27 settembre 2016

Medjugorje ultimo messaggio

Ecco l’ultimo messaggio di Medjugorje del 2 Giugno 2017 dato dalla Regina della Pace alla veggente Mirjana per coloro che non hanno ancora conosciuto l’amore di Dio:

 Cari figli, come negli altri luoghi in cui sono venuta a voi, così anche qui vi invito alla preghiera. Pregate per coloro che non conoscono mio Figlio, per quelli che non hanno conosciuto l’amore di Dio; contro il peccato, per i consacrati, per coloro che mio Figlio ha chiamato ad avere amore e spirito, forza per voi, per la Chiesa. Pregate mio Figlio, e l’amore di cui fate esperienza per la sua vicinanza vi darà la forza e vi disporrà alle opere di carità che compirete nel suo nome. Figli miei, siate pronti: questo tempo è un punto di svolta. Perciò io vi invito nuovamente alla fede e alla speranza, vi mostro la via per la quale dovete andare, ossia le parole del Vangelo. Apostoli del mio amore, al mondo sono così necessarie le vostre mani innalzate verso il Cielo, verso mio Figlio, verso il Padre Celeste! E’ necessaria molta umiltà e purezza di cuore. Abbiate fiducia in mio Figlio e sappiate che potete sempre essere migliori. Il mio Cuore materno desidera che voi, apostoli del mio amore, siate piccole luci del mondo. Che illuminiate là dove la tenebra vuole regnare, che con la vostra preghiera e l’amore mostriate agli altri la strada giusta e salviate anime. Io sono con voi. Vi ringrazio!

Messaggio della Regina della Pace alla veggente Marija – 25 maggio 2017

Cari figli! L’Altissimo mi ha permesso di invitarvi di nuovo alla conversione. Figlioli, aprite i vostri cuori alla grazia alla quale tutti siete chiamati. Siate testimoni della pace e dell’amore in questo mondo inquieto. La vostra vita qui sulla terra è passeggera. Pregate affinché attraverso la preghiera aneliate al cielo e alle cose celesti ed i vostri cuori vedranno tutto in modo diverso. Non siete soli, Io sono con voi e intercedo per voi presso mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

Messaggio della Regina della Pace del  2 maggio 2017 (a Mirjana)
Cari figli, vi invito a pregare non chiedendo, ma offrendo sacrifici, sacrificandovi. Vi invito all’annuncio della verità e all’amore misericordioso. Prego Mio Figlio per voi, per la vostra fede che diminuisce sempre di più nei vostri cuori. Lo prego per aiutarvi con lo Spirito Divino, come anche io desidero aiutarvi con lo spirito materno. Figli miei dovete essere migliori, solo coloro che sono puri, umili e colmi d’amore sorreggono il mondo, salvano sè stessi e il mondo. Figli miei, Mio Figlio è il cuore del mondo, bisogna amarLo e pregarLo e non tradirLo sempre e nuovamente. Perciò voi, apostoli del mio amore, diffondete la fede nei cuori degli uomini, con il vostro esempio, con la preghiera e con l’amore misericordioso. Io sono accanto a voi e vi aiuterò. Pregate affinchè i vostri pastori abbiano sempre più la luce per poter irradiare tutti coloro che vivono nelle tenebre.
Vi ringrazio.

Messaggio della Regina della Pace alla veggente Marija – 25 aprile 2017“Cari figli! Amate, pregate e testimoniate la mia presenza a tutti coloro che sono lontani. Con la vostra testimonianza ed il vostro esempio potete avvicinare i cuori che sono lontani da Dio e dalla Sua grazia. Io sono con voi e intercedo per ciascuno di voi perché con amore e coraggio testimoniate ed esortiate tutti coloro che sono lontani dal mio Cuore Immacolato. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2 Aprile 2017

Cari figli,
apostoli del mio amore, spetta a voi diffondere l’amore di mio Figlio a tutti coloro che non l’hanno conosciuto. A voi, piccole luci del mondo, che io istruisco con materno amore perché splendano chiaramente di uno splendore pieno. La preghiera vi aiuterà, perché la preghiera salva voi, la preghiera salva il mondo. Perciò, figli miei, pregate con le parole, con i sentimenti, con l’amore misericordioso e col sacrificio. Mio Figlio vi ha mostrato la via: lui, che si è incarnato ed ha fatto di me il primo calice; lui, che col suo sublime sacrificio vi ha mostrato come bisogna amare. Perciò, figli miei, non abbiate paura di dire la verità. Non abbiate paura di cambiare voi stessi ed il mondo diffondendo l’amore, facendo in modo che mio Figlio sia conosciuto ed amato amando gli altri in lui. Io, come Madre, sono sempre con voi. Prego mio Figlio che vi aiuti affinché nella vostra vita regni l’amore: l’amore che vive, l’amore che attrae, l’amore che dà vita. Questo è l’amore che io vi insegno, l’amore puro. Spetta a voi, apostoli miei, riconoscerlo, viverlo e diffonderlo. Pregate per i vostri pastori con sentimento, affinché possano testimoniare mio Figlio con amore.
Vi ringrazio!

 

Messaggio della Regina della Pace alla veggente Marija – 25 marzo 2017
“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti ad aprire i vostri cuori alla misericordia di Dio affinché attraverso la preghiera, la penitenza e la decisione per la santità iniziate una vita nuova. Questo tempo primaverile vi esorta, nei vostri pensieri e nei vostri cuori, alla vita nuova, al rinnovamento. Perciò, figlioli, io sono con voi per aiutarvi affinché nella determinazione diciate SÌ a Dio e ai comandamenti di Dio. Non siete soli, io sono con voi per mezzo della grazia che l’Altissimo mi dona per voi e per i vostri discendenti. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE A MIRJANA DEL 17/03/17

“Cari figli, il mio desiderio materno è che i vostri cuori siano riempiti di pace e che le vostre anime sino pure affinché alla presenza di mio Figlio possiate vedere il Suo volto. Perché, figli miei, come madre so che avete sete di consolazione, speranza e protezione. Figli miei, voi, coscientemente ed incoscientemente cercate mio Figlio. Anch’ io mentre trascorrevo il tempo terreno gioivo, soffrivo e con pazienza sopportavo i dolori finché il mio Figlio nella sua gloria li ha eliminati. Perciò dico a mio Figlio: Aiutali sempre! Voi, figli miei, con amore veritiero illuminate le tenebre dell’egoismo che avvolgono sempre di più i miei figli. Siate generosi. Le vostre mani e il vostro cuore siano sempre aperti. Non temete. Abbandonatevi a mio Figlio con fiducia e speranza. Guardando verso di Lui vivete la vita con amore. Amare significa donarsi, sopportare e mai giudicare. Amare significa vivere le parole di mio Figlio. Figli miei, come madre vi dico: soltanto l’amore veritiero guida alla felicità eterna.

 

Messaggio della Regina della Pace alla veggente Mirjana – 2 marzo 2017 

“Cari figli, con materno amore vengo ad aiutarvi ad avere più amore, il che significa più fede. Vengo ad aiutarvi a vivere con amore le parole di mio Figlio, in modo che il mondo sia diverso. Per questo raduno voi, apostoli del mio amore, attorno a me. Guardatemi col cuore, parlatemi come ad una Madre dei vostri dolori, delle vostre sofferenze, delle vostre gioie. Chiedete che preghi mio Figlio per voi. Mio Figlio è clemente e giusto. Il mio Cuore materno desidererebbe che anche voi foste così. Il mio Cuore materno desidererebbe che voi, apostoli del mio amore, parlaste con la vostra vita di mio Figlio e di me a tutti coloro che sono attorno a voi, in modo che il mondo sia diverso, in modo che ritornino la semplicità e la purezza, in modo che ritornino la fede e la speranza. Perciò, figli miei, pregate,  pregate, pregate col cuore. Pregate con amore, pregate con le buone opere. Pregate perché tutti conoscano mio Figlio, che il mondo cambi, che il mondo si salvi. Vivete con amore le parole di mio Figlio. Non giudicate, ma amatevi gli uni gli altri, affinché il mio Cuore possa trionfare. Vi ringrazio!

“Cari figli! Oggi vi invito a vivere profondamente la vostra fede e a pregare l’Altissimo affinché la rafforzi, cosicché i venti e le tempeste non possano spezzarla. Le radici della vostra fede siano la preghiera e la speranza nella vita eterna. Già adesso, figlioli, lavorate su voi stessi, in questo tempo di grazia nel quale Dio vi dona la grazia affinché attraverso la rinuncia e la chiamata alla conversione siate uomini dalla fede e dalla speranza limpide e perseveranti. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana – 2.02.17
“Cari figli, voi che cercate di presentare a mio Figlio ogni giorno della vostra vita, voi che provate a vivere con lui, voi che pregate e vi sacrificate, voi siete la speranza in questo mondo inquieto. Voi siete i raggi della luce di mio Figlio, un vangelo vivente, e siete i miei cari apostoli dell’amore. Mio Figlio è con voi. Egli è con coloro che pensano a lui, che pregano. Allo stesso modo, però, egli aspetta pazientemente quelli che non lo conoscono. Perciò voi, apostoli del mio amore, pregate col cuore e mostrate con le opere l’amore di mio Figlio. Questa è l’unica speranza per voi, ed anche la sola via verso la vita eterna. Io, come Madre, io sono qui con voi. Le vostre preghiere rivolte a me sono per me le più belle rose d’amore. Non posso non essere là dove sento profumo di rose. C’è speranza! Vi ringrazio”.

 

Messaggio della Regina della Pace a Marija – 25 Gennaio 2017 
“Cari figli! Oggi vi invito a pregare per la pace. Pace nei cuori umani, pace nelle famiglie e pace nel mondo. Satana è forte e vuole farvi rivoltare tutti contro Dio, riportarvi su tutto ciò che è umano e distruggere nei cuori tutti i sentimenti verso Dio e le cose di Dio. Voi, figlioli, pregate e lottate contro il materialismo, il modernismo e l’egoismo che il mondo vi offre. Figlioli, decidetevi per la santità ed io, con mio Figlio Gesù, intercedo per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2.01.17

Cari figli, mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo di tutti i popoli. Apostoli miei, seguite la sua luce. Farlo non è facile: dovete essere piccoli, dovete farvi più piccoli degli altri e, con l’aiuto della fede, riempirvi del suo amore. Senza fede, nessun uomo sulla terra può vivere  un’esperienza miracolosa. Io sono con voi, mi manifesto a voi con queste venute, con queste parole. Desidero testimoniarvi il mio amore e la mia cura materna. Figli miei, non perdete tempo facendo domande a cui non ricevete mai risposta: al termine del vostro percorso terreno, il Padre Celeste ve le darà. Sappiate sempre che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama. Il mio amatissimo Figlio illumina le vite e dissipa le tenebre; ed il mio materno amore, che mi porta a voi, è indicibile, misterioso, ma reale. Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore, comprensione e materno affetto. A voi, apostoli miei, chiedo le vostre rose di preghiera, che devono essere le opere di misericordia: sono quelle le preghiere più care al mio Cuore materno. Le offro a mio Figlio, nato per voi. Egli vi guarda e vi ascolta. Noi vi siamo sempre vicini. Questo è un amore che chiama, unisce, converte, incoraggia e ricolma. Perciò, apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri, ma soprattutto amate mio Figlio. Quella è l’unica via verso la salvezza, verso la vita eterna. Quella è la preghiera che mi è più cara, e che ricolma il mio Cuore del profumo di rose più soave. Pregate, pregate sempre per i vostri pastori, affinché abbiano la forza di essere la luce di mio Figlio. Vi ringrazio.

Messaggio della Regina della Pace  di Medjugorje – 25 dicembre 2016

“Cari figli!
Con grande gioia oggi vi porto mio Figlio Gesù perché Lui vi dia la Sua pace. Figlioli, aprite i vostri cuori e siate gioiosi affinché possiate accoglierla. Il cielo è con voi e lotta per la pace nei vostri cuori, nelle famiglie e nel mondo e voi, figlioli, aiutatelo con le vostre preghiere affinché sia così. Vi benedico con mio Figlio Gesù e vi invito a non perdere la speranza e che il vostro sguardo e il vostro cuore siano sempre rivolti verso il cielo e verso l’eternità. Così sarete aperti a Dio ed ai Suoi piani. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana di Medjugorje – 2 dicembre 2016

“Cari figli, il mio Cuore materno piange mentre guardo quello che fanno i miei figli. I peccati si moltiplicano, la purezza dell’anima è sempre meno importante. Mio Figlio viene dimenticato e adorato sempre meno ed i miei figli vengono perseguitati. Perciò voi, figli miei, apostoli del mio amore, invocate il nome di mio Figlio con l’anima e con il cuore: Egli avrà per voi parole di luce. Egli si manifesta a voi, spezza con voi il Pane e vi dà parole d’amore, affinché le trasformiate in opere di misericordia e siate così testimoni di verità. Perciò, figli miei, non abbiate paura! Permettete che mio Figlio sia in voi. Egli si servirà di voi per prendersi cura delle anime ferite e convertire quelle perdute. Perciò, figli miei, tornate alla preghiera del Rosario. Pregatelo con sentimenti di bontà, di offerta e di misericordia. Pregate non soltanto a parole, ma con opere di misericordia. Pregate con amore verso tutti gli uomini. Mio Figlio ha sublimato l’amore col sacrificio. Perciò vivete con lui per avere forza e speranza, per avere l’amore che è vita e che conduce alla vita eterna. Per mezzo dell’amore di Dio anch’io sono con voi, e vi guiderò con materno amore.
Vi ringrazio!”.

 

MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE DEL 25.11.16
“Cari figli!  Anche oggi vi invito a ritornare alla preghiera.
In questo tempo di grazia, Dio mi ha permesso di guidarvi verso la santità e verso una vita semplice, affinché nelle piccole cose possiate scoprire Dio Creatore, innamorarvi di Lui e affinché la vostra vita sia un ringraziamento all’Altissimo per tutto quello che Lui vi dona.  Figlioli, la vostra vita sia un dono per gli altri nell’amore e Dio vi benedirà. E voi, testimoniate senza interesse, per amore verso Dio.
Io sono con voi e intercedo davanti a mio Figlio per tutti voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana di Medjugorje – 2 novembre 2016 

Cari figli, venire a voi e manifestarmi a voi è una grande gioia per il mio Cuore materno. È un dono di mio Figlio per voi e per altri che verranno. Come Madre vi invito: amate mio Figlio al di sopra di tutto! Per amarlo con tutto il cuore, dovete conoscerlo. Lo conoscerete con la preghiera. Pregate col cuore e i  sentimenti. Pregare vuol dire pensare al suo amore e al suo sacrificio. Pregare significa amare, dare, patire ed offrire. Invito voi, figli miei, ad essere apostoli della preghiera e dell’amore. Figli miei, è tempo di veglia. In questa veglia vi invito alla preghiera, all’amore ed alla fiducia. Mentre mio Figlio guarderà nei vostri cuori, il mio Cuore materno desidera che egli in essi veda fiducia incondizionata e amore. L’amore unito dei miei apostoli vivrà, vincerà e svelerà il male. Figli miei, io sono stata il calice dell’Uomo–Dio, sono stata strumento di Dio. Perciò invito voi, miei apostoli, ad essere calice dell’amore sincero e puro di mio Figlio. Vi invito ad essere uno strumento attraverso il quale tutti coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio, che non hanno mai amato, comprenderanno, lo accetteranno e si salveranno. Vi ringrazio, figli miei!

Messaggio della Regina della Pace del 25 ottobre 2016
“Cari figli! Oggi vi invito: pregate per la pace! Abbandonate l’egoismo e vivete i messaggi che vi do. Senza di essi non potete cambiare la vostra vita. Vivendo la preghiera avrete la pace. Vivendo nella pace sentirete il bisogno di testimoniare, perché scoprirete Dio che adesso sentite lontano. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate e permettete a Dio di entrare nei vostri cuori. Ritornate al digiuno e alla confessione, affinché possiate vincere il male in voi e attorno a voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana, 2 ottobre

 2016

Cari figli, 
lo Spirito Santo, per mezzo del Padre Celeste, mi ha reso Madre: Madre di Gesù e, per ciò stesso, anche vostra Madre. Perciò vengo per ascoltarvi, per spalancare a voi le mie braccia materne, per darvi il mio Cuore e invitarvi a restare con me, poiché dall’alto della croce mio Figlio vi ha affidato a me. Purtroppo molti miei figli non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio, molti non vogliono conoscere lui. 
 Oh figli miei, quanto male fanno coloro che devono vedere o comprendere per credere! Perciò voi, figli miei, apostoli miei, nel silenzio del vostro cuore ascoltate la voce di mio Figlio, affinché il vostro cuore sia sua dimora e non sia tenebroso e triste, ma illuminato dalla luce di mio Figlio. 
Cercate la speranza con fede, poiché la fede è la vita dell’anima. Vi invito di nuovo: pregate! Pregate per vivere la fede in umiltà, nella pace dello spirito e rischiarati dalla luce. Figli miei, non cercate di capire tutto subito, perché anch’io non ho compreso subito tutto, ma ho amato e creduto nelle parole divine che mio Figlio diceva, lui che è stato la prima luce e l’inizio della Redenzione. 
 Apostoli del mio amore, voi che pregate, vi sacrificate, amate e non giudicate: voi andate e diffondete la verità, le parole di mio Figlio, il Vangelo. Voi, infatti, siete un vangelo vivente, voi siete raggi della luce di mio Figlio. Mio Figlio ed io saremo accanto a voi, vi incoraggeremo e vi metteremo alla prova. Figli miei, chiedete sempre e soltanto la benedizione di coloro le cui mani mio Figlio ha benedetto, ossia dei vostri Pastori. Vi ringrazio.

 

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 02.09.16

“Cari figli
secondo la volontà di mio Figlio ed il mio materno amore vengo a voi, miei figli, ed in particolare per coloro che ancora non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio. Vengo a voi che pensate a me, che mi invocate. A voi do il mio materno amore e porto la benedizione di mio Figlio. Avete cuori puri e aperti? Vedete i doni, i segni della mia presenza e del mio amore? Figli miei, nella vostra vita terrena ispiratevi al mio esempio. La mia vita è stata dolore, silenzio ed un’immensa fede e fiducia nel Padre Celeste. Nulla è casuale: né il dolore, né la gioia, né la sofferenza, né l’amore. Sono tutte grazie che mio Figlio vi dona e che vi conducono alla vita eterna. Mio Figlio vi chiede l’amore e la preghiera in lui. Amare e pregare in lui vuol dire — come Madre voglio insegnarvelo — pregare nel silenzio della propria anima, e non soltanto recitare con le labbra. Lo è anche il più piccolo bel gesto compiuto nel nome di mio Figlio; lo è la pazienza, la misericordia, l’accettazione del dolore ed il sacrificio fatto per gli altri. Figli miei, mio Figlio vi guarda. Pregate per vedere anche voi il suo volto, ed affinché esso possa esservi rivelato. Figli miei, io vi rivelo l’unica ed autentica verità. Pregate per comprenderla e poter diffondere amore e speranza, per poter essere apostoli del mio amore. Il mio Cuore materno ama in modo particolare i pastori. Pregate per le loro mani benedette.
Vi ringrazio

Messaggio della Regina della Pace del 25 agosto 2016

Cari figli! Oggi desidero condividere con voi la gioia celeste. 
Voi, figlioli, aprite la porta del cuore affinché nel vostro cuore possa crescere la speranza, la pace e l’amore che solo Dio dà. Figlioli, siete troppo attaccati alla terra e alle cose terrene, perciò Satana vi agita come fa il vento con le onde del mare. Perciò la catena della vostra vita sia la preghiera del cuore e l’adorazione di mio Figlio Gesù. A Lui offrite il vostro futuro per essere in Lui gioia ed esempio per gli altri con le vostre vite. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace del 2 agosto 2016

Cari figli
sono venuta a voi, in mezzo a voi, perché mi diate le vostre preoccupazioni, affinché possa presentarle a mio Figlio e intercedere per voi presso di lui per il vostro bene. So che ognuno di voi ha le sue preoccupazioni, le sue prove. Perciò maternamente vi invito: venite alla Mensa di mio Figlio! Egli spezza il pane per voi, vi dà se stesso. Vi dà la speranza. Egli vi chiede più fede, speranza e serenità. Chiede la vostra lotta interiore contro l’egoismo, il giudizio e le umane debolezze. Perciò io, come Madre, vi dico: pregate, perché la preghiera vi dà forza per la lotta interiore. Mio Figlio, da piccolo, mi diceva spesso che molti mi avrebbero amata e chiamata “Madre”. Io, qui in mezzo a voi, sento amore e vi ringrazio! Per mezzo di questo amore prego mio Figlio affinché nessuno di voi, miei figli, torni a casa così come è venuto. Affinché portiate quanta più speranza, misericordia e amore possibile; affinché siate i miei apostoli dell’amore, che testimonino con la loro vita che il Padre Celeste è sorgente di vita e non di morte. Cari figli, di nuovo maternamente vi prego: pregate per gli eletti di mio Figlio, per le loro mani benedette, per i vostri pastori, affinché possano predicare mio Figlio con quanto più amore possibile, e così suscitare conversioni. Vi ringrazio!

Messaggio della Regina della Pace del 25 luglio 2016

Cari figli!
Vi guardo e vi vedo persi, e non avete né la preghiera né la gioia nel cuore. Ritornate, figlioli, alla preghiera e mettete Dio al primo posto e non l’uomo. Non perdete la speranza che vi porto. Figlioli, questo tempo ogni giorno sia sempre più un cercare Dio nel silenzio del vostro cuore e pregate, pregate, pregate finché la preghiera diventi gioia per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2.05.16

Figli miei, il mio cuore materno desidera la vostra sincera conversione e forte fede per poter trasmettere l’amore e la pace a tutti coloro che vi circondano. Però figli miei non dimenticate: ognuno di voi è un mondo unico davanti al Padre Celeste perciò permettete che l’opera dello Spirito Santo agisca su di voi. Siate miei figli puri spiritualmente. Nella spiritualità è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e così bello. Non dimenticate che nell’Eucarestia, che è il cuore della fede, mio Figlio è sempre con voi, viene a voi e spezza il pane con voi perché, figli miei, è morto per voi, è risuscitato e viene nuovamente. Queste mie parole voi le conoscete perché sono la verità e la verità non cambia, solo che molti miei figli l’hanno dimenticata. Figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne. Perciò vi invito, miei figli, a guardare bene i segni del tempo, a raccogliere le croci spezzate e ad essere apostoli dell’annunciazione. Vi ringrazio.

