fior

S-aprinzi in mine al meu dor

De TIN de tara visurilor

Mi-e greu aici in valea de suspine

De toate parca-s saturat

De chin dispret durere si jale

Ce ades le am de indurat.

Dar cred ca vine ziua fericirii

Si-astept nerabdator

Sa vina mirele iubirii

Isus printul triumfator

Si va suna prelung trompeta

Cand El pe nori se va ivi

Cu slava cinste si onoare

Luceafarul sfant va-nparati

Si vom primi atunci cununa

Din mana CELUI PREA INALT

Si fericirea va fi pentru totdeauna
Acol in PARADISUL minunat.

Ce bucurie-nversunata

Ne va astepta acolo sus

Cand la masa minunata

Se va aseza al nost ISUS

Si vom canta , acea cantare noua
Cantarea sfintilor din vesnicii

Vom fi ca si crini-n roua

Acol in slava din vesnicii

Oh, pana atunci sora si frate

Si tu copil nemangaiat,

Sa stam in post si unitate

In asteptarea celui PREAINALT.

Traduzione in italiano:

LA SPERANZA DI RIVEDERLO

Quando il sole tramonta

e il cielo è stellato

mi guardo indietro

e piango scoraggiato.

Arso dal vento e dalla tempesta

che sempre mi assediano,
attendo che venga il giorno
in cui tutto finirà.

Piangendo mi alzo la notte

e grido disperato.

Tu vieni ma sono solo bisbiglii

e io non ho alcun sollievo.

Scruto con nostalgia l’orizzonte,
attendo un sole divino
che tramonta sulla mia via

per asciugare le lacrime di dolore.

Ti aspetto Gesù ardentemente

affinchè riceva il tuo fiore santo.

Si scioglie in me il mio dolore
che appartiene alla terra dei sogni.

E’ dolorosa questa valle di lacrime,
tutto sembra ormai al culmine:
tormento, disprezzo, dolore e tristezza

che così spesso ho sopportato.

Ma verrà il giorno felice
che aspetto impaziente.
Verrà presto lo sposo,
Gesù il principe trionfante.

Suonerà a lungo la tromba

allorchè verrà sulle nubi
con gloria,
integrità e onore
Regnerà un grande splendore

Riceveremo quindi la corona
dalla mano dell’Altissimo.

Per sempre ci sarà felicità
là nello splendido paradiso.

Che felicità infinita
ci attende lassù
quando alla nostra mensa
si assiederà lo stesso Gesù!

E canteremo quel nuovo canto,
l’eterno canto dei santi.

Saremo come gigli con la rugiada
lassù nell’eterna gloria.

Oh, fino allora sorella e fratello,
e tu bimbo sconsolato,
stiamo insieme uniti
ad attendere l’Altissimo.

Per scaricare una canzone da lui composta:

fileDBicn_boh picture
eraozi