Gesù è sempre in mezzo a noi. Dimentica i nostri peccati e ci ama sempre, così come siamo: basta riconoscere le nostre fragilità e desiderare il suo perdono.
Dimentica davvero tutto ed agisce con noi come se fossimo rinati a nuova vita. Con la confessione e l’Eucaristia Egli è di nuovo in noi e ci rinnova!!!!

Con l’Eucaristia ci divinizza.

Pensiamoci bene: il pane che mangiamo viene assimilato dal nostro corpo che diventa suo corpo.
Il peccato interrompe questo processo di divinizzazione, ma l’Eucaristia lo ripristina e lo rinvigorisce, anche se a noi non sembra.

Abbiamo davvero tutti bisogno di questo grande balsamo, medicinale e nutrimento spirituale che è l’Eucaristia! Gesù, l’Uomo-Dio,  possiede veramente un’infinita creatività per dimostrare il suo amore per gli uomini: farsi mangiare da loro per assilmilarli in Lui…

Se sapessimo che valore ha l’Eucaristia saremmo suoi assidui frequentatori! L’aspetteremmo con timore, stupore e trepidazione…

Gli angeli stessi provano stupore di fronte a questo autentico miracolo…

Noi invece siamo spesso tiepidi e non lo consideriamo nelle sue giuste proporzioni. Se colui che si avvicina all’Eucaristia prendesse coscienza realmente di ciò che sta per succedere forse non sopravvivrebbe dalla fortissima emozione.

In quell’Ostia c’é il corpo, il sangue, l’anima e la divinità di Colui per mezzo del quale tutto é stato creato: gli oceani, i continenti, il nostro corpo con le sue miliardi di cellule, il sole, i pianeti, le galassie, gli angeli, Maria, i santi, la vegetazione e gli animali, ogni più piccolo atomo dell’Universo, ogni creatura intelligente, ogni essenza. Tutto, veramente tutto é stato fatto per mezzo di Lui ed in vista di Lui!

E proprio Lui ha donato se stesso, le sue incredibili sofferenze e la sua morte per salvare noi poveri mortali…

In quella particola è racchiuso il Tesoro dei tesori: lodiamo davvero Dio che non smette mai di stupire con il suo misterioso amore!

Pier Angelo Piai