Messaggio della Regina della Pace alla veggente Marija
25 Giugno 2016 – 35° anniversario

“Cari figli! Ringraziate Dio con me per il dono che Io sono con voi. Pregate, figlioli, e vivete i comandamenti di Dio perché siate felici sulla terra. Oggi, in questo giorno di grazia desidero darvi la mia benedizione materna di pace e del mio amore. Intercedo per voi presso mio Figlio e vi invito a perseverare nella preghiera perché con voi possa realizzare i miei piani. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio del 2 Giugno 2016



Cari figli, come Madre della Chiesa, come vostra Madre, sorrido guardandovi venire a me, radunarvi attorno a me e cercarmi. Le mie venute tra voi sono una prova di quanto il Cielo vi ama. Esse vi indicano la via verso la vita eterna, verso la salvezza. Apostoli miei, voi che cercate di avere un cuore puro e mio Figlio in esso, voi siete sulla buona strada. Voi che cercate mio Figlio, state cercando la buona strada. Egli ha lasciato molti segni del suo amore. Ha lasciato la speranza. È facile trovarlo, se siete disposti al sacrificio e alla penitenza, se avrete pazienza, misericordia ed amore per il vostro prossimo. Molti miei figli non vedono e non sentono, perché non vogliono farlo. Le mie parole e le mie opere non le accolgono, ma mio Figlio, attraverso di me, invita tutti. Il suo Spirito illumina tutti i miei figli nella luce del Padre Celeste, nella comunione tra Cielo e terra, nell’amore vicendevole; perché amore chiama amore e fa sì che le opere siano più importanti delle parole. Perciò, apostoli miei, pregate per la vostra Chiesa, amatela e fate opere d’amore. Per quanto sia tradita e ferita, essa è qui perché proviene dal Padre Celeste. Pregate per i vostri pastori, per vedere in essi la grandezza dell’amore di mio Figlio. Vi ringrazio.

Messaggio della Regina della Pace del 25.05.16

“Cari figli!
La mia presenza è un dono di Dio per tutti voi ed un’esortazione alla conversione.
Satana è forte e desidera mettere nei vostri cuori e nei vostri pensieri disordine ed inquietudine.Perciò, voi figlioli pregate affinché lo Spirito Santo vi guidi sulla via retta della gioia e della pace. Io sono con voi ed intercedo presso mio Figlio per voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2.05.16

Figli miei, il mio cuore materno desidera la vostra sincera conversione e forte fede per poter trasmettere l’amore e la pace a tutti coloro che vi circondano. Però figli miei non dimenticate: ognuno di voi è un mondo unico davanti al Padre Celeste perciò permettete che l’opera dello Spirito Santo agisca su di voi. Siate miei figli puri spiritualmente. Nella spiritualità è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e così bello. Non dimenticate che nell’Eucarestia, che è il cuore della fede, mio Figlio è sempre con voi, viene a voi e spezza il pane con voi perché, figli miei, è morto per voi, è risuscitato e viene nuovamente. Queste mie parole voi le conoscete perché sono la verità e la verità non cambia, solo che molti miei figli l’hanno dimenticata. Figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne. Perciò vi invito, miei figli, a guardare bene i segni del tempo, a raccogliere le croci spezzate e ad essere apostoli dell’annunciazione. Vi ringrazio.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 25 aprile 2016

“Cari figli!
Il Mio Cuore Immacolato sanguina guardandovi nel peccato e nelle abitudini peccaminose. Vi invito: ritornate a Dio ed alla preghiera affinché siate felici sulla terra. Dio vi invita tramite me perché i vostri cuori siano speranza e gioia per tutti coloro che sono lontani. Il mio invito sia per voi balsamo per l’anima e il cuore perché glorifichiate Dio Creatore che vi ama e vi invita all’ eternità. Figlioli, la vita è breve, approfittate di questo tempo per fare il bene.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2 aprile 2016

Cari figli, non abbiate cuori duri, chiusi e pieni di paura. Permettete al mio cuore materno di illuminarli e di colmarli di amore e di speranza, affinché io, come madre, alleggerisca i vostri dolori perché io li conosco, io li ho sperimentati.
Il dolore innalza, è la preghiera più grande.
Mio Figlio in modo particolare ama coloro che soffrono.
Ha mandato me per alleggerire i vostri dolori e per portarvi la speranza.
Abbiate fiducia in Lui. So che vi è difficile, perché intorno a voi vedete solo buio, sempre più buio.
Figli miei bisogna sconfiggerlo con la preghiera e con l’amore. Coloro che amano e pregano non hanno paura, hanno la speranza e l’amore misericordioso, vedono la luce, vedono mio Figlio.
Come miei apostoli vi invito a provare ad essere esempio di amore misericordioso e della speranza.
Pregate sempre, nuovamente, per avere sempre più amore, perché l’amore misericordioso porta la luce che sconfigge ogni buio, ogni tenebra, porta mio Figlio.
Non abbiate paura, non siete soli, io sono con voi.
Vi prego di pregare per i vostri pastori affinché in ogni momento abbiano amore, affinché con l’amore facciano le opere per mio Figlio, per mezzo di Lui e in ricordo di Lui. Vi ringrazio.”

Messaggio della Regina della pace del 25.03.16

“Cari figli!
Oggi vi porto il mio amore. Dio mi ha permesso di amarvi e per amore invitarvi alla conversione. Figlioli, voi siete poveri nell’amore e non avete ancora compreso che mio figlio Gesù per amore ha dato la Sua vita per salvarvi e per donarvi la vita eterna. Perciò pregate figlioli, pregate, per poter comprendere nella preghiera l’amore di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata “.

Messaggio a Mirjana del 18 marzo 2016:

“Cari figli, con cuore materno pieno d’amore verso voi, desidero insegnarvi l’abbandono completo a Dio Padre. Io desidero che voi impariate, guardandovi ed ascoltandovi dentro, come seguire la volontà di Dio. Desidero che voi impariate come avere fiducia nella Sua grazia e nel Suo amore come l’ho sempre avuta io. Per questo, cari figli, purificate i vostri cuori, liberatevi da tutto quello che è terreno e permettete a ciò che è di Dio, attraverso le vostre preghiere e il sacrificio, di formare la vostra vita cosicché nei vostri cuori, possiate avere il regno di Dio, possiate iniziare a vivere partendo da Dio Padre e a camminare sempre con mio Figlio. Per tutto questo, cari figli, dovete essere puri nello spirito ed essere pieni di amore e di misericordia. Dovete avere cuori puri e semplici e dovreste essere sempre pronti a servire. Cari figli, ascoltatemi! Io dico tutto questo per la vostra salvezza. Vi ringrazio.”

Messaggio a Mirjana del 2 marzo 2016

“Cari figli la mia venuta a voi è per voi un dono del Padre Celeste. 
Per mezzo del suo amore vengo per aiutarvi a trovare la via verso la verità, a trovare la via verso mio Figlio. Vengo a confermarvi la verità. Desidero ricordarvi le parole di mio Figlio. Egli ha pronunciato parole di salvezza per il mondo intero, parole d’amore per tutti, l’amore che ha mostrato col suo sacrificio. Anche oggi però molti miei figli non lo conoscono, non vogliono conoscerlo, sono indifferenti. A causa della loro indifferenza, il mio Cuore soffre amaramente. Mio Figlio è sempre stato nel Padre. Nascendo sulla terra, ha portato la Divinità, mentre da me ha assunto l’umanità. Con lui la Parola è giunta in mezzo a noi. Con lui è giunta la Luce del mondo, che penetra nei cuori, li illumina, li ricolma d’amore e di consolazione. Figli miei, possono vedere mio Figlio tutti quelli che lo amano, poiché il suo volto è visibile attraverso le anime che sono ricolme d’amore verso di lui. Perciò, figli miei, apostoli miei: ascoltatemi! Lasciate la vanità e l’egoismo. Non vivete soltanto per ciò che è terreno, materiale. Amate mio Figlio e fate sì che gli altri vedano il suo volto attraverso il vostro amore verso di lui. Io vi aiuterò a conoscerlo il più possibile. Io vi parlerò di lui. Vi ringrazio”

Messaggio a Marija del 25 febbraio 2016

“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti alla conversione.
Figlioli, amate poco, pregate ancora meno. Siete persi e non sapete qual’ è il vostro scopo. Prendete la croce, guardate Gesù e seguitelo. Lui si dona a voi fino alla morte in croce perché vi ama. Figlioli, vi invito a ritornare alla preghiera del cuore perché nella preghiera possiate trovare la speranza ed il senso della vostra esistenza.
Io sono con voi e prego per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 febbraio 2016

“Cari figli, vi ho invitati e vi invito nuovamente a conoscere mio Figlio, a conoscere la verità. Io sono con voi e prego che ci riusciate. Figli miei, dovete pregare molto per avere quanto più amore e pazienza possibile, per saper sopportare il sacrificio ed essere poveri in spirito. Mio Figlio, per mezzo dello Spirito Santo, è sempre con voi.
La sua Chiesa nasce in ogni cuore che lo conosce. Pregate per poter conoscere mio Figlio, pregate affinché la vostra anima sia una cosa sola con lui. È questa la preghiera ed è questo l’amore che attira gli altri e vi rende miei apostoli. Vi guardo con amore, con amore materno. Vi conosco, conosco i vostri dolori e le vostre afflizioni, perché anch’io ho sofferto in silenzio. La mia fede mi ha dato amore e speranza.
Vi ripeto: la Risurrezione di mio Figlio e la mia Assunzione al Cielo sono per voi speranza e amore. Perciò, figli miei, pregate per conoscere la verità, per avere una fede salda, che guidi i vostri cuori e sappia trasformare le vostre sofferenze e i vostri dolori in amore e speranza. Vi ringrazio”.

Messaggio della Regina della Pace a Marija 25 gennaio 2016

“Cari figli!
Anche oggi vi invito alla preghiera. Senza preghiera non potete vivere perché la preghiera è la catena che vi avvicina a Dio. Perciò, figlioli, nell’umiltà del cuore ritornate a Dio e ai Suoi comandamenti per poter dire con tutto il cuore: come in cielo così sia fatto anche sulla terra. Figlioli, voi siete liberi di decidervi nella libertà per Dio o contro di Lui. Vedete come satana vuole trarvi nel peccato e nella schiavitù. Perciò, figlioli, ritornate al Mio Cuore perché io possa guidarvi a Mio Figlio Gesù che è Via, Verità e Vita.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2 Gennaio 2016

“Cari figli, come Madre sono felice di essere in mezzo a voi, perché desidero parlarvi nuovamente delle parole di mio Figlio e del suo amore. Spero che mi accoglierete col cuore, perché le parole di mio Figlio ed il suo amore sono l’unica luce e speranza nella tenebra del momento attuale. Questa è l’unica verità e voi, che la accoglierete e la vivrete, avrete cuori puri e umili. Mio Figlio ama i puri e gli umili. I cuori puri ed umili ridanno vita alle parole di mio Figlio: le vivono, le diffondono e fanno in modo che tutti le odano. Le parole di mio Figlio ridanno la vita a coloro che le ascoltano, le parole di mio Figlio riportano l’amore e la speranza. Perciò, miei cari apostoli, figli miei, vivete le parole di mio Figlio. Amatevi come lui vi ha amato. Amatevi nel suo nome e in memoria di lui. La Chiesa progredisce e cresce grazie a coloro che ascoltano le parole di mio Figlio, grazie a coloro che amano, grazie a coloro che patiscono e soffrono in silenzio e nella speranza della redenzione definitiva. Perciò, miei cari figli, le parole di mio Figlio ed il suo amore siano il primo e l’ultimo pensiero della vostra giornata. Vi ringrazio!

Messaggio della Regina della Pace del 25.12.15

“Cari figli! Anche oggi vi porto mio figlio Gesù tra le braccia e da esse vi do la Sua pace e la nostalgia del Cielo. Prego con voi per la pace e vi invito ad essere pace. Vi benedico tutti con la mia benedizione materna della pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2 dicembre 2015

“Cari figli, io sono sempre con voi, perché mio Figlio vi ha affidato a me. E voi, figli miei, voi avete bisogno di me, mi cercate, venite a me e fate gioire il mio Cuore materno. Io ho ed avrò sempre amore per voi, per voi che soffrite e che offrite i vostri dolori e le vostre sofferenze a mio Figlio e a me. Il mio amore cerca l’amore di tutti i miei figli ed i miei figli cercano il mio amore. Per mezzo dell’amore, Gesù cerca la comunione tra il Cielo e la terra, tra il Padre Celeste e voi, miei figli, la sua Chiesa. Perciò bisogna pregare molto, pregare ed amare la Chiesa a cui appartenete. Ora la Chiesa soffre ed ha bisogno di apostoli che, amando la comunione, testimoniando e dando, mostrino le vie di Dio. Ha bisogno di apostoli che, vivendo l’Eucaristia col cuore, compiano opere grandi. Ha bisogno di voi, miei apostoli dell’amore. Figli miei, la Chiesa è stata perseguitata e tradita fin dai suoi inizi, ma è cresciuta di giorno in giorno. È indistruttibile, perché mio Figlio le ha dato un cuore: l’Eucaristia. La luce della sua risurrezione ha brillato e brillerà su di lei. Perciò non abbiate paura! Pregate per i vostri pastori, affinché abbiano la forza e l’amore per essere dei ponti di salvezza. Vi ringrazio!”

Messaggio a Marija del 25 Novembre 2015

“Cari figli!
Oggi vi invito tutti: pregate per le mie intenzioni. La pace è in pericolo perciò figlioli, pregate e siate portatori della pace e della speranza in questo mondo inquieto nel quale satana attacca e prova in tutti i modi. Figlioli, siate saldi nella preghiera e coraggiosi nella fede. Io sono con voi e intercedo davanti a mio Figlio Gesù per tutti voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2.11.2015

Cari figli,
desidero parlarvi di nuovo dell’amore. Vi ho radunati intorno a me nel Nome di mio Figlio, secondo la sua volontà. Desidero che la vostra fede sia salda e provenga dall’amore, perché quei miei figli che capiscono l’amore di mio Figlio e lo seguono, vivono nell’amore e nella speranza. Hanno conosciuto l’amore di Dio. Perciò, figli miei, pregate, pregate per poter amare il più possibile e compiere opere d’amore. Perché la sola fede, senza amore e opere d’amore, non è quello che vi chiedo. Figli miei, quella è una parvenza di fede, è un lodare se stessi. Mio Figlio chiede fede e opere, amore e bontà. Io prego, ma chiedo anche a voi di pregare e vivere l’amore, perché desidero che mio Figlio, quando guarderà i cuori di tutti i miei figli, possa vedere in essi amore e bontà, non odio ed indifferenza.
Figli miei, apostoli del mio amore, non perdete la speranza, non perdete la forza: voi lo potete fare! Io vi incoraggio e benedico, perché tutto ciò che è di questa terra che purtroppo molti miei figli mettono al primo posto scomparirà e resteranno solo l’amore e le opere d’amore, che vi apriranno le porte del Regno dei Cieli. Io vi attenderò presso quelle porte, presso quelle porte desidero attendere ed abbracciare tutti i miei figli.
Vi ringrazio!

Messaggio della Regina della Pace a Marija del 25 Ottobre 2015

“Cari figli! La mia preghiera anche oggi è per tutti voi, soprattutto per tutti coloro che sono diventati duri di cuore alla mia chiamata. Vivete in giorni di grazia e non siete coscienti dei doni che Dio vi da attraverso la mia presenza. Figlioli, decidetevi anche oggi per la santità e prendete l’esempio dei santi di questi tempi e vedrete che la santità è realtà per tutti voi. Figlioli, gioite nell’amore perché agli occhi di Dio siete irripetibili e insostituibili perché siete la gioia di Dio in questo mondo. Testimoniate la pace, la preghiera e l’amore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio della Regina della Pace del 2 ottobre 2015

Cari figli,
sono qui in mezzo a voi per incoraggiarvi, riempirvi del mio amore e invitarvi nuovamente ad essere testimoni dell’amore di mio Figlio. Molti miei figli non hanno speranza, non hanno pace, non hanno amore. Essi cercano mio Figlio, ma non sanno come e dove trovarlo. Mio Figlio apre loro le braccia, ma voi aiutateli a giungere tra le sue braccia. Figli miei, per questo dovete pregare per l’amore.
Dovete pregare moltissimo per avere quanto più amore possibile, perché l’amore vince la morte e fa sì che la vita continui. Apostoli del mio amore, figli miei: unitevi in preghiera con cuore vero e semplice, per quanto lontani siate gli uni dagli altri.
Incoraggiatevi gli uni gli altri nella crescita spirituale, come vi sto incoraggiando io.
Veglio su di voi e sono con voi ogni volta che pensate a me. Pregate anche per i vostri pastori, per coloro che hanno rinunciato a tutto per mio Figlio e per voi.
Amateli e pregate per loro. Il Padre Celeste ascolta le vostre preghiere. Vi ringrazio”

Messaggio della Regina della Pace a Marija del 25 Settembre 2015

“Cari figli! Anche oggi prego lo Spirito Santo che riempia i vostri cuori con una forte fede. La preghiera e la fede riempiranno il vostro cuore con l’amore e con la gioia e voi sarete segno per coloro che sono lontani da Dio. Figlioli, esortatevi gli uni gli altri alla preghiera del cuore perchè la preghiera possa riempire la vostra vita e voi, figlioli, ogni giorno sarete soprattutto i testimoni del servizio: a Dio nell’adorazione ed al prossimo nel bisogno. Io sono con voi ed intercedo per tutti voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Settembre 2015

“Cari figli
, cari miei apostoli dell’amore, miei portatori di verità, vi invito nuovamente e vi raduno attorno a me affinché mi aiutiate, affinché aiutiate tutti i miei figli assetati d’amore e di verità, assetati di mio Figlio.
Io sono una grazia del Padre Celeste, mandata per aiutarvi a vivere la parola di mio Figlio.
Amatevi gli uni gli altri. Ho vissuto la vostra vita terrena. So che non è sempre facile ma, se vi amerete gli uni gli altri, pregherete col cuore,raggiungerete le altezze spirituali e vi si aprirà la via verso il paradiso. Là vi attendo io, vostra Madre, perché io sono là. Siate fedeli a mio Figlio ed insegnate agli altri la fedeltà. Sono con voi e vi aiuterò. Vi insegnerò la fede, perché sappiate trasmetterla agli altri nel modo giusto.Vi insegnerò la verità, perché sappiate discernere. Vi insegnerò l’amore, perché sappiate cos’è il vero amore. Figli miei, mio Figlio farà in modo di parlare attraverso le vostre parole e le vostre opere. Vi ringrazio”

Messaggio del 25 agosto 2015

“Cari figli! Anche oggi vi invito: siate preghiera. 
La preghiera sia per voi le ali per l’incontro con Dio. Il mondo si trova in un momento di prova, perché ha dimenticato e abbandonato Dio. 
Per questo, figlioli, siate quelli che cercano e amano Dio al di sopra di tutto. 
Io sono con voi e vi guido a mio Figlio, ma voi dovete dire il vostro “SI” nella libertà dei figli di Dio. 
Intercedo per voi e vi amo, figlioli, con amore infinito.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio del 2 agosto 2015

“Cari figli, io, come Madre che ama i suoi figli, 
vedo quanto è difficile il tempo che state vivendo. 
Vedo la vostra sofferenza, ma voi dovete sapere che non siete soli: mio Figlio è con voi! Egli è dovunque, è invisibile, ma potete vederlo se lo vivete. Egli è la luce che vi illumina l’anima e dà pace. Lui è la Chiesa, che dovete amare, e pregare e lottare sempre per essa: non però solamente a parole, ma con opere d’amore. Figli miei, fate in modo che tutti conoscano mio Figlio, fate in modo che sia amato, perché la verità è nel mio Figlio, nato da Dio, Figlio di Dio. Non perdete tempo pensando troppo; vi allontanereste dalla verità. Accogliete la sua Parola con cuore semplice e vivetela. Se vivete la sua Parola, pregherete. Se vivete la sua Parola, amerete con amore misericordioso, vi amerete gli uni gli altri. 
Quanto più amerete, tanto più sarete lontani dalla morte. 
Per coloro che vivranno la Parola di mio Figlio e ameranno, la morte sarà vita. 
Vi ringrazio! 
Pregate per poter vedere mio Figlio nei vostri pastori. Pregate per poterlo abbracciare in loro”.

Messaggio del 25 Luglio 2015

“Cari figli!
Anche oggi con gioia sono con voi e vi invito tutti, figlioli, pregate, pregate, pregate
perché possiate comprendere l’ amore che ho per voi.
Il mio amore è più forte del male, figlioli, perciò avvicinatevi a Dio
perché possiate sentire la mia gioia in Dio.
Senza Dio, figlioli, non avete né futuro, né speranza, né salvezza,
perciò lasciate il male e scegliete il bene.
Io sono con voi e con voi intercedo presso Dio per tutti i vostri bisogni.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana, 2 luglio 2015

“Cari figli, vi invito a diffondere la fede in mio Figlio, la vostra fede. Voi, miei figli, illuminati dallo Spirito Santo, miei apostoli, trasmettetela agli altri, a coloro che non credono, non sanno e non vogliono sapere. Perciò voi dovete pregare molto per il dono dell’amore, perché l’amore è un tratto distintivo della vera fede e voi sarete apostoli del mio amore. L’amore ravviva sempre nuovamente il dolore e la gioia dell’Eucaristia, ravviva il dolore della Passione di mio Figlio, che vi ha mostrato cosa vuol dire amare senza misura; ravviva la gioia del fatto che vi ha lasciato il suo Corpo ed il suo Sangue per nutrirvi di sé ed essere così una cosa sola con voi. Guardandovi con tenerezza provo un amore senza misura, che mi rafforza nel mio desiderio di condurvi ad una fede salda. Una fede salda vi darà gioia e allegrezza sulla terra e, alla fine, l’incontro con mio Figlio. Questo è il suo desiderio. Perciò vivete lui, vivete l’amore, vivete la luce che sempre vi illumina nell’Eucaristia. Vi prego di pregare molto per i vostri pastori, di pregare per avere quanto più amore possibile per loro, perché mio Figlio ve li ha dati affinché vi nutrano col suo Corpo e vi insegnino l’amore. Perciò amateli anche voi! Ma, figli miei, ricordate: l’amore significa sopportare e dare e mai, mai giudicare. 
Vi ringrazio”.

Messaggio della Regina della Pace del 25 giugno 2015

“Cari figli! Anche oggi l’Altissimo mi dona la grazia di potervi amare ed invitare alla conversione. Figlioli, Dio sia il vostro domani, non guerra ed inquietudine, non tristezza ma gioia e pace devono regnare nei cuori di tutti gli uomini e senza Dio non troverete mai la pace. Perciò, figlioli, ritornate a Dio e alla preghiera perché il vostro cuore canti con gioia.
Io sono con voi e vi amo con immenso amore. 
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”

MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE A MIRJANA 2 GIUGNO 2015

“Cari figli, desidero operare attraverso di voi, miei figli, miei apostoli, 
per radunare alla fine tutti i miei figli là dove tutto è pronto per la vostra felicità. 
Prego per voi, perché possiate convertire con le opere, 
perché è giunto il tempo delle opere di Verità, di mio Figlio. 
Il mio amore opererà in voi, mi servirò di voi. 
Abbiate fiducia in me perché tutto quello che desidero, 
lo desidero per il vostro bene, il bene eterno creato dal Padre Celeste. 
Voi, figli miei, apostoli miei, 
vivete la vita terrena in comunione coi miei figli 
che non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio, che non mi chiamano “Madre”, 
ma non abbiate paura di testimoniare la Verità.
Se voi non temete e testimoniate con coraggio, la Verità trionferà miracolosamente. 
Ma ricordate: la forza è nell’amore. 
Figli miei, l’amore è pentimento, perdono, preghiera, sacrificio e misericordia. 
Se saprete amare, convertirete con le opere, 
consentirete alla luce di mio Figlio di penetrare nelle anime. Vi ringrazio! 
Pregate per i vostri pastori: essi appartengono a mio Figlio, Lui li ha chiamati. 
Pregate affinché abbiano sempre la forza e il coraggio di risplendere della luce di mio Figlio”

MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE A MARIJA 25 MAGGIO 2015

“Cari figli! Anche oggi sono con voi e con gioia vi invito tutti: pregate e credete nella forza della preghiera. Aprite i vostri cuori, figlioli, affinché Dio vi colmi con il suo amore e voi sarete gioia per gli altri. La vostra testimonianza sarà forte e tutto ciò che fate sarà intrecciato della tenerezza di Dio.
Io sono con voi e prego per voi e per la vostra conversione fino a quando non metterete Dio al primo posto. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 Maggio 2015

“Cari figli 
aprite i vostri cuori e provate a sentire quanto vi amo e quanto desidero che amiate mio Figlio. 
Desidero che Lo conosciate di più perché è impossibile conoscerlo e non amarLo, perché Lui è l’amore. 
Figli miei, io vi conosco: conosco i vostri dolori e le vostre sofferenze perché le ho vissute. 
Gioisco con voi nelle vostre gioie. 
Piango con voi nei vostri dolori. Non vi abbandonerò mai. Vi parlerò sempre con mitezza materna e, come madre, ho bisogno dei vostri cuori aperti, affinché con la sapienza e la semplicità diffondiate l’amore di mio Figlio. Ho bisogno di voi aperti e sensibili verso il bene e la misericordia. 
Ho bisogno della vostra unione con mio Figlio, perché desidero che siate felici e Lo aiutiate a portare la felicità a tutti i miei figli. Apostoli miei, ho bisogno di voi, affinché mostriate a tutti la verità divina, affinché il mio cuore, che ha sofferto e soffre anche oggi immensamente, possa nell’amore trionfare. Pregate per la santità dei vostri pastori, affinché nel nome di mio Figlio, possano operare miracoli, perché la santità opera miracoli.
Vi ringrazio.”

La Madonna ha benedetto tutti i presenti e tutti gli oggetti portati. 
Mirjana ha detto che la Madonna oggi è apparsa determinata e decisa.

Messaggio della Regina della Pace del 25 aprile 2015

Cari figli!
Sono con voi anche oggi per guidarvi alla salvezza.
La vostra anima è inquieta perché lo spirito è debole e stanco da tutte le cose terrene.
Voi figlioli, pregate lo Spirito Santo perché vi trasformi e vi riempia con la sua forza di fede e di speranza, perché possiate essere fermi in questa lotta contro il male. Io sono con voi e intercedo per voi presso mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

MEDJUGORJE: MESSAGGIO A MIRIJANA 2 APRILE 2015

“Cari figli
ho scelto voi, apostoli miei, perché tutti portate dentro di voi qualcosa di bello.
Voi potete aiutarmi affinché l’amore per cui mio Figlio è morto, ma poi anche risorto, vinca nuovamente.
Perciò vi invito, apostoli miei, a cercare di vedere in ogni creatura di Dio,
in tutti i miei figli, qualcosa di buono e a cercare di comprenderli.
Figli miei, tutti voi siete fratelli e sorelle per mezzo del medesimo Spirito Santo.
Voi, ricolmi d’amore verso mio Figlio,
potete raccontare a tutti coloro che non hanno conosciuto questo amore
ciò che voi conoscete.
Voi avete conosciuto l’amore di mio Figlio, avete compreso la sua risurrezione,
voi volgete con gioia gli occhi verso di lui.
Il mio desiderio materno è che tutti i miei figli siano uniti nell’amore verso Gesù.
Perciò vi invito, apostoli miei, a vivere con gioia l’Eucaristia perché, nell’Eucaristia,
mio Figlio si dona a voi sempre di nuovo e, col suo esempio, vi mostra l’amore e il sacrificio verso il prossimo.
Vi ringrazio”.

La Madonna era decisa nella sua intenzione di aiutarci. Mirjana ha detto che ha raccomandato tutti e che la Madonna ha benedetto tutti.

Messaggio della Regina della Pace del 25 marzo 2015

“Cari figli!
Anche oggi l’Altissimo mi ha permesso di essere con voi e di guidarvi sul cammino della conversione.
Molti cuori si sono chiusi alla grazia e non vogliono dare ascolto alla mia chiamata.
Voi figlioli, pregate e lottate contro le tentazioni e contro tutti i piani malvagi che satana vi offre tramite il modernismo.
Siate forti nella preghiera e con la croce tra le mani pregate perché il male non vi usi e non vinca in voi. Io sono con voi e prego per voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

MEDJUGORJE: messaggio straordinario dato il 18 marzo dalla Regina della Pace a Mirjana

Cari figli!
Vi prego con tutto il mio cuore, vi prego purificate i vostri cuori dal peccato e rivolgeteli in alto verso Dio e verso la vita eterna. Vi prego vegliate e siate aperti alla verità. Non permettete che tutte le cose di questa terra vi allontanino dalla conoscenza della vera soddisfazione che si trova nell’unione con il mio Figlio.
Io vi guido sul cammino della vera sapienza perché soltanto con la vera sapienza potete conoscere la vera pace ed il vero bene. Non perdete il tempo chiedendo i segni al Padre Celeste perché il segno più grande ve l’ha già dato, ed è il mio Figlio.
Perciò, figli miei, pregate affinché lo Spirito Santo possa introdurvi nella verità, aiutarvi a conoscerla e perché attraverso questa conoscenza della verità, possiate essere una cosa sola con il Padre Celeste e con il mio Figlio. Questa è la conoscenza che dona la felicità sulla terra ed apre la porta della vita eterna e dell’amore immenso. Vi ringrazio.

Dalla registrazione audio video della traduzione dopo l’apparizione la traduttrice del testo in italiano ha trasmesso quanto segue:

“Mirjana ha detto che la Madonna si è rivolta a noi come ai suoi figli che ama con amore incommensurabile. Alla fine Mirjana ha aggiunto: questa bellissima giornata della venuta della Madonna in mezzo a noi sulla Terra, il Paradiso che scende sulla Terra, non è perché è il mio compleanno. La Madonna non ha fatto neanche cenno al mio compleanno, perché per Lei il mio compleanno è come il compleanno di ognuno di voi.
Quando cominceranno a rivelarsi le cose per le quali è venuta, capirete perché ha scelto il 18 Marzo”.

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2 Marzo 2015

“Cari figli, voi siete la mia forza. Voi, apostoli miei, che, con il vostro amore, l’umiltà ed il silenzio della preghiera, fate in modo che mio Figlio venga conosciuto. Voi vivete in me. Voi portate me nel vostro cuore. Voi sapete di avere una Madre che vi ama e che è venuta a portare amore. Vi guardo nel Padre Celeste, guardo i vostri pensieri, i vostri dolori, le vostre sofferenze e le porto a mio Figlio. Non abbiate paura! Non perdete la speranza, perché mio Figlio ascolta sua Madre. Egli ama fin da quando è nato, ed io desidero che tutti i miei figli conoscano questo amore; che ritornino a lui coloro che, a causa del loro dolore e di incomprensioni, l’hanno abbandonato e che lo conoscano tutti coloro che non l’hanno mai conosciuto. Per questo voi siete qui, apostoli miei, ed anch’io con voi come Madre. Pregate per avere la saldezza della fede, perché amore e misericordia vengono da una fede salda. Per mezzo dell’amore e della misericordia aiuterete tutti coloro che non sono coscienti di scegliere le tenebre al posto della luce. Pregate per i vostri pastori, perché essi sono la forza della Chiesa che mio Figlio vi ha lasciato. Per mezzo di mio Figlio essi sono i pastori delle anime. Vi ringrazio!”.

Messaggio della Regina della Pace del 25 Febbraio 2015

“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti: pregate di più e parlate di meno. Nella preghiera cercate la volontà di Dio e vivetela secondo i comandamenti ai quali Dio vi invita. Io sono con voi e prego con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio della Regina della Pace del 2 Febbraio 2015

“Cari figli, eccomi sono qui in mezzo a voi. Vi guardo, vi sorrido e vi amo come solo una madre può fare. Attraverso lo Spirito Santo che viene per mezzo della mia purezza, vedo i vostri cuori e li offro a mio Figlio. Già da tanto tempo vi chiedo di essere miei apostoli, di pregare per coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio. Chiedo la preghiera fatta con l’amore, la preghiera che fa opere e sacrifici. Non perdete tempo a capire se siete degni di essere miei apostoli, il Padre Celeste giudicherà tutti, ma voi amatelo ed ascoltatelo. So che tutte queste cose vi confondono, anche la mia venuta in mezzo a voi, ma accettatela con gioia e pregate per comprendere che siete degni di operare per il cielo. Il mio amore è su di voi. Pregate affinché il mio amore vinca in ogni cuore, perché questo amore che perdona si dona e non cessa mai. Vi ringrazio”.

Messaggio della Regina della Pace del 25 Gennaio 2015

“Cari figli! Anche oggi vi invito: vivete nella preghiera la vostra vocazione. Adesso, come mai prima, Satana desidera soffocare con il suo vento contagioso dell’odio e dell’inquietudine l’uomo e la sua anima. In tanti cuori non c’è gioia perché non c’è Dio né la preghiera. L’odio e la guerra crescono di giorno in giorno. Vi invito, figlioli, iniziate di nuovo con entusiasmo il cammino della santità e dell’amore perché io sono venuta in mezzo a voi per questo. Siamo insieme amore e perdono per tutti coloro che sanno e vogliono amare soltanto con l’amore umano e non con quell’immenso amore di Dio al quale Dio vi invita. Figlioli, la speranza in un domani migliore sia sempre nel vostro cuore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio della Regina della Pace a Mirjana del 2 Gennaio 2015

“Cari figli, sono qui in mezzo a voi come Madre che vuole aiutarvi a conoscere la verità. Mentre vivevo la vostra vita sulla terra, io avevo la conoscenza della verità e con ciò un pezzetto di Paradiso sulla terra. Perciò per voi, miei figli, desidero la stessa cosa. Il Padre Celeste desidera cuori puri, colmi di conoscenza della verità. Desidera che amiate tutti coloro che incontrate, perché anch’io amo mio Figlio in tutti voi. Questo è l’inizio della conoscenza della verità. Vi vengono offerte molte false verità. Le supererete con un cuore purificato dal digiuno, dalla preghiera, dalla penitenza e dal Vangelo. Questa è l’unica verità ed è quella che mio Figlio vi ha lasciato. Non dovete esaminarla molto: vi è chiesto di amare e di dare, come ho fatto anch’io. Figli miei, se amate, il vostro cuore sarà una dimora per mio Figlio e per me, e le parole di mio Figlio saranno la guida della vostra vita. Figli miei, mi servirò di voi, apostoli dell’amore, per aiutare tutti i miei figli a conoscere la verità. Figli miei, io ho sempre pregato per la Chiesa di mio Figlio, perciò prego anche voi di fare lo stesso. Pregate affinché i vostri pastori risplendano dell’amore di mio Figlio. Vi ringrazio!”

Apparizione ad Ivan: martedì 30 dicembre 2014 9.00.00

“Cari figli, anche oggi desidero dirvi grazie. Grazie, cari figli, perché avete fatto una scelta, avete deciso di vivere i miei messaggi. Oggi vi invito nuovamente in questo tempo, tempo di grazia, a pregare di più per la famiglia e a pregare per l’evangelizzazione della famiglia. Pregate particolarmente per i giovani. Che Dio dimori nelle famiglie ed occupi il primo posto! Sono con voi, prego insieme a voi. Grazie, cari figli, per aver anche oggi risposto alla mia chiamata”.

Apparizione a Jacov: mercoledì 24 dicembre 2014 9.00.00

Cari figli, anche oggi in questo giorno di grazia, desidero che il cuore di ciascuno di voi diventi la capanna di Betlemme nella quale è nato il Salvatore del mondo. Io sono vostra Madre che vi ama immensamente e si prende cura di ciascuno di voi. Perciò, figli miei, abbandonatevi alla Madre affinché possa posare davanti a Gesù Bambino il cuore e la vita di ciascuno di voi, perché soltanto così, figli miei, i vostri cuori saranno testimoni della nascita quotidiana di Dio in voi. Permettete a Dio di illuminare le vostre vite con la luce ed i vostri cuori con la gioia affinché il vostro cammino sia illuminato quotidianamente e siate esempio della vera gioia per gli altri che vivono nelle tenebre e non sono aperti verso Dio e verso le Sue grazie.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio del 25 Dicembre 2014
mercoledì 24 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio del 2 dicembre 2014

“Cari figli tenetelo a mente, perché vi dico: l’amore trionferà! So che molti di voi stanno perdendo la speranza perché vedono attorno a sé sofferenza, dolore, gelosia e invidia ma io sono vostra Madre. Sono nel Regno, ma anche qui con voi. Mio Figlio mi manda nuovamente affinché vi aiuti, perciò non perdete la speranza ma seguitemi, perché il trionfo del mio Cuore è nel nome di Dio. Il mio amato Figlio pensa a voi, come ha sempre fatto: credetegli e vivetelo! Egli è la vita del mondo. Figli miei, vivere mio Figlio vuol dire vivere il Vangelo. Non è facile. Comporta amore, perdono e sacrificio. Questo vi purifica e apre il Regno. Una preghiera sincera, che non è solo parola ma preghiera pronunciata dal cuore, vi aiuterà. Così pure il digiuno, poiché esso comporta ulteriore amore, perdono e sacrificio. Perciò non perdete la speranza, ma seguitemi. Vi chiedo nuovamente di pregare per i vostri pastori, affinché guardino sempre a mio Figlio, che è stato il primo Pastore del mondo e la cui famiglia era il mondo intero.
Vi ringrazio”

Messaggio del 25 novembre 2014

“Cari figli! Oggi in modo particolare vi invito alla preghiera. Pregate, figlioli, per comprendere chi siete e dove dovete andare. Siate portatori della Buona Novella e uomini di speranza. Siate amore per tutti coloro che sono senza amore. Figlioli, sarete tutto e realizzerete tutto soltanto se pregate e se siete aperti alla volontà di Dio, Dio che desidera guidarvi verso la vita eterna. Io sono con voi e di giorno in giorno intercedo per voi davanti a mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 2 novembre 2014 (a Mirjana)

Cari figli, sono con voi con la benedizione di mio Figlio, con voi che mi amate e che cercate di seguirmi. Io desidero essere anche con voi, che non mi accogliete. A tutti voi apro il mio Cuore pieno d’amore e vi benedico con le mie mani materne. Sono una Madre che vi capisce: ho vissuto la vostra vita e ho provato le vostre sofferenze e gioie. Voi, che vivete il dolore, comprendete il mio dolore e la mia sofferenza per quei miei figli che non permettono che la luce di mio Figlio li illumini, per quei miei figli che vivono nelle tenebre. Per questo ho bisogno di voi, di voi che siete stati illuminati dalla luce e che avete compreso la verità. Vi invito ad adorare mio Figlio, affinché la vostra anima cresca e raggiunga una vera spiritualità. Apostoli miei, allora potrete aiutarmi. Aiutare me significa pregare per coloro che non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio. Pregando per loro, voi mostrate a mio Figlio che lo amate e lo seguite. Mio Figlio mi ha promesso che il male non vincerà mai, perché qui ci siete voi, anime dei giusti: voi, che cercate di dire le vostre preghiere col cuore; voi, che offrite i vostri dolori e sofferenze a mio Figlio; voi, che comprendete che la vita è soltanto un battito di ciglia; voi, che anelate al Regno dei Cieli. Tutto ciò vi rende miei apostoli e vi conduce al trionfo del mio Cuore. Perciò, figli miei, purificate i vostri cuori ed adorate mio Figlio. Vi ringrazio!

Messaggio del 25 ottobre 2014

Cari figli! Pregate in questo tempo di grazia e chiedete l’intercessione di Tutti i Santi che sono già nella luce. Loro vi siano d’esempio e d’esortazione di giorno in giorno, sul cammino della vostra conversione. Figlioli, siate coscienti che la vostra vita è breve e passeggera. Perciò anelate all’eternità e preparate i vostri cuori nella preghiera. Io sono con voi e intercedo presso il mio Figlio per ciascuno di voi, soprattutto per coloro che si sono consacrati a Me ed a mio Figlio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

MEDJUGORJE: MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE A MIRJANA – 2 OTTOBRE 2014

«Cari figli, con materno amore vi prego: amatevi gli uni gli altri!
Che nei vostri cuori sia come mio Figlio ha voluto fin dall’inizio: al primo posto l’amore verso il Padre Celeste e verso il vostro prossimo, al di sopra di tutto ciò che è di questa terra.
Cari figli miei, non riconoscete i segni dei tempi? Non riconoscete che tutto quello che è intorno a voi, tutto quello che sta succedendo, accade perché non c’è amore?
Comprendete che la salvezza è nei veri valori, accogliete la potenza del Padre Celeste, amatelo e rispettatelo. Camminate sulle orme di mio Figlio.
Voi, figli miei, apostoli miei cari, voi vi radunate sempre di nuovo attorno a me perché siete assetati, siete assetati di pace, di amore e di felicità. Dissetatevi dalle mie mani! e mie mani vi offrono mio Figlio, che è Sorgente d’acqua pura.
Egli rianimerà la vostra fede e purificherà i vostri cuori, perché mio Figlio ama con cuore puro ed i cuori puri amano mio Figlio. Solo i cuori puri sono umili e hanno una fede salda. Io vi chiedo cuori del genere, figli miei! Mio Figlio mi ha detto che io sono la Madre del mondo intero: prego voi, che mi accogliete come tale, che con la vostra vita, preghiera e sacrificio mi aiutiate affinché tutti i miei figli mi accolgano come Madre, perché io possa condurli alla Sorgente d’acqua pura.
Vi ringrazio!
Cari figli miei, mentre i vostri pastori, con le loro mani benedette, vi offrono il Corpo di mio Figlio, ringraziate sempre nel cuore mio Figlio per il suo sacrificio e per i pastori che vi dà sempre di nuovo».

Messaggio del 25 Settembre 2014

“Cari figli! Anche oggi vi invito perché anche voi siate come le stelle che con il loro splendore danno la luce e la bellezza agli altri affinché gioiscano. Figlioli, siate anche voi splendore, bellezza, gioia e pace e soprattutto preghiera per tutti coloro che sono lontani dal mio amore e dall’amore di mio Figlio Gesù. Figlioli, testimoniate la vostra fede e preghiera nella gioia, nella gioia della fede che è nei vostri cuori e pregate per la pace che è dono prezioso di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Settembre 2014

“Cari figli, io, vostra Madre, vengo nuovamente in mezzo a voi per un amore che non ha fine, dall’amore infinito dell’infinito Padre Celeste. E, mentre guardo nei vostri cuori, vedo che molti di voi mi accolgono come Madre e, con cuore sincero e puro, desiderano essere miei apostoli. Ma io sono Madre anche di voi che non mi accogliete e, nella durezza del vostro cuore, non volete conoscere l’amore di mio Figlio. Non sapete quanto il mio Cuore soffre e quanto prego mio Figlio per voi. Lo prego di guarire le vostre anime, perché Egli può farlo. Lo prego di illuminarvi con un prodigio dello Spirito Santo, affinché smettiate di tradirlo, bestemmiarlo e ferirlo sempre di nuovo. Prego con tutto il Cuore affinché comprendiate che solo mio Figlio è la salvezza e la luce del mondo. E voi, figli miei, apostoli miei cari, portate sempre mio Figlio nel cuore e nei pensieri. Così voi portate l’amore. Tutti coloro che non conoscono Lui lo riconosceranno nel vostro amore. Io sono sempre accanto a voi. Sono in modo particolare accanto ai vostri pastori, perché mio Figlio li ha chiamati a guidarvi sulla via verso l’eternità. Vi ringrazio, apostoli miei, per il sacrificio e l’amore!”.


Messaggio della Regina della Pace del 25 agosto 2014

“Cari figli! Pregate per le mie intenzioni perché Satana desidera distruggere il mio piano che ho qui e rubarvi la pace. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate affinché Dio possa operare attraverso ciascuno di voi. I vostri cuori siano aperti alla volontà di Dio. Io vi amo e vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio della Regina della Pace del 2 agosto 2014 (a Mirjana)

“Cari figli, il motivo per cui sto con voi, la mia missione, è di aiutarvi affinché vinca il bene, anche se questo adesso a voi non sembra possibile. So che molte cose non le comprendete, come anch’io non avevo compreso tutto quello che mio Figlio mi insegnava mentre cresceva accanto a me, ma io gli credevo e l’ho seguito. Questo chiedo anche a voi di credermi e di seguirmi, ma figli miei, seguire me significa amare mio Figlio al di sopra di tutti, amarlo in ogni persona senza distinzione. Per poter fare tutto ciò io vi invito nuovamente alla rinuncia, alla preghiera e al digiuno. Vi invito affinché la vita per la vostra anima sia l’Eucaristia. Io vi invito ad essere miei apostoli della luce, coloro che nel mondo diffonderanno l’amore e la misericordia. Figli miei, la vostra vita è solo un battito in confronto alla vita eterna. Quando sarete di fronte a mio Figlio, lui nei vostri cuori vedrà quanto amore avete avuto. Per poter nel modo giusto diffondere l’amore io prego mio Figlio affinché attraverso l’amore vi doni l’unione per mezzo suo, l’unione tra di voi e l’unione tra voi e i vostri pastori. Mio Figlio sempre vi si dona nuovamente attraverso di loro e rinnova le vostre anime. Non dimenticate questo. Vi ringrazio. ”

Messaggio del 25 Luglio 2014

“Cari figli! Voi non siete coscienti di quali grazie vivete in questo tempo in cui l’Altissimo vi dona i segni perché vi apriate e vi convertiate. Ritornate a Dio ed alla preghiera; nei vostri cuori, famiglie e comunità regni la preghiera perché lo Spirito Santo vi guidi e vi esorti ad essere ogni giorno più aperti alla volontà di Dio ed al Suo piano su ciascuno di voi. Io sono con voi, e con i santi e gli angeli intercedo per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Luglio 2014 mercoledì 2 luglio 2014 10.00.00

“Cari figli, io, Madre di voi radunati qui e Madre del mondo intero, vi benedico con la benedizione materna e vi invito ad incamminarvi sulla via dell’umiltà. Quella via porta alla conoscenza dell’amore di mio Figlio. Mio Figlio è onnipotente, Egli è in tutte le cose. Se voi, figli miei, non comprendete questo, allora nella vostra anima regna la tenebra, la cecità. Solo l’umiltà può guarirvi. Figli miei, io ho sempre vissuto umilmente, coraggiosamente e nella speranza. Sapevo, avevo compreso che Dio è in noi e noi in Dio. Chiedo lo stesso a voi. Voglio tutti voi con me nell’eternità, perché voi siete parte di me. Nel vostro cammino io vi aiuterò. Il mio amore vi avvolgerà come un manto e farà di voi apostoli della mia luce, della luce di Dio. Con l’amore che proviene dall’umiltà, porterete la luce dove regna la tenebra, la cecità. Porterete mio Figlio, che è la luce del mondo. Io sono sempre accanto ai vostri pastori e prego che siano sempre per voi un esempio di umiltà. Vi ringrazio”
La Madonna ha benedetto tutti i presenti e tutti gli oggetti di devozione che abbiamo portato perché venissero benedetti.

Messaggio della Regina della Pace del 25.06.14

“Cari figli! L’Altissimo mi dona la grazia di poter essere ancora con voi e di guidarvi nella preghiera verso la via della pace. Il vostro cuore e la vostra anima hanno sete di pace e d’amore, di Dio e della sua gioia. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate e nella preghiera scoprirete la sapienza del vivere. Io vi benedico e intercedo per ciascuno di voi davanti a mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Giugno 2014

“Cari figli, vi invito tutti e vi accetto come miei figli. Prego affinché mi accettiate e mi amiate come madre. Ho unito tutti voi nel mio cuore, sono scesa in mezzo a voi e vi benedico tutti. Io so che voi desiderate da me conforto e speranza, perché vi amo e intercedo per voi.
Vi chiedo di essere in unione con me in mio Figlio e di essere miei apostoli. Per poter far questo, nuovamente vi invito ad amare. Non esiste amore senza preghiera, non esiste preghiera senza perdono, perché l’amore è la preghiera, il perdono è l’amore.
Figli miei, Dio vi ha creato per amare e voi amate per poter perdonare. Ogni preghiera che viene dall’amore, vi unisce a mio Figlio e allo Spirito Santo e lo Spirito Santo vi illumina e vi rende miei apostoli, apostoli i quali, tutto ciò che faranno, lo faranno nel nome del Signore.
Coloro che pregheranno con le loro opere e non solo con le parole, perché amano mio Figlio e comprendono la strada della verità che conduce alla vita eterna. Pregate per i vostri pastori affinché possano sempre, con cuore puro, guidarvi sulla strada della verità e dell’amore, la strada di mio Figlio. Grazie”.

Messaggio della Regina della pace del 25.05.14

“Cari figli! Pregate e siate coscienti che senza Dio siete polvere. Perciò volgete i vostri pensieri e il vostro cuore a Dio e alla preghiera. Confidate nel Suo amore. Nello Spirito di Dio, figlioli, tutti voi siete invitati ad essere testimoni. Voi siete preziosi e io vi invito, figlioli, alla santità, alla vita eterna. Perciò siate coscienti che questa vita è passeggera. Io vi amo e vi invito alla nuova vita di conversione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Maggio 2014
venerdì 2 maggio 2014
«Cari figli, io, vostra Madre, sono con voi per il vostro bene, per le vostre necessità e per vostra personale istruzione. Il Padre Celeste vi ha dato la libertà di decidere da soli e di conoscere da soli. Io desidero aiutarvi. Desidero essere per voi Madre, maestra di verità, affinché con la semplicità di un cuore aperto conosciate l’immensa purezza e la luce che da essa proviene e dissolve le tenebre, la luce che porta speranza. Io, figli miei, capisco i vostri dolori e le vostre sofferenze. Chi potrebbe capirvi meglio di una Madre! Ma voi, figli miei? È piccolo il numero di coloro che mi capiscono e mi seguono. Grande è il numero degli smarriti, di coloro che non hanno ancora conosciuto la verità in mio Figlio. Perciò, apostoli miei, pregate ed agite. Portate la luce e non perdete la speranza. Io sono con voi. In modo particolare sono con i vostri pastori. Li amo e li proteggo con Cuore materno, perché essi vi guidano al Paradiso che mio Figlio vi ha promesso. Vi ringrazio».

Messaggio della Regina della Pace del 25.04.14

“Cari figli! Aprite i vostri cuori alla grazia che Dio vi dona attraverso di me come il fiore che si apre ai caldi raggi del sole. Siate preghiera ed amore per tutti coloro che sono lontani da Dio e dal Suo amore. Io sono con voi ed intercedo per tutti voi presso il mio Figlio Gesù e vi amo con amore immenso. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio della Regina della Pace a Mirijana del 2.04.14

Cari figli,
con materno amore desidero aiutarvi affinché la vostra vita di preghiera e di penitenza sia un vero tentativo di avvicinamento a mio Figlio e alla sua luce divina, affinché sappiate distaccarvi dal peccato.
Ogni preghiera, ogni Messa ed ogni digiuno sono un tentativo di avvicinamento a mio Figlio, un rimando alla sua gloria e un rifugio dal peccato. Sono la via ad una nuova unione tra il Padre buono ed i suoi figli.
Perciò, cari figli miei, con cuore aperto e pieno d’amore invocate il nome del Padre Celeste, affinché vi illumini con lo Spirito Santo.
Per mezzo dello Spirito Santo, diventerete una sorgente dell’amore di Dio: a quella sorgente berranno tutti coloro che non conoscono mio Figlio, tutti gli assetati dell’amore e della pace di mio Figlio.
Vi ringrazio!
Pregate per i vostri pastori.
Io prego per loro e desidero che sentano sempre la benedizione delle mie mani materne ed il sostegno del mio Cuore materno”

25.03.14

Cari figli!
Vi invito di nuovo: iniziate la lotta contro il peccato come nei primi giorni, andate a confessarvi e decidetevi per la santità.
Attraverso di voi l’amore di Dio scorrerà nel mondo e la pace regnerà nei vostri cuori e la benedizione di Dio vi riempirà.
Io sono con voi e davanti al mio Figlio intercedo per tutti voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio a Mirjana del 2 Marzo 2014

«Cari figli, vengo a voi come Madre e desidero che in me come Madre troviate dimora, conforto e riposo. Perciò, figli miei, apostoli del mio amore, pregate! Pregate con umile devozione, obbedienza e totale fiducia nel Padre Celeste. Abbiate fiducia, come anch’io ho avuto fiducia quando mi è stato detto che avrei portato la benedizione della promessa. Che dal vostro cuore giunga sempre sulle vostre labbra un “Sia fatta la tua volontà”. Perciò abbiate fiducia e pregate, perché io possa intercedere per voi presso il Signore, affinché vi dia la Benedizione Celeste e vi riempia di Spirito Santo. Allora potrete aiutare tutti coloro che non conoscono il Signore. Voi, apostoli del mio amore, li aiuterete a chiamarlo “Padre” con piena fiducia. Pregate per i vostri pastori e confidate nelle loro mani benedette. Vi ringrazio».

Messaggio del 25 febbraio 2014

“Cari figli! Vedete, ascoltate e sentite che nei cuori di molti uomini non c’è Dio. Non lo vogliono perché sono lontani dalla preghiera e non hanno la pace. Voi, figlioli, pregate, vivete i comandamenti di Dio. Voi siate preghiera, voi che fin dallo stesso inizio avete detto „si“ alla mia chiamata. Testimoniate Dio e la mia presenza e non dimenticate figlioli, che Io sono con voi e vi amo. Di giorno in giorno vi presento a mio figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Febbraio 2014

“Cari figli, con materno amore desidero insegnarvi la sincerità, perché desidero che, nel vostro operare come miei apostoli, siate corretti, decisi, ma soprattutto sinceri. Desidero che con la grazia di Dio siate aperti alla benedizione. Desidero che, col digiuno e la preghiera, otteniate dal Padre Celeste la consapevolezza di ciò che è naturale, santo, divino. Colmi di consapevolezza, sotto la protezione di mio Figlio e la mia, sarete miei apostoli che sapranno diffondere la Parola di Dio a tutti coloro che non la conoscono, e saprete superare gli ostacoli che si troveranno sulla vostra strada. Figli miei, con la benedizione la grazia di Dio scenderà su di voi e voi potrete conservarla col digiuno, la preghiera, la purificazione e la riconciliazione. Avrete l’efficacia che vi chiedo. Pregate per i vostri pastori, affinché un raggio della grazia di Dio illumini le loro vie. Vi ringrazio”.

Messaggio da Medjugorje del 25 gennaio 2014

Cari figli! Pregate, pregate, pregate perché il riflesso della vostra preghiera influisca su tutti coloro che incontrate. Mettete la Sacra Scrittura in un posto visibile nelle vostre famiglie e leggetela perché le parole di pace scorrano nei vostri cuori. Prego con voi e per voi, figlioli, perché di giorno in giorno siate sempre più aperti alla volontà di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Gennaio 2014

“Cari figli, per poter essere miei apostoli e per poter aiutare tutti coloro che sono nella tenebra a conoscere la luce dell’amore di mio Figlio, dovete avere cuori puri ed umili. Non potete essere d’aiuto affinché mio Figlio nasca e regni nei cuori di coloro che non lo conoscono, se Egli non regna, se non è il Re nel vostro cuore. Io sono con voi, cammino con voi come Madre, busso ai vostri cuori: non possono aprirsi, perché non sono umili. Io prego – ma pregate anche voi, figli miei amati, – affinché possiate aprire a mio Figlio cuori puri ed umili e ricevere i doni che vi ha promesso. Allora sarete guidati dall’amore e dalla forza di mio Figlio. Allora sarete miei apostoli, che diffonderanno ovunque attorno a loro i frutti dell’amore di Dio. A partire da voi e attraverso di voi agirà mio Figlio, perché sarete una cosa sola. A questo anela il mio Cuore materno: all’unità di tutti i miei figli per mezzo di mio Figlio. Con grande amore benedico e prego per gli eletti di mio Figlio: per i vostri pastori. Vi ringrazio”.

Apparizione avuta da Ivan Venerdì 3 gennaio 2014 alla Croce blu alle 22:00

“Cari figli, anche oggi desidero invitarvi: vivete i messaggi che vi sto dando. Vivete i miei messaggi, solo così potrò darvi nuovi messaggi. Pregate particolarmente in questo tempo per i miei progetti che desidero realizzare: progetti col mondo, progetti di pace. Grazie, cari figli, anche oggi per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio del 25 Dicembre 2013

“Cari figli! Vi porto il Re della pace perché Lui vi dia la Sua pace. Voi, figlioli, pregate, pregate, pregate. Il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il Suo Regno. Io con il mio figlio Gesù vi benedico tutti con la benedizione della pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Jakov del 25 Dicembre 2013
mercoledì 25 dicembre 2013 9.00.00

“Figlioli, Gesù oggi in particolar modo desidera abitare nei vostri cuori e condividere con voi ogni vostra gioia e ogni dolore. Perciò figlioli in special modo guardate nel vostro cuore e chiedetevi se veramente la pace e la gioia con la nascita di Gesù ha conquistato il vostro cuore. Figlioli non vivete nel buio, ma cercate di andare verso la luce e verso la salvezza di Dio. Figli decidetevi per Gesù e donate a lui la vostra vita e i vostri cuori, solo così l’Onnipotente potrà lavorare con voi e per mezzo di voi”.

Messaggio del 2 Dicembre 2013

“Cari figli, con materno amore e materna pazienza, guardo il vostro continuo vagare ed il vostro smarrimento. Per questo sono con voi. Desidero anzitutto, aiutarvi a trovare e a conoscere voi stessi, affinché poi possiate capire e riconoscere tutto ciò che non vi permette di conoscere sinceramente e con tutto il cuore l’amore del Padre celeste. Figli miei, il Padre si conosce per mezzo della Croce. Perciò non rifiutate la croce: col mio aiuto, cercate di comprenderla ed accoglierla. Quando sarete in grado di accettare la Croce, capirete anche l’amore del Padre Celeste. Camminerete con mio Figlio e con me. Vi distinguerete da quelli che non hanno conosciuto l’amore del Padre Celeste, da quelli che lo ascoltano ma non lo comprendono, non camminano con Lui, non l’hanno conosciuto. Io desidero che voi conosciate la verità di mio Figlio e siate miei apostoli; che, come figli di Dio, vi eleviate al di sopra il pensiero umano e, sempre ed in tutto, cerchiate nuovamente il pensiero di Dio. Figli miei, pregate e digiunate per poter comprendere tutto quello che vi chiedo. Pregate per i vostri pastori e bramate di conoscere, in comunione con loro, l’amore del Padre Celeste. Vi ringrazio”.
Messaggio del 25 novembre 2013

“Cari figli! Oggi vi invito tutti alla preghiera. Aprite profondamente la porta del cuore, figlioli, alla preghiera, preghiera del cuore e allora l’Altissimo potrà operare nella vostra libertà e inizierà la vostra conversione. La fede diventerà forte così che potrete dire con tutto il cuore: ‘Mio Dio e mio tutto’. Comprenderete, figlioli, che qui sulla Terra tutto è passeggero. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio del 2 Novembre 2013

“Cari figli, vi invito di nuovo maternamente ad amare, a pregare senza sosta per il dono dell’amore, ad amare il Padre Celeste al di sopra di tutto. Quando amerete Lui, amerete voi stessi ed il vostro prossimo. Queste realtà non possono essere separate. Il Padre Celeste è in ogni uomo, ama ogni uomo e chiama ogni uomo col proprio nome. Perciò, figli miei, attraverso la preghiera ascoltate la volontà del Padre Celeste. Parlate con Lui. Abbiate un rapporto personale col Padre, che renderà ancora più profondo il rapporto tra voi, comunità dei miei figli, dei miei apostoli. Come Madre desidero che, attraverso l’amore verso il Padre Celeste, vi eleviate al di sopra della vanità di questa terra ed aiutiate gli altri a conoscere e ad avvicinarsi gradualmente al Padre Celeste. Figli miei, pregate, pregate, pregate per il dono dell’amore, perché l’amore è mio Figlio. Pregate per i vostri pastori, affinché abbiano sempre amore per voi, come l’ha avuto e l’ha mostrato mio Figlio dando la sua vita per la vostra salvezza. Vi ringrazio”.

Messaggio mercoledì 25 ottobre 2013

“Cari figli! Oggi vi invito ad aprirvi alla preghiera. La preghiera opera miracoli in voi e attraverso di voi. Perciò figlioli, nella semplicità del cuore cercate dall’Altissimo che vi dia la forza di essere figli di Dio e che satana non vi agiti come il vento agita i rami. Decidetevi di nuovo, figlioli, per Dio e cercate soltanto la sua volontà e allora in Lui troverete gioia e pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio mercoledì 2 ottobre 2013

“Cari figli, vi amo con materno amore e con materna pazienza aspetto il vostro amore e la vostra comunione. Prego affinché siate la comunità dei figli di Dio, dei miei figli. Prego affinché come comunità vi ravviviate gioiosamente nella fede e nell’amore di mio Figlio. Figli miei, vi raduno come miei apostoli e vi insegno come far conoscere agli altri l’amore di mio Figlio, come portare loro la buona novella, che è mio Figlio. Datemi i vostri cuori aperti e purificati, e io li riempirò di amore per mio Figlio. Il suo amore darà senso alla vostra vita ed io camminerò con voi. Sarò con voi fino all’incontro con il Padre Celeste. Figli miei, si salveranno solo coloro che con amore e fede camminano verso il Padre Celeste. Non abbiate paura, sono con voi! Abbiate fiducia nei vostri pastori come ne ha avuta mio Figlio quando li ha scelti, e pregate affinché abbiamo la forza e l’amore per guidarvi. Vi ringrazio”.

Messaggio del 25 settembre 2013

“Cari figli! Anche oggi vi invito alla preghiera. Il vostro rapporto con la preghiera sia quotidiano. La preghiera opera miracoli in voi e attraverso di voi, perciò figlioli la preghiera sia gioia per voi. Allora il vostro rapporto con la vita sarà più profondo e più aperto e comprenderete che la vita è un dono per ciascuno di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”.

Messaggio del 2 Settembre 2013

“Cari figli, vi amo tutti quanti, tutti voi, tutti i miei figli, siete tutti nel mio cuore, tutti voi avete il mio amore materno e tutti quanti desidero condurvi affinché conosciate la gioia di Dio. Per questo vi invito: ho bisogno di apostoli umili che, con cuore aperto, accettino la parola di Dio e aiutino gli altri affinché, con la parola di Dio, comprendano il senso della loro vita. Per poter far questo, figli miei, dovete, attraverso la preghiera ed il digiuno, ascoltare col cuore e imparare a sottomettervi. Dovete imparare a rifiutare, tutto quello che vi allontana dalla parola di Dio e anelare solo ciò che vi avvicina. Non abbiate paura, io sono qui. Non siete soli. Prego lo Spirito Santo affinché vi rinnovi, affinché vi fortifichi. Prego lo Spirito Santo, affinché aiutando gli altri, possiate guarire voi stessi. Prego affinché, per mezzo Suo, diventiate figli di Dio e miei apostoli”.
La Madonna, poi, con grande preoccupazione ha detto:
“Per Gesù, per mio Figlio, amate coloro che Lui ha chiamato e anelate alla benedizione di quelle mani che solo Lui ha consacrato. Non permettete che il male regni. Nuovamente vi invito: solo con i miei pastori il mio cuore trionferà. Non permettete al male che vi separi dai vostri pastori. Vi ringrazio”.

La Madonna ha benedetto tutti i presenti e tutti gli oggetti portati

Messaggio del 25 Agosto 2013

Cari figli! Anche oggi l’Altissimo mi dona la grazia di essere con voi e di guidarvi verso la conversione. Giorno dopo giorno Io semino e vi invito alla conversione perché siate preghiera, pace, amore e grano che morendo genera il centuplo. Non desidero che voi, cari figli, abbiate a pentirvi per tutto ciò che potevate fare e che non avete voluto. Perciò, figlioli, di nuovo con entusiasmo dite: “ Desidero essere segno per gli altri”. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 2 Agosto 2013

“Cari figli se solo sapeste, se solo vorreste, in piena fiducia, aprire i vostri cuori, capireste tutto, capireste con quanto amore vi chiamo, con quanto amore desidero cambiarvi, per rendervi felici, con quanto amore desidero rendervi seguaci di mio Figlio e donarvi la pace nella pienezza di mio Figlio. Capireste l’immensa grandezza del mio amore materno, perciò, figli miei, pregate, perché solo attraverso la preghiera cresce la vostra fede e nasce l’amore, amore con il quale anche la croce non sarà più insopportabile perché non la porterete da soli. In unione con mio Figlio, glorificate il nome del Padre Celeste. Pregate, pregate per il dono dell’amore, perché l’amore è l’unica verità, l’amore perdona tutto, serve tutti e vede tutti come fratelli. Figli miei, apostoli miei, grande è la fiducia che il Padre Celeste, attraverso me, la Sua serva, vi ha dato, per aiutare coloro che non lo conoscono, affinché si riappacifichino con Lui, affinché Lo seguano, perciò vi insegno ad amare, perché solo se avrete amore potrete risponderGli. Nuovamente vi invito: amate i vostri pastori, pregate affinché in questo tempo difficile il nome di mio Figlio si glorifichi attraverso la loro guida. Vi ringrazio”.
La Madonna ha benedetto tutti i presenti e tutti gli oggetti portati.

Messaggio del 25 Luglio 2013

“Cari figli! Con la gioia nel cuore vi invito tutti a vivere la vostra fede ed a testimoniarla col cuore e con l’esempio in ogni modo. Decidetevi figlioli di stare lontano dal peccato e dalle tentazioni; nei vostri cuori ci sia la gioia e l’amore per la santità. Io, figlioli, vi amo e vi accompagno con la mia intercessione davanti all’Altissimo. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 2 Luglio 2013

“Cari figli, con amore materno vi prego di donarmi i vostri cuori perché io possa presentarli al mio Figlio e liberarvi, liberarvi da tutto quel male che vi rende sempre più schiavi e vi allontana dall’unico Bene – mio Figlio, da tutto ciò che vi guida sulla via sbagliata e vi toglie la pace. Io desidero guidarvi verso la libertà delle promesse di mio Figlio perché desidero che qui si compia completamente la volontà di Dio, perché attraverso la riconciliazione con il Padre Celeste, il digiuno e la preghiera nascano apostoli dell’amore di Dio, apostoli che liberamente e con amore diffonderanno l’amore di Dio a tutti i miei figli, apostoli che diffonderanno l’amore fiducioso nel Padre Celeste e apriranno la porta del cielo. Cari figli, offrite ai vostri pastori la gioia dell’amore e del sostegno così come il mio Figlio ha chiesto a loro di offrirlo a voi. Vi ringrazio”

Messaggio del 25 giugno 2013

“Cari figli! Con la gioia nel cuore vi amo tutti e vi invito ad avvicinarvi al mio cuore Immacolato affinché Io possa avvicinarvi ancora di più al mio Figlio Gesù perché Lui vi dia la sua pace e il suo amore che sono il nutrimento per ciascuno di voi. Apritevi, figlioli, alla preghiera, apritevi al mio amore. Io sono vostra Madre e non posso lasciarvi soli nel vagare e nel peccato. Figlioli, siete invitati ad essere i miei figli, i miei amati figli perché possa presentarvi tutti al mio Figlio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 2 Giugno 2013

“Cari figli, in questo tempo inquieto io vi invito di nuovo ad incamminarvi dietro a mio Figlio, a seguirlo. Conosco i dolori, le sofferenze e le difficoltà, ma in mio Figlio vi riposerete, in Lui troverete la pace e la salvezza. Figli miei, non dimenticate che mio Figlio vi ha redenti con la sua croce e vi ha messi in grado di essere nuovamente figli di Dio e di chiamare di nuovo “Padre” il Padre Celeste. Per essere degni del Padre amate e perdonate, perché vostro Padre è amore e perdono. Pregate e digiunate, perché questa è la via verso la vostra purificazione, questa è la via per conoscere e comprendere il Padre Celeste. Quando conoscerete il Padre, capirete che soltanto Lui vi è necessario (la Madonna ha detto questo in modo deciso e accentuato). Io, come Madre, desidero i miei figli nella comunione di un unico popolo in cui si ascolta e pratica la Parola di Dio. Perciò, figli miei, incamminatevi dietro a mio Figlio, siate una cosa sola con Lui, siate figli di Dio. Amate i vostri pastori come li ha amati mio Figlio quando li ha chiamati a servirvi. Vi ringrazio!”

Messaggio del 25 maggio 2013

“Cari figli! Oggi vi invito ad essere forti e decisi nella fede e nella preghiera affinché le vostre preghiere siano tanto forti da aprire il cuore del mio amato Figlio Gesù. Pregate figlioli, senza sosta affinché il vostro cuore si apra all’amore di Dio. Io sono con voi, intercedo per tutti voi e prego per la vostra conversione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”

Messaggio del 2 Maggio 2013

“Cari figli, vi invito nuovamente ad amare e non a giudicare. Mio Figlio, per volontà del Padre Celeste, è stato in mezzo a voi per mostrarvi la via della salvezza, per salvarvi e non per giudicarvi. Se volete seguire mio Figlio, non giudicherete ma amerete, come il Padre Celeste ama voi. Anche quando state più male, quando cadete sotto il peso della croce, non disperatevi, non giudicate, ma ricordate che siete amati e lodate il Padre Celeste per il suo amore. Figli miei, non deviate dalla strada per cui vi guido. Non correte verso la perdizione. La preghiera ed il digiuno vi rafforzino, affinché possiate vivere come il Padre Celeste vorrebbe; affinché siate i miei apostoli della fede e dell’amore; affinché la vostra vita benedica coloro che incontrate; affinché siate una cosa sola col Padre Celeste e con mio Figlio. Figli miei, questa è l’unica verità, la verità che porta alla vostra conversione e poi alla conversione di tutti coloro che incontrate e che non hanno conosciuto mio Figlio, di tutti coloro che non sanno cosa significa amare. Figli miei, mio Figlio vi ha donato i pastori: custoditeli, pregate per loro. Vi ringrazio!”

Messaggio del 25 Aprile 2013

“Cari figli! Pregate, pregate, soltanto pregate affinché il vostro cuore si apra alla fede come il fiore si apre ai raggi caldi del sole. Questo è il tempo di grazia che Dio vi da attraverso la mia presenza e voi siete lontani dal mio cuore. Perciò vi invito alla conversione personale ed alla preghiera in famiglia. La Sacra scrittura sia sempre l’esortazione per voi. Vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 2 Aprile 2013

“Cari figli, vi invito ad essere nello spirito una cosa sola con mio Figlio. Vi invito affinché, attraverso la preghiera e per mezzo della Santa Messa, quando mio Figlio si unisce a voi in modo particolare, cerchiate di essere come Lui. Affinché siate, come Lui, sempre pronti a compiere la volontà di Dio, e non a chiedere che si realizzi la vostra. Perché, figli miei, per volontà di Dio siete ed esistete ma, senza la volontà di Dio, siete un nulla. Io, come Madre, vi chiedo di parlare della gloria di Dio con la vostra vita, perché in questo modo glorificherete anche voi stessi, secondo la sua volontà. Mostrate a tutti umiltà ed amore verso il prossimo. Per mezzo di questa umiltà e di questo amore, mio Figlio vi ha salvato e vi ha aperto la via verso il Padre Celeste. Io vi prego di aprire la via verso il Padre Celeste a tutti coloro che non l’hanno conosciuto e non hanno aperto il proprio cuore al suo amore. Con la vostra vita aprite la via a tutti coloro che stanno ancora vagando in cerca della verità. Figli miei, siate miei apostoli che non hanno vissuto invano. Non dimenticate che verrete davanti al Padre Celeste e gli parlerete di voi. Siate pronti! Di nuovo vi ammonisco: pregate per coloro che mio Figlio ha chiamato, ha benedetto le loro mani e li ha donati a voi. Pregate, pregate, pregate per i vostri pastori. Vi ringrazio.”

Messaggio del 25 marzo 2013

“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito a prendere fra le mani la croce del mio amato Figlio Gesù e a contemplare la Sua passione e morte. Le vostre sofferenze siano unite alla Sua sofferenza e l’amore vincerà, perché, Lui che è l’Amore, ha dato se stesso per amore per salvare ciascuno di voi. Pregate, pregate, pregate affinché l’amore e la pace comincino a regnare nei vostri cuori. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

MESSAGGIO DEL 2 MARZO 2013 A MIRJANA

“Cari figli, nuovamente, maternamente vi invito: non indurite i vostri cuori. Non chiudete i vostri occhi davanti agli ammonimenti che il Padre celeste con amore vi manda. Voi non lo amate sopra ogni cosa, vi pentite perché spesso dimenticate che il Padre celeste con tutto il suo amore vi ha mandato suo Figlio affinché con la sua croce vi redima. Vi pentite perché ancora non avete accolto il messaggio. Cari figli, non rifiutate l’amore di mio Figlio; non rifiutate la speranza e la pace. Con la vostra preghiera e il digiuno, mio Figlio con la sua croce allontanerà le tenebre che vi circondano e che vi dominano: vi darà la forza per una vita nuova, la vivrete per mezzo di mio Figlio e sarete la benedizione e speranza per tutti i peccatori che vagano nella tenebra del peccato. Cari figli, vigilate! Io come Madre vigilo con voi. Pregate in modo particolare e vigilate su coloro che mio Figlio ha chiamato per essere vostri portatori della luce, portatori della speranza, per i vostri pastori.
Vi ringrazio!”

Messaggio del 25 febbraio 2013

“Cari figli! Anche oggi vi invito alla preghiera. Il peccato vi attira verso le cose terrene ma io sono venuta per guidarvi verso la santità e verso le cose di Dio ma voi lottate e sprecate le vostre energie nella lotta tra il bene e il male che sono dentro di voi. Perciò figlioli, pregate, pregate, pregate affinché la preghiera diventi gioia per voi e la vostra vita diventerà un semplice cammino verso Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 febbraio 2013

“Cari figli, l’amore mi conduce a voi, l’amore che desidero insegnare anche a voi: il vero amore. L’amore che mio Figlio vi ha mostrato quando è morto sulla croce per amore verso di voi. L’amore che è sempre pronto a perdonare e a chiedere perdono. Quanto è grande il vostro amore? Il mio Cuore materno è triste mentre nei vostri cuori cerca l’amore. Non siete disposti a sottomettere per amore la vostra volontà alla volontà di Dio. Non potete aiutarmi a far sì che coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio lo conoscano, perché voi non avete il vero amore. Consacratemi i vostri cuori ed io vi guiderò. Vi insegnerò a perdonare, ad amare il nemico ed a vivere secondo mio Figlio. Non temete per voi stessi. Mio Figlio non dimentica nelle difficoltà coloro che amano. Sarò accanto a voi. Pregherò il Padre Celeste perché la luce dell’eterna verità e dell’amore vi illumini. Pregate per i vostri pastori perché, attraverso il vostro digiuno e la vostra preghiera, possano guidarvi nell’amore. Vi ringrazio. “

Messaggio del 25 gennaio 2013

“Cari Figli! Anche oggi vi invito alla preghiera. La vostra preghiera sia forte come pietra viva, affinché con le vostre vite diventiate testimoni. Testimoniate la bellezza della vostra fede. Io sono con voi e intercedo presso mio Figlio per ognuno di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 2 gennaio 2013

“Cari figli, con molto amore e pazienza, cerco di rendere i vostri cuori simili al mio Cuore. Cerco di insegnarvi, col mio esempio, l’umiltà, la sapienza e l’amore, perché ho bisogno di voi, non posso senza di voi, figli miei. Secondo la volontà di Dio vi scelgo, secondo la sua forza vi rinvigorisco. Perciò, figli miei, non abbiate paura di aprirmi i vostri cuori. Io li darò a mio Figlio ed Egli, in cambio, vi donerà la pace divina. Voi lo porterete a tutti coloro che incontrate, testimonierete l’amore di Dio con la vita e, tramite voi stessi, donerete mio Figlio. Attraverso la riconciliazione, il digiuno e la preghiera, io vi guiderò. Immenso è il mio amore. Non abbiate paura! Figli miei, pregate per i pastori. Che le vostre labbra siano chiuse ad ogni condanna, perché non dimenticate: mio Figlio li ha scelti, e solo Lui ha il diritto di giudicare. Vi ringrazio”

Messaggio della Madonna di Medjugorje ad Ivan del 28 dicembre 2012

“Cari figli, anche oggi desidero invitarvi alla gioia, vi invito di nuovo alla gioia. Nello stesso tempo, vi invito alla responsabilità. Cari figli, accogliete responsabilmente i miei messaggi e vivete i miei messaggi, perché, vivendo i miei messaggi, desidero condurvi a mio Figlio. In tutti questi anni in cui sono insieme a voi, il mio dito è rivolto verso mio Figlio, verso Gesù, perché desidero condurvi tutti a Lui. Perciò, anche nei prossimi giorni, ponetevi questa domanda: “Che cosa posso fare perché il mio cuore sia più vicino a Gesù?”. Che questa domanda vi guidi. Dite a voi stessi: “Che cosa devo lasciare? Che cosa devo rifiutare, perché il mio cuore sia più vicino a Gesù?”. Pregate, cari figli! Io pregherò per tutti voi, affinché la vostra risposta nei vostri cuori sia: “Sì, desidero essere più vicino a Gesù!”. Grazie, cari figli, perché anche oggi avete risposto alla mia chiamata e avete detto sì”.

Martedì 25 dicembre 2012

La Madonna è venuta con Gesù bambino tra le braccia e non ha dato messaggio, ma Gesù bambino ha iniziato a parlare e ha detto: “Io sono la vostra pace, vivete i miei comandamenti”. 
La Madonna e Gesù bambino, insieme, ci hanno benedetto con il segno della croce.

Messaggio a Jakov del 25 dicembre 2012


“Cari figli! Donatemi la vostra vita e abbandonatevi completamente a me perché io possa aiutarvi a comprendere il mio amore materno e l’amore del mio Figlio verso di voi. Figli miei, io vi amo immensamente ed oggi, in modo particolare nel giorno della nascità del mio Figlio, desidero accogliere ciascuno di voi nel mio cuore e donare le vostre vite al mio Figlio. Figli miei, Gesù vi ama e vi dona la grazia di vivere nella Sua misericordia, ma molti dei vostri cuori sono presi dal peccato e vivete nelle tenebre. Perciò, figli miei, non aspettate, dite no al peccato e offrite i vostri cuori al mio Figlio perché soltanto così potrete vivere la misericordia di Dio ed incamminarvi sulla via della salvezza con Gesù nei vostri cuori”

Messaggio a Mirjana del 2 Dicembre 2012

“Cari figli, con materno amore e materna pazienza vi invito di nuovo a vivere secondo mio Figlio, a diffondere la sua pace ed il suo amore, ad accogliere con tutto il cuore, come miei apostoli, la verità di Dio ed a pregare lo Spirito Santo affinché vi guidi. Allora potrete servire fedelmente mio Figlio e, con la vostra vita, mostrare agli altri il suo amore. Per mezzo dell’amore di mio Figlio e del mio amore, io, come Madre, cerco di portare nel mio abbraccio materno tutti i figli smarriti e di mostrare loro la via della fede. Figli miei, aiutatemi nella mia lotta materna e pregate con me affinché i peccatori conoscano i loro peccati e si pentano sinceramente. Pregate anche per coloro che mio Figlio ha scelto e consacrato nel suo Nome. Vi ringrazio”.

Messaggio da Medjugorje del 25 Novembre 2012

“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti a rinnovare la preghiera. Apritevi alla Santa confessione perché ognuno di voi accetti col cuore la mia chiamata. Io sono con voi e vi proteggo dall’ abisso del peccato e voi dovete aprirvi alla via della conversione e della santità perché il vostro cuore arda d’amore per Dio. DateGli il tempo e Lui si donerà a voi, e così nella volontà di Dio scoprirete l’amore e la gioia della vita. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 Novembre 2012

“Cari figli, come Madre vi prego di perseverare come miei apostoli. Prego mio Figlio affinché vi dia la sapienza e la forza divina. Prego affinché valutiate tutto attorno a voi secondo la verità di Dio e vi opponiate fortemente a tutto quello che desidera allontanarvi da mio Figlio. Prego affinché testimoniate l’amore del Padre Celeste secondo mio Figlio. Figli miei, vi è data la grande grazia di essere testimoni dell’amore di Dio. Non prendete alla leggera la responsabilità a voi data. Non affliggete il mio Cuore materno. Come Madre desidero fidarmi dei miei figli, dei miei apostoli. Attraverso il digiuno e la preghiera mi aprite la via affinché preghi mio Figlio di essere accanto a voi ed affinché attraverso di voi il Suo Nome sia santificato. Pregate per i pastori, perché niente di tutto questo sarebbe possibile senza di loro. Vi ringrazio”.

Messaggio da Medjugorje del 25 Ottobre 2012

“Cari figli! Anche oggi vi invito a pregare per le mie intenzioni. Rinnovate il digiuno e la preghiera perchè Satana è astuto e attira molti cuori al peccato e alla perdizione. Io vi invito figlioli alla santità e a vivere nella grazia. Adorate mio Figlio affinchè Lui vi colmi con la Sua pace ed il Suo amore ai quali anelate. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”

Messaggio a Mirjana 2 Ottobre 2012

“Cari figli, vi chiamo e vengo in mezzo a voi perché ho bisogno di voi. Ho bisogno di apostoli dal cuore puro. Prego, ma pregate anche voi, che lo Spirito Santo vi renda capaci e vi guidi, che vi illumini e vi riempia di amore e di umiltà. Pregate che vi riempia di grazia e di misericordia. Solo allora mi capirete, figli miei. Solo allora capirete il mio dolore per coloro che non hanno conosciuto l’Amore di Dio. Allora potrete aiutarmi. Sarete i miei portatori della luce dell’Amore di Dio. Illuminerete la via a coloro a cui gli occhi sono donati, ma non vogliono vedere. Io desidero che tutti i miei figli vedano mio Figlio. Io desidero che tutti i miei figli vivano il Suo Regno. Vi invito nuovamente e vi prego di pregare per coloro che mio Figlio ha chiamato. Vi ringrazio”.

Messaggio da Medjugorje 25 Settembre 2012

“Cari figli! Quando nella natura guardate la ricchezza dei colori che l’Altissimo vi dona, aprite il cuore e con gratitudine pregate per tutto il bene che avete e dite: sono creato per l’eternità e bramate le cose celesti perché Dio vi ama con immenso amore. Perciò vi ha dato anche me per dirvi: soltanto in Dio è la vostra pace e la vostra speranza, cari figli. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 Settembre 2012

“Cari figli, mentre i miei occhi vi guardano, la mia anima cerca anime con le quali vuole essere una cosa sola, anime che abbiano compreso l’importanza della preghiera per quei miei figli che non hanno conosciuto l’Amore del Padre Celeste. Vi chiamo perché ho bisogno di voi. Accettate la missione e non temete: vi renderò forti. Vi riempirò delle mie grazie. Col mio amore vi proteggerò dallo spirito del male. Sarò con voi. Con la mia presenza vi consolerò nei momenti difficili. Vi ringrazio per i cuori aperti. Pregate per i sacerdoti. Pregate perché l’unione tra mio Figlio e loro sia più forte possibile, affinché siano una cosa sola. Vi ringrazio”.

Messaggio da Medjugorje 25 Agosto 2012

“Cari figli! Anche oggi con la speranza nel cuore prego per voi e ringrazio l’Altissimo per tutti voi che vivete col cuore i miei messaggi. Ringraziate l’amore di Dio affinché io possa amare e guidare ciascuno di voi per mezzo del mio Cuore Immacolato anche verso la conversione. Aprite i vostri cuori e decidetevi per la santità e la speranza farà nascere la gioia nei vostri cuori. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana 2 Agosto 2012

“Cari figli, sono con voi e non mi arrendo. Desidero farvi conoscere mio Figlio. Desidero i miei figli con me nella vita eterna. Desidero che proviate la gioia della pace e che abbiate la salvezza eterna. Prego affinché superiate le debolezze umane. Prego mio Figlio affinché vi doni cuori puri. Cari miei figli, solo cuori puri sanno come portare la croce e sanno come sacrificarsi per tutti quei peccatori che hanno offeso il Padre Celeste e che anche oggi lo offendono ma non l’hanno conosciuto. Prego affinché conosciate la luce della vera fede che viene solo dalla preghiera di cuori puri. Allora tutti coloro che vi sono vicini proveranno l’amore di mio Figlio. Pregate per coloro che mio Figlio ha scelto perché vi guidino sulla via verso la salvezza. Che le vostre labbra siano chiuse ad ogni giudizio. Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje 25 Luglio 2012

“Cari figli! Oggi vi invito al bene. Siate portatori di pace e di bontà in questo mondo. Pregate che Dio vi dia la forza affinché nel vostro cuore e nella vostra vita regnino sempre la speranza e la fierezza perché siete figli di Dio e portatori della Sua speranza in questo mondo che è senza gioia nel cuore e senza futuro perché non ha il cuore aperto verso Dio, vostra salvezza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

COMMENTO PERSONALE
È necessario essere fieri perché siamo figli di Dio.
In effetti ci pensiamo molto poco. Dio è colui che ha creato tutto: terra, mare, cieli, piante, animali, Universo. Ha creato tutte le persone, dal più piccolo al più grande. Ci sono moltissimi che sono fieri perché nella società contano: imprenditori, politici, nobili, commercianti, professionisti, dirigenti, ufficiali ecc.
Pochi, invece, riflettono a fondo sulla propria dignità, indipendentemente dal ruolo sociale o dalle caratteristiche personali. Questa è la dignità di FIGLI DI DIO e tutti noi abbiamo anche il compito di risvegliare gli altri a questa consapevolezza attraverso il rispetto, la considerazione e l’amore, i quali possono essere contagiosi e arrecare la speranza di Dio nei loro cuori, spesso sono così tristi perché non intravedono il futuro.

Messaggio a Mirjana 2 Luglio 2012

“Figli miei, di nuovo vi prego maternamente di fermarvi un momento e di riflettere su voi stessi e sulla transitorietà di questa vostra vita terrena. Poi riflettete sull’eternità e sulla beatitudine eterna.
Voi cosa desiderate, per quale strada volete andare? L’amore del Padre mi manda affinché sia per voi mediatrice, affinché con materno amore vi mostri la via che conduce alla purezza dell’anima, di un’anima non appesantita dal peccato, di un’anima che conoscerà l’eternità. Prego che la luce dell’amore di mio Figlio vi illumini, che vinciate le debolezze e usciate dalla miseria.
Voi siete miei figli e io vi voglio tutti sulla via della salvezza. Perciò, figli miei, radunatevi intorno a me, affinché possa farvi conoscere l’amore di mio Figlio ed aprire così la porta della beatitudine eterna. Pregate come me per i vostri pastori. Di nuovo vi ammonisco: non giudicateli, perché mio Figlio li ha scelti. Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje del 25 Giugno 2012

“Cari figli! Con la grande speranza nel cuore anche oggi vi invito alla preghiera. Se pregate figlioli, voi siete con me, cercate la volontà di mio Figlio e la vivete. Siate aperti e vivete la preghiera; in ogni momento sia essa sapore e gioia della vostra anima. Io sono con voi e intercedo per tutti voi presso mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Apparizione a Ivan 15 Giugno 2012

“Cari figli, sappiate che la Madre vi ama e con amore desidera guidarvi. Sono venuta a dirvi che Dio esiste, perciò anche oggi vi invito: decidetevi per Lui, mettetelo nella vostra vita e nelle vostre famiglie al primo posto e andate insieme a Lui nel futuro. Cari figli, in questo tempo di grazia che viene desidero che rinnoviate i miei messaggi e che mi diciate: `Si, si`. Grazie, cari figli, per avermi detto si “.

Messaggio del 2 giugno 2012 (Mirjana)

Cari figli, sono continuamente in mezzo a voi perché, col mio infinito amore, desidero mostrarvi la porta del Paradiso. Desidero dirvi come si apre: per mezzo della bontà, della misericordia, dell’amore e della pace, per mezzo di mio Figlio. Perciò, figli miei, non perdete tempo in vanità. Solo la conoscenza dell’Amore di mio Figlio può salvarvi. Per mezzo di questo Amore salvifico e dello Spirito Santo, Egli mi ha scelto ed io, insieme a Lui, scelgo voi perché siate apostoli del Suo Amore e della Sua Volontà. Figli miei, su di voi c’è una grande responsabilità. Desidero che voi, col vostro esempio, aiutiate i peccatori a tornare a vedere, che arricchiate le loro povere anime e li riportiate tra le mie braccia. Perciò pregate, pregate, digiunate e confessatevi regolarmente. Se mangiare mio Figlio è il centro della vostra vita, allora non abbiate paura: potete tutto. Io sono con voi. Prego ogni giorno per i pastori e mi aspetto lo stesso da voi. Perché, figli miei, senza la loro guida ed il rafforzamento che vi viene per mezzo della benedizione non potete andare avanti. Vi ringrazio.

Messaggio da Medjugorje 25 maggio 2012

“Cari figli! Anche oggi vi invito alla conversione e alla santità. Dio desidera darvi la gioia e la pace attraverso la preghiera ma voi, figlioli, siete ancora lontano, attaccati alla terra e alle cose della terra. Perciò vi invito di nuovo: aprite il vostro cuore e il vostro sguardo verso Dio e le cose di Dio e la gioia e la pace regneranno nel vostro cuore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

MESSAGGIO DEL 2 MAGGIO 2012 DATO DALLA REGINA DELLA PACE ATTRAVERSO LA VEGGENTE MIRJANA SOLDO DRAGICEVIC



“Cari figli, con amore materno io vi prego: datemi le vostre mani, permettete che io vi guidi. Io, come Madre, desidero salvarvi dall’inquietudine, dalla disperazione e dall’esilio eterno. Mio Figlio, con la sua morte in croce, ha mostrato quanto vi ama, ha sacrificato se stesso per voi e per i vostri peccati. Non rifiutate il suo sacrificio e non rinnovate le sue sofferenze con i vostri peccati. Non chiudete a voi stessi la porta del Paradiso. Figli miei, non perdete tempo. Niente è più importante dell’unità in mio Figlio. Io vi aiuterò, perché il Padre Celeste mi manda affinché insieme possiamo mostrare la via della grazia e della salvezza a tutti coloro che non Lo conoscono. Non siate duri di cuore. Confidate in me ed adorate mio Figlio. Figli miei, non potete andare avanti senza pastori. Che ogni giorno siano nelle vostre preghiere. Vi ringrazio”.

Messaggio del 25 aprile 2012

Cari figli! Anche oggi vi invito alla preghiera e ad aprire il vostro cuore verso Dio, figlioli, come un fiore verso il calore del sole. Io sono con voi e intercedo per tutti voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE
Sembra un messaggio quasi ripetitivo rispetto ad altri.
Ma anche il sole sorge e tramonta ogni giorno. I fiori appaiono in ogni primavera.
Anche noi dobbiamo essere come i fiori che si aprono verso il sole.
Il nostro cuore che si apre a Dio ottiene ogni benedizione. Ricordiamoci che anche noi siamo come i fiori del campo che ricevono il calore del sole per ottenere la vita. Alla fine, una volta raggiunto il fine per cui esistono, si seccano ed appassiscono. Ma nessun fiore é inutile: é proprio la loro esistenza che permette la vita nell’intero pianeta. Senza di essi nemmeno l’uomo potrebbe sussistere.
Nella vita spirituale senza il calore divino la nostra esistenza non avrebbe senso! Per questo dobbiamo aprirci come i fiori.

Messaggio a Mirjana 2 Aprile 2012

Cari figli, come Regina della pace desidero dare a voi, miei figli, la pace, la vera pace che viene attraverso il Cuore del mio Figlio Divino. Come Madre prego che nei vostri cuori regni la sapienza, l’umiltà e la bontà, che regni la pace, che regni mio Figlio. Quando mio Figlio sarà il Sovrano nei vostri cuori, potrete aiutare gli altri a conoscerlo. Quando la pace del cielo vi conquisterà, coloro che la cercano in posti sbagliati e così danno dolore al mio Cuore materno la riconosceranno. Figli miei, grande sarà la mia gioia quando vedrò che accogliete le mie parole e che desiderate seguirmi. Non abbiate paura, non siete soli. Datemi le vostre mani ed io vi guiderò. Non dimenticate i vostri pastori. Pregate che nei pensieri siano sempre con mio Figlio, che li ha chiamati affinché lo testimonino. Vi ringrazio.

Messaggio da Medjugorje del 25 marzo 2012

“Cari figli! Anche oggi con gioia desidero darvi la mia benedizione materna e invitarvi alla preghiera. Che la preghiera diventi per voi bisogno affinché ogni giorno cresciate di più nella santità. Lavorate di più sulla vostra conversione perché siete lontani figlioli. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio di Medjugorje 25 febbraio 2012

“Cari figli! In questo tempo in modo particolare vi invito: pregate col cuore. Figlioli, voi parlate tanto ma pregate poco. Leggete, meditate la Sacra Scrittura e le parole scritte in essa siano per voi vita. Io vi esorto e vi amo perché in Dio troviate la vostra pace e la gioia di vivere. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Marzo 2012

“Cari figli, per mezzo dell’immenso amore di Dio io vengo tra voi e vi invito con perseveranza tra le braccia di mio Figlio. Vi prego con Cuore materno ma vi ammonisco anche, figli miei, affinché la sollecitudine per coloro che non hanno conosciuto mio Figlio sia per voi al primo posto. Non fate sì che essi, guardando voi e la vostra vita, non desiderino conoscerlo. Pregate lo Spirito Santo affinché mio Figlio sia impresso in voi. Pregate affinché possiate essere apostoli della luce di Dio in questo tempo di tenebra e di disperazione. Questo è il tempo della vostra messa alla prova. Col Rosario in mano e l’amore nel cuore venite con me. Io vi conduco alla Pasqua in mio Figlio. Pregate per coloro che mio Figlio ha scelto, affinché possano sempre vivere secondo Lui ed in Lui. Vi ringrazio”.

Messaggio a Mirjana 2 Febbraio 2012

“Cari figli, da così tanto tempo io sono con voi e già da così tanto tempo vi sto mostrando la presenza di Dio ed il suo sconfinato amore, che desidero tutti voi conosciate. Ma voi, figli miei? Voi siete ancora sordi e ciechi; mentre guardate il mondo attorno a voi non volete vedere dove sta andando senza mio Figlio. State rinunciando a Lui, ma Egli è la fonte di tutte le grazie. Mi ascoltate mentre vi parlo, ma i vostri cuori sono chiusi e non mi sentite. Non state pregando lo Spirito Santo affinché vi illumini. Figli miei, la superbia sta regnando. Io vi indico l’umiltà. Figli miei, ricordate: solo un’anima umile brilla di purezza e di bellezza, perché ha conosciuto l’amore di Dio. Solo un’anima umile diviene un paradiso, perché in essa c’è mio Figlio. Vi ringrazio. Di nuovo vi prego: pregate per coloro che mio Figlio ha scelto, cioè i vostri pastori”.

Messaggio di Medjugorje del 25 Gennaio 2012

“Cari figli! Anche oggi vi invito con gioia ad aprire i vostri cuori e ad ascoltare la mia chiamata. Io desidero avvicinarvi di nuovo al mio cuore Immacolato dove troverete rifugio e pace. Apritevi alla preghiera affinché essa diventi gioia per voi. Attraverso la preghiera l’Altissimo vi darà l’abbondanza di grazia e voi diventerete le mie mani tese in questo mondo inquieto che anela alla pace. Figlioli, testimoniate la fede con le vostre vite e pregate affinché di giorno in giorno la fede cresca nei vostri cuori. Io sono con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 Gennaio 2012

“Cari figli, mentre con materna preoccupazione guardo nei vostri cuori, vedo in essi dolore e sofferenza; vedo un passato ferito e una ricerca continua; vedo i miei figli che desiderano essere felici, ma non sanno come. Apritevi al Padre. Questa è la via alla felicità, la via per la quale io desidero guidarvi. Dio Padre non lascia mai soli i suoi figli e soprattutto non nel dolore e nella disperazione. Quando lo comprenderete ed accetterete sarete felici. La vostra ricerca si concluderà. Amerete e non avrete timore. La vostra vita sarà la speranza e la verità che è mio Figlio. Vi ringrazio. Vi prego: pregate per coloro che mio Figlio ha scelto. Non dovete giudicare, perché tutti saranno giudicati”.

Messaggio di Medjugorje del 25 Dicembre 2011

“Cari figli, anche oggi vi porto tra le mie braccia il mio figlio Gesù affinché Lui vi dia la Sua pace. Pregate figlioli e testimoniate perché in ogni cuore prevalga non la pace umana ma la pace divina che nessuno può distruggere. Questa è quella pace del cuore che Dio dà a coloro che ama. Attraverso il battesimo tutti voi siete chiamati e amati in modo particolare, perciò testimoniate e pregate per essere le mie mani tese in questo mondo che anela a Dio e alla pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Dicembre 2011

“Cari figli, come Madre sono con voi per aiutarvi con il mio amore, preghiera ed esempio a diventare seme di ciò che avverrà, un seme che si svilupperà in un forte albero ed estenderà i suoi rami nel mondo intero. Per divenire seme di ciò che avverrà, seme dell’amore, pregate il Padre che vi perdoni le omissioni finora compiute. Figli miei, solo un cuore puro, non appesantito dal peccato può aprirsi e solo occhi sinceri possono vedere la via per la quale desidero condurvi. Quando comprenderete questo, comprenderete l’amore di Dio ed esso vi verrà donato. Allora voi lo donerete agli altri come seme d’amore. Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje 25 Novembre 2011

“Cari figli, oggi desidero darvi la speranza e la gioia. Tutto ciò che è attorno a voi, figlioli, vi guida verso le cose terrene ma Io desidero guidarvi verso il tempo di grazia perché in questo tempo siate sempre più vicini a mio Figlio affinché Lui possa guidarvi verso il suo amore e verso la vita eterna alla quale ogni cuore anela. Voi, figlioli, pregate e questo tempo sia per voi il tempo di grazia per la vostra anima. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana 2 Novembre 2011

“Cari figli, il Padre non vi ha lasciato a voi stessi. Il suo amore è immenso, l’amore che mi conduce a voi per aiutarvi a conoscerlo, affinché tutti, per mezzo di mio Figlio, possiate chiamarlo “Padre” con tutto il cuore e affinché possiate essere un popolo nella famiglia di Dio. Ma, figli miei, non dimenticate che non siete in questo mondo solo per voi stessi e che io non vi chiamo qui solo per voi. Coloro che seguono mio Figlio pensano al fratello in Cristo come a loro stessi e non conoscono l’egoismo. Perciò io desidero che voi siate la luce di mio Figlio, che voi illuminiate la via a tutti coloro che non hanno conosciuto il Padre – a tutti coloro che vagano nella tenebra del peccato, della disperazione, del dolore e della solitudine – e che mostriate loro con la vostra vita l’amore di Dio. Io sono con voi! Se aprite i vostri cuori vi guiderò. Vi invito di nuovo: pregate per i vostri pastori! Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje 25 Ottobre 2011

“Cari figli, vi guardo e nei vostri cuori non vedo la gioia. Oggi io desidero darvi la gioia del Risorto perché Lui vi guidi e vi abbracci con il suo amore e con la sua tenerezza. Vi amo e prego incessantemente per la vostra conversione davanti al mio figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Ottobre 2011

“Cari figli, anche oggi il mio Cuore materno vi invita alla preghiera, ad un vostro rapporto personale con Dio Padre, alla gioia della preghiera in Lui. Dio Padre non vi è lontano e non vi è sconosciuto. Egli vi si è mostrato per mezzo di mio Figlio e vi ha donato la vita, che è mio Figlio. Perciò, figli miei, non fatevi vincere dalle prove che vogliono separarvi da Dio Padre. Pregate! Non cercate di avere famiglie e società senza di Lui. Pregate! Pregate affinché la bontà che viene solo da mio Figlio, che è la vera bontà,inondi i vostri cuori. Solo cuori pieni di bontà possono comprendere ed accogliere Dio Padre. Io continuerò a guidarvi. In modo particolare vi prego di non giudicare i vostri pastori. Figli miei, dimenticate forse che Dio Padre li ha chiamati? Pregate! Vi ringrazio”

Messaggio di Medjugorje 25 Settembre 2011

“Cari figli, vi invito affinché questo tempo sia per tutti voi il tempo per testimoniare. Voi che vivete nell’amore di Dio e avete sperimentato i Suoi doni, testimoniateli con le vostre parole e con la vostra vita perché siano gioia ed esortazione alla fede per gli altri. Io sono con voi e intercedo incessantemente presso Dio per tutti voi perché la vostra fede sia sempre viva, gioiosa e nell’amore di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Settembre 2011

“Cari figli, io con tutto il cuore e con l’anima piena di fede e di amore verso il Padre Celeste vi ho donato e vi do nuovamente mio Figlio. Mio Figlio ha fatto conoscere a voi, popolo di tutto il mondo, l’unico vero Dio ed il Suo Amore. Vi ha condotto sulla strada della verità e vi ha reso fratelli e sorelle. Perciò, figli miei, non vagate inutilmente, non chiudete il cuore di fronte a questa verità, speranza ed amore. Tutto attorno a voi è passeggero e tutto crolla, solo la gloria di Dio rimane. Perciò rinunciate a tutto ciò che vi allontana dal Signore. Adorate solo Lui perché Egli è l’unico vero Dio. Io sono con voi e rimarrò accanto a voi.
Prego in modo particolare per i pastori affinché siano degni rappresentanti di mio Figlio ed affinché vi conducano con amore sulla strada della verità. Vi ringrazio!”

Messaggio di Medjugorje 25 Agosto 2011

“Cari figli, oggi vi invito a pregare e a digiunare per le mie intenzioni, perché satana vuole distruggere il mio piano. Ho iniziato qui con questa parrocchia e ho invitato il mondo intero. Molti hanno risposto ma è enorme il numero di coloro che non vogliono sentire ne accettare il mio invito. Perciò voi che avete pronunciato il SI, siate forti e decisi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Ivan 5 Agosto 2011

“Cari figli, anche oggi in questa mia grande gioia quando vi vedo in tale numero, desidero invitare voi ed invitare tutti i giovani a partecipare oggi all’evangelizzazione del mondo, a partecipare all’evangelizzazione delle famiglie. Cari figli, pregate, pregate, pregate. La Madre prega insieme a voi ed intercede presso Suo Figlio. Pregate, cari figli. Grazie, cari figli, perchè anche oggi avete risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana 2 Agosto 2011

“Cari figli, oggi vi invito a rinascere nella preghiera ed a diventare con mio Figlio, attraverso lo Spirito Santo, un nuovo popolo.Un popolo che sa che se perde Dio ha perso se stesso. Un popolo che sa che, nonostante tutte le sofferenze e le prove, con Dio è sicuro e salvo. Vi invito a radunarvi nella famiglia di Dio ed a rafforzarvi con la forza del Padre. Come singoli, figli miei, non potete fermare il male che vuole regnare nel mondo e distruggerlo. Ma per mezzo della volontà di Dio tutti insieme con mio Figlio potete cambiare tutto e guarire il mondo. Vi invito a pregare con tutto il cuore per i vostri pastori, perché mio Figlio li ha scelti. Vi ringrazio.”

MESSAGGIO DI MEDJUGORJE DEL25 Luglio 2011

“Cari figli, questo tempo sia per voi tempo di preghiera e di silenzio. Riposate il vostro corpo e il vostro spirito, che siano nell’amore di Dio. Permettetemi figlioli di guidarvi, aprite i vostri cuori allo Spirito Santo perché tutto il bene che è in voi fiorisca e fruttifichi il centuplo. Iniziate e terminate la giornata con la preghiera del cuore.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Luglio 2011

“Cari figli, oggi, per la vostra unione con mio Figlio, vi invito ad un passo difficile e doloroso. Vi invito al riconoscimento completo ed alla confessione dei peccati, alla purificazione. Un cuore impuro non può essere in mio Figlio e con mio Figlio. Un cuore impuro non può dare un frutto d’amore e di unità. Un cuore impuro non può compiere cose rette e giuste, non è un esempio della bellezza dell’Amore di Dio per coloro che gli stanno attorno e che non l’hanno conosciuto. Voi, figli miei, vi riunite attorno a me pieni di entusiasmo, di desideri e di aspettative, ma io prego il Padre Buono di mettere, per mezzo dello Spirito Santo del mio Figlio, la fede nei vostri cuori purificati. Figli miei, ascoltatemi, incamminatevi con me”.

MESSAGGIO DI MEDJUGORJE DEL 25 GIUGNO 2011
Trentesimo anniversario delle apparizioni.

Cari figli! Ringraziate con me l’Altissimo per la mia presenza con voi. Il mio cuore è gioioso guardando l’amore e la gioia nel vivere i miei messaggi. In molti avete risposto, ma aspetto e cerco tutti i cuori addormentati affinché si sveglino dal sonno dell’incredulità. Avvicinatevi ancora di più, figlioli, al mio Cuore Immacolato perché possa guidarvi tutti verso l’eternità.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio a Mirjana del 2 Giugno 2011

«Cari figli, mentre vi invito alla preghiera per coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio, se guardaste nei vostri cuori capireste che parlo di molti di voi. Con cuore aperto domandatevi sinceramente se desiderate il Dio Vivente o volete metterlo da parte e vivere secondo il vostro volere. Guardatevi intorno, figli miei, e osservate dove va il mondo che pensa di fare tutto senza il Padre e che vaga nella tenebra della prova. Io vi offro la luce della Verità e lo Spirito Santo. Sono con voi secondo il piano di Dio per aiutarvi affinché nei vostri cuori vinca mio Figlio, la Sua Croce e Risurrezione. Come Madre desidero e prego per la vostra unione con mio Figlio e con la sua opera. Io sono qui, decidetevi! Vi ringrazio!».

Messaggio da Medjugorje del 25 maggio 2011

“Cari figli, la mia preghiera oggi è per tutti voi che cercate la grazia della conversione.
Bussate alla porta del mio cuore ma senza speranza e senza preghiera, nel peccato e senza il sacramento della riconciliazione con Dio.
Lasciate il peccato e decidetevi figlioli, per la santità.
Soltanto così posso aiutarvi, esaudire le vostre preghiere e intercedere davanti all’Altissimo.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Ivan 22 Maggio 2011

“Cari figli, oggi più che mai desidero invitarvi alla preghiera. Cari figli, satana desidera distruggere le famiglie di oggi, perciò desidero invitarvi al rinnovamento della preghiera famigliare. Pregate, cari figli, nelle famiglie, con i vostri figli, non permettete l’accesso a satana. Grazie, cari figli, perché anche oggi avete risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana 2 Maggio 2011

“Cari figli, Dio Padre mi manda affinché vi mostri la via della salvezza, perché Egli, figli miei, desidera salvarvi e non condannarvi. Perciò io come Madre vi raduno attorno a me, perché col mio materno amore desidero aiutarvi a liberarvi dalla sporcizia del passato, a ricominciare a vivere e a vivere diversamente. Vi invito a risorgere in mio Figlio. Con la confessione dei peccati rinunciate a tutto ciò che vi ha allontanato da mio Figlio ed ha reso la vostra vita vuota e infruttuosa. Dite col cuore “sì” al Padre ed incamminatevi sulla strada della salvezza su cui Egli vi chiama per mezzo dello Spirito Santo. Vi ringrazio! Io prego particolarmente per i pastori, perché Dio li aiuti ad essere accanto a voi con tutto il cuore”.

COMMENTO PERSONALE (di Pier Angelo Piai)
Quando ci siamo confessati con cuore sincero e con il proposito di ricominciare una vita nuova evitando le occasioni e rinunciando ai peccati, noi iniziamo una nuova vita risorgendo in Gesù Cristo.
È davvero una nuova dimensione interiore, un risorgere da una vita vuota e infruttuosa, quella del peccato. Questa vita terrena ci è data per uno scopo fondamentale: conoscere, amare e servire Dio per poi goderlo nell’altra vita. È importante avere bene in mente questa finalità, altrimenti tutto si disperde ed i giorni passano senza senso. Non è mai troppo tardi. Dio ci dona questo tempo per poter crescere in Lui nella progressiva divinizzazione ed ogni momento della vita terrena è utile. Dio raccoglie ogni più piccola intenzione buona ed attende la nostra disponibilità a corrispondere al suo amore. Anche se dovessimo ricadere nei soliti peccati a causa della nostra fragilità, rialziamoci con fiducia: la Misericordia di Dio non ha limiti. Non è venuto per condannare, ma per salvare. Negli inferi Dio non viene lodato. Fin che siamo in vita in questa dimensione terrena abbiamo sempre la possibilità di contemplarlo e lodarlo per tutto. Non scoraggiamoci. Egli può tutto, anche cambiare i nostri cuori.
Preghiera, penitenza e fiducia in Lui: Egli ci soccorre sempre. La vita innestata in Lui non è più vuota ed infruttuosa perché Egli sa molto bene dove vuole portarci, perché ci sta preparando un posto, lo aveva promesso.
Il suo amore per noi dura per sempre…

Messaggio di Medjugorje 25 Aprile 2011

“Cari figli, come la natura dà i colori più belli dell’anno, così anch’io vi invito a testimoniare con la vostra vita e ad aiutare gli altri ad avvicinarsi al mio Cuore Immacolato perché la fiamma dell’amore verso l’Altissimo germogli nei loro cuori. Io sono con voi e prego incessantemente per voi perché la vostra vita sia il riflesso del paradiso qui sulla terra. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio di Medjugorje 25 Marzo 2011

“Cari figli, oggi in modo particolare desidero invitarvi alla conversione. Da oggi inizi una vita nuova nel vostro cuore. Figli, desidero vedere il vostro “si” e che la vostra vita sia il vivere con gioia la volontà di Dio in ogni momento della vostra vita. Oggi in modo particolare Io vi benedico con la mia benedizione materna di pace, d’amore e d’unione nel mio cuore e nel cuore del mio figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Marzo 2011

“Cari figli, il mio Cuore materno soffre grandemente mentre guardo i miei figli che ostinatamente mettono ciò che è umano davanti a ciò che è Divino, i miei figli che, nonostante tutto ciò che li circonda e nonostante tutti i segni che vengono loro inviati, pensano di poter camminare senza mio Figlio. Non possono! Camminano verso la perdizione eterna. Perciò raduno voi che siete disposti ad aprirmi il vostro cuore, che siete disposti ad essere apostoli del mio amore, perché mi aiutiate, perché vivendo l’amore di Dio siate un esempio per coloro che non lo conoscono. Che il digiuno e la preghiera vi diano forza in questo ed io vi benedico con la benedizione materna nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje 25 Febbraio 2011

“Cari figli, la natura si risveglia e sugli alberi si vedono le prime gemme che porteranno un bellissimo fiore e frutto.
Desidero che anche voi, figlioli, lavoriate sulla vostra conversione e che siate coloro che testimoniano con la propria vita, così che il vostro esempio sia il segno e l’esortazione alla conversione per gli altri.
Io sono con voi e davanti a mio Figlio Gesù intercedo per la vostra conversione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Febbraio 2011

“Cari figli, vi radunate intorno a me, cercate la vostra strada, cercate, cercate la verità, ma dimenticate la cosa più importante: dimenticate di pregare correttamente. Le vostre labbra pronunciano parole senza numero, ma il vostro spirito non prova nulla. Vagando nelle tenebre, immaginate anche Dio stesso secondo il vostro modo di pensare e non quale è veramente nel Suo Amore. Cari figli, la vera preghiera proviene dalla profondità del vostro cuore, dalla vostra sofferenza, dalla vostra gioia, dalla vostra richiesta di perdono dei peccati. Questa è la via per la conoscenza del vero Dio e con ciò stesso anche di se stessi, perché siete creati a Sua immagine. La preghiera vi condurrà al compimento del mio desiderio, della mia missione qui con voi, l’unità nella famiglia di Dio. Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje 25 Gennaio 2011

“Cari figli! Anche oggi sono con voi e vi guardo, vi benedico e non perdo la speranza che questo mondo cambierà in bene e che la pace regnerà nei cuori degli uomini. La gioia regnerà nel mondo perché vi siete aperti alla mia chiamata e all’amore di Dio. Lo Spirito Santo cambia la moltitudine di coloro che hanno detto si. Perciò desidero dirvi: grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana 2 Gennaio 2011

“Cari figli, oggi vi invito alla comunione in Gesù, mio Figlio. Il mio Cuore Materno prega affinché comprendiate che siete la famiglia di Dio. Per mezzo della libertà spirituale della volontà che vi ha donato il Padre Celeste, siete chiamati a conoscere da voi stessi la verità, il bene o il male. Che la preghiera e il digiuno aprano i vostri cuori e vi aiutino nella scoperta del Padre Celeste attraverso mio Figlio. Con la scoperta del Padre, la vostra vita sarà indirizzata al compimento della volontà di Dio ed alla creazione della famiglia di Dio, così come desidera mio Figlio. Io non vi abbandonerò su questo cammino. Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE (di Pier Angelo Piai)
SIAMO LA FAMIGLIA DI DIO
Oggi se ne sentono di tutti i colori ed è difficile distinguere la Verità dalla menzogna.
Alcuni sostengono che veniamo dal caso, altri dagli UFO, altri ancora da Energie Cosmiche non identificateeccetera. Troppa confusione che può solo generare disorientamento in noi ed alla fine rischia di bloccare in noi l’evoluzione spirituale a cui siamo chiamati.
La Madonna lo sa molto bene, per questo appare per esortarci a seguire la strada di suo Figlio richiamandoci la nostra appartenenza alla sua famiglia divina.
Siamo la famiglia di Dio: è vero.
Siamo figli del Padre, fratelli di Gesù Cristo, tempio dello Spirito Santo. Dio ci considera suoi famigliari e desidera che ne prendiamo consapevolezza. Non siamo insignificanti esseri ignoti su un pianeta sperduto vagante negli immensi abissi cosmici. E neppure entità completamente ignare sul motivo per cui esistono e per quale motivo vivono una realtà così assurda. Dio si è rivelato facendosi uno di noi per salvarci, ma anche per dimostrarci che non si è dimenticato della sua creatura, che ci tiene tantissimo ad ognuno di noi e che vuole portarci nella sua vera casa per essere assimilati completamente a Lui, immersi nella sua divinità. Attraverso la sua Incarnazione ha dimostrato concretamente la sua solidarietà nei nostri confronti. Naturalmente, siccome Dio è libertà, desidera che scegliamo noi cosa essere, perché dal nulla che eravamo noi diventeremo partecipi della suo Essere, e questo comporta un’evoluzione sofferta in cui conosciamo luci ed ombre, la solidità dell’essere e la fragilità del nulla. Quando avremo raggiunto la pienezza di figli di Dio capiremo meglio questo sofferto passaggio evolutivo.
Durante la nostra vita terrena Dio sembra quasi assente: questo significa che rispetta la nostra libertà e vuole che siamo noi a scegliere più liberamente possibile tra il bene ed il male. Quando noi aderiamo con ragionevole fede alla Verità della sua Rivelazione, Egli ci dona di continuo le sue luci attraverso il dinamismo trinitario che opera nella nostra anima immortale, fatta ad immagine e somiglianza divina. Si tratta solo di sgomberare la nostra mente dai pregiudizi, dagli attaccamenti terreni e da tutte le altre forme di zavorra che non lo mettono al primo posto nella nostra gerarchia di valori. I santi sono una testimonianza di ciò che Dio può operare in ogni uomo se si lascia da lui plasmare. In essi Dio ha compiuto anche prodigi per venire incontro alla nostra scarsa fede. Ma li sta compiendo anche in noi, e non ce ne accorgiamo. Tutto ciò che ci accade, comprese le difficoltà più dolorose, non sono un caso. E’ Lui che opera in noi come l’oro si forgia nel crogiolo. In questa dimensione terrena ci sta preparando e suo Figlio ci indica continuamente la strada da percorrere che conduce alla Verità ed alla Vita nel Padre. Desidera che lo preghiamo, non perché Lui abbia bisogno delle nostre preghiere, ma perché attraverso di esse noi gli permettiamo in libertà di agire per il nostro bene, a lode della sua gloria.
Abbiamo un’identità, quindi una grande dignità: apparteniamo alla famiglia di Dio e siamo veramente Figli di Dio e coeredi di Gesù Cristo, nostro Salvatore

VIDEO consigliato: IL DIVENIRE E GESU’ CRISTO

Messaggio di Medjugorje 25 dicembre 2010

“Cari figli, oggi io e mio Figlio Gesù desideriamo darvi l’abbondanza della gioia e della pace affinché ciascuno di voi sia gioioso portatore e testimone della pace e della gioia nei luoghi dove vivete. Figlioli siate benedizione e siate pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Video sul Natale del 2010: http://www.youtube.com/watch?v=OFYwHPhTwyM

Messaggio a Mirjana 2 Dicembre 2010

“Cari figli, oggi qui con voi prego affinché troviate la forza di aprire i vostri cuori e di conoscere così l’enorme amore del Dio sofferente. Per questo Suo amore, bontà e mitezza io sono con voi. Vi invito affinché questo tempo particolare di preparazione sia tempo di preghiera, penitenza e conversione. Figli miei, avete bisogno di Dio. Non potete andare avanti senza mio Figlio. Quando comprenderete e accetterete questo, si realizzerà ciò che vi è promesso. Per mezzo dello Spirito Santo nascerà nei vostri cuori il Regno dei Cieli. Io vi conduco a questo. Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE di Pier Angelo Piai (video: ABBIAMO BISOGNO DI DIO)
Abbiamo bisogno di Dio. Spesso ci illudiamo di poterne fare a meno, ma chi potrà darci un reale scopo per vivere? Osserviamo come funziona la nostra mente quando pensiamo all’inutilità della vita. Se cominciamo a convincerci che nulla ha senso e che dopo la morte tutto finisce nel nulla più assoluto, la stessa vita terrena diviene sempre più assurda. Si perde ogni motivazione, si dimentica la nostra anima immortale, si tralascia la preghiera, si trascura il prossimo, mentre l’anima nell’orgoglio si inaridisce gradualmente fino alla morte interiore. Senza la luce divina siamo come degli zombi che camminano in modo impacciato nelle tenebre. La visione prettamente materiale della vita è una grave lacuna esistenziale che toglie la gioia di vivere e porta facilmente alla depressione, perché la vera e più completa natura umana proviene dal sua Creatore che l’ha destinata all’immortalità e, come afferma S.Agostino, il nostro cuore è inquieto finché non riposa in Dio..
Gesù per ogni cristiano autentico è Dio incarnato, uomo e Dio contemporaneamente. La sua umanità è intimamente legata alla sua divinità per trasmettere a tutti noi una gioia immensa: diventare consapevoli che la nostra vita agli occhi di Dio Onnipotente è molto importante, perché siamo destinati alla divinizzazione, a vivere, cioè, la vita eterna di Dio stesso. Dio non ha voluto conservare gelosamente per sè la sua divinità, ma ha mandato sulla terra suo figlio Gesù Cristo per donarci questa consapevolezza e tutti coloro che credono in Lui saranno veramente salvati attraverso la sua infinita Misericordia.
Sappiamo che Gesù è risorto ed è presente in mezzo a noi con lo Spirito Santo che lavora silenziosamente in ognuno di noi per poter realizzare il Regno di Dio. Ma bisogna saperlo accogliere nel silenzio interiore, nella preghiera e nella conversione sincera del nostro cuore e della nostra mente.

Messaggio di Medjugorje 25 Novembre 2010

“Cari figli, vi guardo e vedo nel vostro cuore la morte senza speranza, l’inquietudine e la fame. Non c’è preghiera né fiducia in Dio perciò l’Altissimo mi permette di portarvi speranza e gioia. Apritevi. Aprite i vostri cuori alla misericordia di Dio e Lui vi darà tutto ciò di cui avete bisogno e riempirà i vostri cuori con la pace perché Lui è la pace e la vostra speranza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE (di Pier Angelo Piai) ( Video: VEDO NEL VOSTRO CUORE )
Maria sta apparendo a Medjugorje da quasi trent’anni perché è la nostra vera madre spirituale e vuole condurci tutti alla salvezza eterna. Molti dubitano di queste apparizioni perché abbondano di messaggi. Ma se ci pensiamo bene Maria sta realmente facendo Catechesi e ci sta preparando ad una svolta epocale dell’umanità. L’abbondanza dei messaggi è dovuta alla situazione eccezionale in cui l’umanità si trova, ormai sull’orlo dell’autodistruzione perché Satana vuole distruggere il pianeta in cui viviamo. Maria, invece, vuole salvarla e per questo è stata inviata da Dio stesso.
E’ necessario prenderla sul serio. Del resto lo ha già dimostrato nel passato. Nel 1917 ai veggenti di Fatima aveva confidato che la Russia avrebbe sparso i suoi errori in tutto il mondo ed intere nazioni sarebbero cadute, ma poi il suo Cuore Immacolato avrebbe trionfato. In un messaggio degli anni ottanta ha rivelato che la Russia è il paese dove sarebbe un giorno più onorata. Infatti l’URSS crolla il 25 dicembre del 1991 con le dimissioni di Gorbacëv .
Ora, però, in questo sfrenato capitalismo Maria vede nei nostri cuori la morte senza speranza, l’inquietudine e la fame. Molti non credono più in Dio e irridono la religione e la chiesa cattolica, soprattutto dopo i recenti scandali emersi sui mass-media mondiali. Ma chi rifiuta Dio nel suo cuore non può avere la pace perché ognuno di noi siamo stati creati da Lui per essere destinati a diventare figli adottivi in Cristo, simili a Dio. La Madonna ci esorta ad aprire i nostri cuori e ad accogliere il Signore confidando nella sua Misericordia senza limiti, pronta a perdonare anche i peccati più gravi se siamo pentiti.
I Vangeli riportano ciò che Gesù Cristo affermava : “ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione.”
Il Padre, quindi, ci aspetta pazientemente perché non vuole che nessuno di noi sia perduto. Ma rispetta la nostra libertà: è Lui la vera pace e la nostra speranza!

Messaggio di Medjugorje 25 Ottobre 2010

“Cari figli, questo tempo sia per voi il tempo della preghiera. Il mio invito desidera essere per voi, figlioli, un invito a decidersi a seguire il cammino della conversione, per questo pregate e chiedete l’intercessione di tutti i santi. Essi siano per voi esempio, sprone e gioia verso la vita eterna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Ottobre 2010

“Cari figli, oggi vi invito, ad una umile, figli miei, umile devozione. I vostri cuori devono essere giusti. Che le vostre croci siano per voi un mezzo nella lotta contro il peccato odierno. Che la vostra arma sia, sia la pazienza che un amore sconfinato. Un amore che sa aspettare e che vi renderà capaci di riconoscere i segni di Dio, affinché la vostra vita con amore umile mostri la verità a tutti coloro che la cercano nella tenebra della menzogna. Figli miei, apostoli miei, aiutatemi ad aprire le strade a mio Figlio. Ancora una volta vi invito alla preghiera per i vostri pastori. Con loro trionferò.
Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE

PERCHE’ CREDO IN GESU’ CRISTO
Gesù: per mezzo suo siamo stati creati e redenti, mentre tutta la Creazione soffre nelle doglie del parto aspettando a Redenzione.
Solo in Lui la nostra vita ha un fine e si realizza: al di fuori c’è disorientamento. Tutto deve essere fatto in Lui ed in vista di Lui. Se noi corrispondiamo al suo amore troveremo piena soddisfazione e tutto si riveste della sua luce (Egli è la luce del mondo).
Io non so spiegare il mistero del dolore: so che Gesù Cristo, il Figlio di Dio, si è caricato di un immenso dolore per toglierci il peccato. La giustizia di Dio si è alleata con la sua Misericordia in Gesù Cristo, vero mediatore tra Dio e l’uomo.
Io so che quando lo imploro Egli in qualche modo mi risponde e mi aiuta, pur non essendo meritevole di nulla, anzi dovrei essere respinto per i miei numerosi peccati. Invece è pronto a perdonarmi ogni volta che desidero convertirmi.
Io so che nessun libro è come il Vangelo, il quale descrive la vita, le parole e le opere di un uomo così saggio, umile e potente quale Gesù Cristo.
Nessun genio avrebbe potuto scrivere i Vangeli, completamento di tutta la Sacra Scrittura. Essi non possono essere una semplice invenzione umana per svariati motivi tra i quali la semplicità della forma e la profondità dei contenuti.
Io so che Gesù non è solo il risultato di un procedimento letterario di mitizzazione di un uomo o di umanizzazione di un mito. E’ davvero esistito così come viene descritto per infiniti e ragionevoli motivi.
Io so che quando leggo la vita dei santi prendo coscienza della continua presenza in loro di Gesù Cristo che attraverso il suo Spirito operano per il bene del prossimo.
Io so che molti mistici descrivono la loro diretta esperienza con Gesù Cristo risorto e vivo in mezzo a noi.
Io so che Maria, sua madre, appare spesso a noi appartenenti a questa dimensione terrena perché ha pietà e tenerezza amorevole per noi suoi figli e desidera che crediamo a suo Figlio, vero Dio e vero uomo, Via, Verità e Vita…
Io so che quando frequento i sacramenti, il mio animo è sollevato ed il mio sguardo è diverso. La grazia lavora sempre perché Gesù è davvero presente in ogni uomo che lo accoglie con umiltà.
Chi mi potrà privare di un amico così fedele, umile e potente?
Corrispondere al suo amore con fede nonostante questa enorme fragilità in cui siamo quotidianamente immersi lo glorifica enormemente…e solo nell’altra dimensione capiremo meglio il linguaggio dell’amore che per ora è annebbiato dalla nostra cecità.

MESSAGGIO DEL 25 SETTEMBRE 2010

“Cari figli, oggi sono con voi e vi benedico tutti con la mia benedizione materna di pace e vi esorto a vivere ancora di più la vostra vita di fede perché siete ancora deboli e non siete umili. Vi esorto figlioli, a parlare di meno e a lavorare di più sulla vostra conversione personale affinché il vostro testimoniare sia fruttuoso. E la vostra vita sia una preghiera incessante. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Settembre 2010

“Cari figli, sono accanto a voi perché desidero aiutarvi a superare le prove che questo tempo di purificazione mette davanti a voi. Figli miei, una di esse è il non perdonare e il non chiedere perdono. Ogni peccato offende l’amore e vi allontana da esso – l’amore è mio Figlio! Perciò, figli miei, se desiderate camminare con me verso la pace dell’amore di Dio, dovete imparare a perdonare ed a chiedere perdono. Vi ringrazio”.

Messaggio a Ivan del 27 Agosto 2010

“Cari figli, anche oggi di nuovo vi invito in questo tempo di grazia: pregate in particolare nelle vostre famiglie, pregate con i vostri figli. Cari figli, riposatevi, riposatevi in mio Figlio. Perciò decidetevi per mio Figlio, andate con Lui, cari figli. Allora riceverete la pace, la gioia. L’amore verrà nei vostri cuori. Cari figli, la Madre prega con voi, la Madre intercede presso Suo Figlio per tutti voi. Desidero dirvi anche oggi che vi amo. Seguitemi! Vi ringrazio, cari figli”.

Messaggio di Medjugorje 25 Agosto 2010

“Cari figli, con grande gioia anche oggi desidero nuovamente invitarvi: pregate, pregate, pregate. Questo tempo sia per voi tempo per la preghiera personale.
Durante la giornata trovate un luogo dove, nel raccoglimento, possiate pregare con gioia. Io vi amo e vi benedico tutti.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE

PREGARE NEL RACCOGLIMENTO
Ogni giorno si dovrebbe avere un tempo per la preghiera personale. In essa ci si ritira dallo strepito del mondo e ci si pone davanti al Creatore e Signore della nostra vita.
Egli ha diritto ad avere uno spazio nella nostra mente, nella nostra anima e nel nostro cuore. Ci tiene moltissimo e quando glielo concediamo esulta di gioia.
Ma quale atteggiamento dovremmo avere in quei momenti? Sappiamo che spesso è difficile riservare la mente solo per il Signore che non vediamo od ascoltiamo con i sensi terreni. Mille distrazioni potrebbero affollare la nostra mente in qualsiasi momento a Lui destinato.
Noi non dovremmo preoccuparci ed affliggerci troppo per questo, perché spesso Dio si accontenta anche della nostra buona intenzione, però dovremmo lo stesso esercitarci a non distrarci.
Innanzittutto dovremmo cercare di conoscerci meglio. Più impariamo a conoscerci più abbiamo la capacità di saper individuare i motivi che ci distolgono dalla preghiera.
Una volta individuati il passo successivo è quello di relativizzarli.
Quando però cominciamo a intuire che Dio dovrebbe sempre stare al primo posto in tutti in nostri pensieri ed azioni, allora ci è più facile riposare in Lui.
Lo sforzo che facciamo per cercare di concentrarci nella preghiera è dovuto al fatto che ancora non sappiamo abbandonarci amorevolmente in Lui. L’ideale è quello di avvertire la futilità di tutto ciò che non sappiamo rapportare a Lui: in genere sono preoccupazioni, ansie, desideri materiali, ambizioni, confronti con gli altri, progetti superficiali, pensieri vari.
In questo caso ci viene in aiuto lo Spirito Santo che bisognerebbe invocare ogni volta che ci apprestiamo a raccoglierci in disparte per la preghiera.
Egli ci dona, se crediamo, il clima più adatto. La preghiera, poi, dovrebbe iniziare sempre con la richiesta di perdono per le nostre fragilità e con la riconoscenza per tutto ciò che abbiamo. Se impariamo a ringraziare sempre il nostro Creatore e Signore, lo Spirito Santo gioisce in noi, come ha fatto con Maria che ci ha indicato nel Magnificat un atteggiamento orante perfetto.
Anche se dovessimo sentirci spiritualmente e moralmente molto instabili, non dovremmo scoraggiarci. Lo Spirito ci dona sempre momenti nuovi, non tenendo conto di quello che siamo. A Lui interessa il nostro cuore.
Gradualmente ci darà i mezzi per superare le prove della vita.
Se siamo determinati ad intraprendere la preghiera nel raccoglimento sempre più frequentemente, scaturirà dal nostro animo la vera gioia, la quale anticipa quella che caratterizzerà la nuova dimensione esistenziale di risorti in Cristo alla quale siamo tutti chiamati.
Pier Angelo Piai

Messaggio di Medjugorje 25 Luglio 2010

“Cari figli, vi invito di nuovo a seguirmi con gioia. Desidero guidarvi tutti a mio Figlio e vostro Salvatore. Non siete coscienti che senza di Lui non avete gioia e pace e neanche futuro e vita eterna.
Perciò figlioli, approfittate di questo tempo di preghiera gioiosa e abbandono. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

VIDEO RELATIVO AL MESSAGGIO:
ESSERE COSCIENTI CON GESU’ http://www.friulicrea.it/itriflessioni/story$num=1064&sec=24

Messaggio a Mirjana 2 Agosto 2010

“Cari figli, oggi vi invito a cominciare insieme a me nei vostri cuori a costruire il Regno dei Cieli, a dimenticare ciò che è personale e, guidati dall’esempio di mio Figlio, a pensare a ciò che è di Dio. Che cosa Lui desidera da voi? Non permettete a satana di aprirvi le strade della felicità terrena, strade in cui non c’è mio Figlio. Figli miei, sono false e durano poco. Mio Figlio esiste. Io vi offro la felicità eterna e la pace, l’unità con mio Figlio, con Dio, vi offro il Regno di Dio. Vi ringrazio.”

Messaggio a Mirjana 2 Luglio 2010

“Cari figli, la mia chiamata materna che oggi vi rivolgo è una chiamata di verità e di vita. Mio Figlio, che è la vita, vi ama e vi conosce nella verità. Per conoscere e amare voi stessi dovete conoscere mio Figlio, mentre per conoscere ed amare gli altri dovete vedere in essi mio Figlio. Perciò, figli miei, pregate, pregate per comprendere e abbandonarvi con spirito libero, per trasformarvi completamente ed avere in questo modo il Regno dei Cieli nel vostro cuore sulla terra. Vi ringrazio”.

Messaggio di Medjugorje 25 Giugno 2010

“Cari figli, con gioia vi invito tutti a vivere i miei messaggi con gioia, soltanto così figlioli, potrete essere più vicini al mio Figlio. Io desidero guidarvi tutti soltanto a Lui e in Lui troverete la vera pace e la vera gioia del vostro cuore. Vi benedico tutti e vi amo con amore immenso. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Ivan 18 Giugno 2010

“Cari figli, anche oggi desidero invitarvi: in questo tempo di grazia pregate. Rinnovate i miei messaggi, cari figli. Vivete i miei messaggi. Cari figli, questo tempo è un tempo di responsabilità, vivete i miei messaggi con responsabilità. Cari figli, cerco le vostre opere e non le parole. La Madre prega per voi e intercede davanti a Suo Figlio per tutti voi. Grazie, cari figli, perché anche oggi mi avete accolto, per aver accettato i miei messaggi e perché vivete i miei messaggi”


Messaggio a Mirjana 2 Giugno 2010

“Cari figli, oggi vi invito affinchè con il digiuno e la preghiera tracciate la strada per la quale mio Figlio entrerà nei vostri cuori. Accoglietemi come madre e messaggera dell’amore di Dio e del Suo desiderio per la vostra salvezza. Liberatevi da tutto quello che del passato vi appesantisce e dà senso di colpa, da tutto ciò che vi ha condotto nell’inganno e tenebra. Accogliete la luce. Rinascete nella giustizia di mio Figlio. Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE
I NOSTRI SENSI DI COLPA SVANISCONO NEL SUO AMORE
Noi dobbiamo amare il prossimo come noi stessi, secondo il Comandamento.
Amare se stessi significa accettarci in profondità, così come siamo, anche con le nostre ombre. Indubbiamente, chi più e chi meno, ha dei sensi di colpa che lo perseguitano. Noi possiamo incanalare questi nel verso positivo, se lo vogliamo. Alla luce della fede, noi dobbiamo innanzitutto credere fermamente che tutte le colpe del passato ci sono state rimesse grazie all’infinita Misericordia del Padre, per intercessione di suo Figlio Gesù Cristo che ha patito ed è morto per noi, proprio per cancellare i nostri peccati. Ogni volta che siamo sinceramente pentiti e desideriamo cambiare vita riceviamo il perdono: questa è la fede che dobbiamo conservare e coltivare.
Del resto Dio ci tiene tantissimo ad ogni creatura. Egli non vuole che nessuno perisca. Nessuno lo loda all’inferno, “Il vivente ti rende grazie” – Egli desidera dei “viventi” e non dei morti: solo in Lui abbiamo la vita eterna, in Lui possiamo tutto, da soli ci perdiamo nella nostra immensa fragilità. Non dobbiamo avere paura delle nostre ombre o delle colpe passate. Cosa se ne fa Dio delle nostre colpe? Egli desidera un cuore contrito e che sappia amare. Che veramente sappia amare senza condizioni, anche se si sentisse il peggiore dell’Universo. Ci ama così come siamo: se Lui vuole potrebbe donare l’esistenza ad infinite creature più pure di noi. Ma si compiace della nostra miseria ed ascolta qualsiasi palpito d’amore. Chi crede in questo è più libero di corrispondere al suo amore.
Satana gioca sulle nostre paure e sulla scarsa fiducia che abbiamo nella Misericordia di Dio. Spesso fa riemergere alla memoria fatti e situazioni peccaminose del nostro passato per scoraggiarci.
Ricordiamo sempre che il Padre dimentica tutto il nostro passato peccaminoso per un solo atto di contrizione e d’amore nei suoi confronti e nei confronti del prossimo, se fatto in Lui.
Egli aspetta che accogliamo a luce, ma dobbiamo liberarci dalle tenebre del passato per predisporci con più purezza interiore ad una maggiore autoconsapevolezza. Così conosceremo più in profondità la nostra miseria ma anche la sua infinita Misericordia e potremo accogliere con gioia i suoi immensi doni d’amore. (Pier Angelo Piai)

Messaggio del 25 maggio 2010

“Cari figli, Dio vi ha dato la grazia di vivere e proteggere tutto il bene che è in voi ed attorno a voi e di esortare gli altri ad essere migliori e più santi, ma satana non dorme e attraverso il modernismo vi devia e vi guida sulla sua via. Perciò figlioli, nell’amore verso il mio cuore Immacolato amate Dio sopra ogni cosa e vivete i suoi comandamenti. Cosi la vostra vita avrà senso e la pace regnerà sulla terra. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Maggio 2010

“Cari figli, oggi il Padre buono attraverso di me vi invita affinché con l’anima colma d’amore vi incamminiate nel cammino spirituale.
Cari figli, riempitevi di grazia, pentitevi sinceramente per i peccati e bramate il bene. Bramate anche a nome di coloro che non hanno conosciuto la perfezione del bene. Sarete più cari a Dio. Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE
Avere l’anima colma d’amore è davvero una situazione privilegiata. La nostra mente è spesso assediata da molte preoccupazioni, paure, ingordigie, desideri di ogni tipo che ostacolano l’evoluzione interiore. Noi siamo destinati a diventare figli di Dio, il quale, secondo la Sacra Scrittura, è Amore.
Anche noi dobbiamo essere Amore se desideriamo la somiglianza divina.
L’amore per Dio comincia a scattare quando consideriamo il suo Amore per noi, e ci convinciamo che Egli è il Padre buono. Spesso non ce ne accorgiamo perché ci fissiamo su ciò che secondo noi ci manca e sulle sofferenze che subiamo.
Non ci soffermiamo a riflettere sufficientemente sulla nostra esistenza da Lui voluta: ci ha tratti dal nulla, esistiamo, viviamo e respiriamo in Lui che ci sorregge in ogni momento della vita. Se solo togliesse un dito da noi, precipiteremmo nel baratro. Ma Dio ci ama infinitamente e per ognuno di noi ha un piano d’amore ben preciso che stentiamo per ora a capire.
Spesso ciò che ci blocca è la sofferenza: ma se sappiamo vederla con occhi nuovi intuiremmo vagamente la sua prolificità. Ogni vignaiolo deve potare le proprie viti se desidera frutti migliori. Nel dolore di qualsiasi tipo offerto a Dio, noi partecipiamo alle sofferenze di Gesù Cristo e ci uniamo più strettamente al Padre.
L’amore per Dio ed il prossimo ci fa superare molte difficoltà, ci dona serenità interiore e se avvertiamo ombre interiori il Padre misericordioso è pronto a perdonarci se vede in noi un pentimento sincero e il desiderio di camminare lungo la via da Lui tracciata.
L’amore è contagioso: se si ama si induce altri ad amare, anche se non sappiamo fin dove arriva la rete dell’amore. Gesù l’aveva prefigurata nella rete della pesca miracolosa, per dirci che l’amore fa davvero miracoli.
Chi ama anticipa già il Paradiso su questa terra…
(Pier Angelo Piai)

Messaggio del 25 aprile 2010

“Cari figli, in questo tempo quando in modo particolare pregate e chiedete la mia intercessione, vi invito figlioli, pregate perché attraverso le vostre preghiere possa aiutare quanti più cuori possibili ad aprirsi ai miei messaggi. Pregate per le mie intenzioni. Io sono con voi e intercedo presso mio Figlio per ciascuno di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Aprile 2010

“Cari figli, oggi vi benedico in modo particolare e prego perché torniate sulla strada giusta a mio Figlio, al vostro Salvatore, al vostro Redentore, a Colui che vi ha dato la vita eterna.
Pensate a tutto ciò che è umano, a tutto ciò che non vi permette di seguire mio Figlio, alla transitorietà, all’imperfezione e alla limitatezza e poi pensate a mio Figlio, alla sua immensità divina.
Con l’abbandono e la preghiera nobilitate il vostro corpo e perfezionate l’anima. Siate pronti, figli miei. Vi ringrazio!”

COMMENTO PERSONALE
Dio conosce molto bene la nostra fragilità. Per questo Egli ci dona la possibilità in ogni momento di diventare nuove creature nel suo Figlio Gesù attraverso il pentimento ed i sacramenti della Chiesa da Lui fondata.
Eppure La gloria di Dio è l’uomo vivente. Solo questo frammento di salmo dovrebbe farci intuire il motivo fondamentale per cui esistiamo. La conversione avviene in noi quando cominciamo ad abbandonarci nella preghiera. Allora scopriremo il Dio-Amore
Dio è sempre presente in noi e fuori di noi. Egli è l’Onnipotente e il Misericordioso. Permette la nostra fragilità per motivi misteriosi. Egli è Tutto, noi nulla.
Come mai il “Tutto” è così attratto dal “nulla” che siamo noi?
La logica umana non potrà mai scandagliare questo mistero. Siccome l’anima è scintilla divina, in questa terra potrebbe solo intuire lontanamente alcune motivazioni impastate di logica umana.
Ma si fosse più attenti alle parole e alle azioni di Gesù Cristo, una luce potrebbe illuminare le tenebre dei nostri meandri mentali. Dio è eterno, l’uomo è stato invece creato da Lui immortale, a sua immagine e somiglianza.
L’evoluzione a cui ogni uomo è sottoposto rivela una delle intenzioni divine: tutti noi siamo chiamati a collaborare per raggiungere la nostra pienezza esercitando il libero arbitrio. “Voi siete dei!” L’esortazione: “Siate perfetti come perfetto è il Padre mio” è un caldo invito a risalire la china che dall’animalità porta alle altezze dello Spirito.
La croce è il simbolo della fatica che ognuno di noi deve affrontare per vincere la tendenza al nulla insita nella nostra natura animale.
E’ un po’ come se ad ogni uomo, attraverso la Rivelazione, venisse dato questo messaggio vitale:
1) Vieni dal nulla. Prima del tuo concepimento non c’eri, non avresti mai potuto darti da solo l’esistenza.
2) Ora esisti, ma in modo imperfetto, portando in te la tendenza al nulla.
3) Sei stato creato a immagine e somiglianza di Dio. C’è in te anche l’attrazione verso Colui che ti ha donato l’essere perché il tuo essere proviene da Lui.
4) Dal nulla alla pienezza dell’essere è un cammino difficile e faticoso. In ogni istante ti viene data la possibilità di scegliere tra il nulla e l’essere, tra la morte e la vita.
5) Quando avrai raggiunta la “pienezza” (se vorrai) a cui sei destinato sin dal concepimento (in Dio dall’eternità) prenderai maggior coscienza della incredibile opportunità che Dio ti ha donato per amore: la possibilità di collaborare al suo piano nel “ricreare” continuamente te stesso istante dopo istante con infiniti atti di buona volontà (dall’accettazione dei propri limiti, al superamento delle prove della vita, all’amore per Dio e per il prossimo)
6) Godrai totalmente del tuo stato di figliolanza divina con Dio Padre quando avrai raggiunto la tua pienezza in Gesù Cristo, attraverso l’azione dello Spirito Santo.
Non è una cosa da poco: Il nostro destino è la partecipazione piena al circolo d’amore trinitario.
Da ciò puoi dedurre che Dio, Eterno Amore, ha voluto crearti per la sua gloria che ti ha manifestato sin dal concepimento, come dice il salmista: La gloria di Dio è l’uomo vivente
(Pier Angelo Piai)

25 Marzo 2010

“Cari figli, anche oggi desidero invitarvi tutti ad essere forti nella preghiera e nei momenti in cui le prove vi assalgono. Vivete nella gioia e nell’umiltà la vostra vocazione cristiana e testimoniate a tutti. Io sono con voi e vi porto tutti davanti al mio figlio Gesù e Lui sarà per voi forza e sostegno. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Marzo 2010

“Cari figli, in questo tempo particolare del vostro tentativo di essere più vicino possibile a mio Figlio, alla Sua sofferenza, ma anche all’amore con cui l’ha portata, desidero dirvi che sono con voi. Vi aiuterò a vincere gli abbagli e le prove con la mia grazia. Vi insegnerò l’amore, l’amore che cancella tutti i peccati e vi rende perfetti. L’amore che vi dà la pace di mio Figlio ora e per sempre.
La pace sia con voi e in voi, perché io sono la Regina della Pace.
Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE
Ci sono davvero tanti abbagli, bisogna stare attenti. Solo lo Spirito può donarci il discernimento.
L’amore, comunque, cancella i peccati. Come mai?
Gesù l’aveva detto: le sono perdonati i suoi peccati perché ha molto amato.
I nostri ragionamenti non sono come quelli del Signore. Egli è l’amore. Comprende le nostre debolezze e se siamo pentiti perdona sempre e completamente. A Lui interessa che crediamo e corrispondiamo al suo amore.
Tutto è suo, i cieli e la terra e quanto contiene sono suoi. Ciò che non possiede è la nostra libertà a cui ci tiene moltissimo perché è essa che ci consente di diventare simili a Lui. Ha deciso Lui così e noi lo possiamo glorificare con liberi atti d’amore nei suoi confronti. Più questi atti sono disinteressati e più valgono ai suoi occhi. Infatti Egli ha creato l’Universo in modo completamente disinteressato: avrebbe potuto benissimo fare a meno di noi perché il Circolo Trinitario è già perfetto e colmo d’amore, proprio perché Dio è Amore e tutto pervade essendo Onnipresente*. Se non corrispondiamo a questo amore ci auto-limitiamo, perché usciamo dal suo progetto di libertà. E’ l’amore che ci rende liberi.
Dio ci ha creati per la felicità, che però va conquistata. Si è felici quando si ama liberamente perché partecipiamo della dimensione divina, in quanto veniamo da Dio e ritorneremo a Dio se lo desideriamo.
Dio si è incarnato in Gesù Cristo per darci la possibilità di partecipare alla sua divinità: chi aderisce all’amore seguendo le orme di suo Figlio non sarà deluso perché è in Gesù che trova il perdono dei peccati ed il riscatto della propria esistenza donata al Padre come sacrificio d’amore.
Gesù cerca veri adoratori del Padre e trova il suo riposo nelle anime che con fede cercano Dio in tutti gli eventi e con tutte le proprie forze. Gesù nasce nel grembo di Maria per dimostrarci che può nascere davvero nelle persone pure di cuore che ascoltano ed adorano Colui che ha creato i cieli e la terra.
Noi tutti dovremmo essere delle lodi viventi e, imitando Maria, le nostre anime dovrebbero magnificare sempre il Signore per tutto ciò che ha operato in noi, iniziando dalla sua infinita Misericordia.
La luce dell’Amore di Dio fa svanire le ombre della nostra anima e ci fa intuire la sua onnipotenza attraverso il Creato e l’opera di salvezza mediante il mistero della Redenzione. Non c’è altro scopo nella vita di ognuno di noi: conoscere, servire ed amare Dio per poi goderlo nell’altra vita.
Solo così potremo trovare la pace dei nostri cuori.
Pier Angelo Piai

Messaggio di Medjugorje 25 Febbraio 2010

“Cari figli, in questo tempo di grazia quando anche la natura si prepara ad offrire i colori più belli nell’anno, io vi invito, figlioli, aprite i vostri cuori a Dio Creatore perché Lui vi trasfiguri e vi modelli a propria immagine affinché tutto il bene, addormentatosi nel vostro cuore, possa risvegliarsi alla vita nuova e come anelito verso l’eternità. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 Febbraio 2010

“Cari figli, con amore materno oggi vi invito ad essere un faro per tutte le anime che vagano nella tenebra della non conoscenza dell’amore di Dio. Per poter illuminare più fortemente possibile ed attirare quante più anime possibili, non permettete che le falsità che escono dalle vostre bocche facciano tacere la vostra coscienza. Siate perfetti! Io vi guido con mano materna, con mano d’amore. Vi ringrazio”.

Noi non conosciamo davvero l’amore di Dio. O abbiamo paura o non crediamo alla sua infinita bontà e misericordia. Moltissimi negano persino la sua esistenza.
Diciamo troppe falsità, anche coloro che credono. Noi abbiamo tutti una missione importante: aiutare noi stessi ed anche gli altri a conoscere l’amore di Dio.
E’ davvero una grande responsabilità. Maria ci guida con mano materna perché conosce bene le nostre fragilità nelle quali spesso sprofondiamo. Ma la pensiamo poche volte. Ricorriamo a Lei solo quando abbiamo bisogno.
Come possiamo essere un faro per tutte le anime che vagano nella tenebra della non conoscenza dell’amore di Dio?
Cosa significa conoscere l’amore di Dio? E’ una domanda particolare che richiede una risposta impegnativa. Innanzittutto richiede un granello di fede. Quando osserviamo la complessità e l’armonia del Creato non possiamo fare a meno di riferire tutto al suo Creatore che l’ha voluta per motivi che Lui solo conosce e che rivela a tratti anche all’uomo che non si rifiuta di credere.
Nonostante tutta la Creazione geme e soffre le doglie del parto e noi siamo immersi in un mare di fragilità e debolezze, la fede richiede di riconoscere che tutto è finalizzato al nostro bene e che per ora non capiamo perché vediamo tutto in modo confuso, non avendo ancora imparato bene l’alfabeto per poter leggere le cose dello Spirito.
La fede ci aiuta a comprendere che quando noi ci pentiamo dei nostri peccati, Dio li rimette e ci tratta come se non avessimo mai peccato: questa è la sua infinita Misericordia che noi non riusciamo a concepire con occhi carnali. Uno dei motivi principali per cui adoreremo Dio nell’aldilà è soprattutto per la sua divina Misericordia, perché è essa che fa esistere tutto e ci mantiene in vita. La sua Misericordia supera le stesse meraviglie della Creazione, perché ha generato il mistero dell’Incarnazione, per cui Dio stesso si incarna in Cristo nella storia dell’uomo assumendosi le sue fragilità e scontando tutte le nostre colpe attraverso il sacrificio della Croce.
Un amore così grande per noi rimane inconcepibile, eppure è verità di fede!

Messaggio di Medjugorje 25 Gennaio 2010

“Cari figli, questo tempo sia per voi il tempo della preghiera personale affinché nei vostri cuori cresca il seme della fede e che cresca nella gioiosa testimonianza agli altri. Io sono con voi e vi voglio esortare tutti: crescete e rallegratevi nel Signore che vi ha creati. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana del 2 Gennaio 2010

“Cari figli, oggi vi invito a venire con me con totale fiducia, perché io desidero farvi conoscere mio Figlio. Non abbiate paura, figli miei. Io sono con voi, sono accanto a voi. Vi mostro la strada come perdonare voi stessi, perdonare gli altri e, con pentimento sincero nel cuore, inginocchiarvi davanti al Padre. Fate sì che muoia in voi tutto ciò che vi impedisce di amare e salvare, di essere con Lui e in Lui. Decidetevi per un nuovo inizio, l’inizio dell’amore sincero di Dio stesso. Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE
L’amore per se stessi, per gli altri e Dio è concatenato, nel senso che uno non può sussistere senza l’altro.
Innanzitutto consideriamo l’amore per se stessi, prima ancora di quello per gli altri.
Esso richiede alcune prerogative fondamentali tra le quali il perdono di se stessi.
Riusciamo sinceramente a perdonarci? Ciò è molto difficile perché spesso ci trasciniamo vecchi e nuovi sensi di colpa e abbiamo scarsa autostima.
E questo fatto ha degli indicatori. Quando, ad esempio, siamo critici o aggressivi nei confronti del prossimo, proiettiamo in esso i nostri fallimenti e le nostre paure.
Chi non accetta gli altri spesso non accetta se stesso, non si ama in profondità.
Come agire quando ne abbiamo consapevolezza?
Maria ci suggerisce una strada sicura: inginocchiarci davanti al Padre, nostro Creatore, riconoscere umilmente quello che siamo e prendere coscienza che Egli ci guarda con occhi diversi. Egli sa bene come siamo plasmati perché è Lui che ci ha voluti dall’Eternità e da sempre conosce le dinamiche della nostra mente e della nostra volontà. Dio conosce perfettamente ogni atomo del nostro corpo ed ogni più recondito pensiero, per cui anche la nostra anima è perfettamente chiara e trasparente al suo sguardo.
Siccome Egli è la Bontà Assoluta e ha voluto riscattarci a caro prezzo incarnandosi nel suo Figlio, il quale ha patito ed è morto per tutti coloro che credono in Lui, Egli comprende perfettamente le nostre debolezze e ci guarda con tenerezza paterna risollevandoci dalle cadute. Dobbiamo sempre pensare che Dio non gode della morte del peccatore, ma vuole che si converta e viva.
Allora, nel sincero pentimento, potremo conformare il nostro sguardo al suo.
Siccome ci ama di un amore assoluto, nonostante siamo fragili peccatori, pronti all’infedeltà, anche noi dovremmo amare noi stessi per cercare di migliorare il nostro essere. Chi ama veramente se stesso in modo corretto, ama anche il prossimo, è pronto a perdonare senza giudicare. In Dio il nostro sguardo si purifica ed è orientato alle cose positive della vita. Bisogna imparare umilmente ad apprezzare anche i nostri più piccoli progressi spirituali, consapevoli che essi vengono dallo Spirito quando noi ci abbandoniamo alla sua azione salvifica. Ecco che il circolo si orienta verso l’integrazione: noi, il prossimo e Dio Trinitario, esultando nella grande Misericordia divina che siamo destinati a contemplare per tutta l’Eternità.
Pier Angelo Piai

MESSAGGIO DELLA MADONNA DEL 25 DICEMBRE 2009

“Cari figli, in questo giorno di gioia vi porto tutti davanti a mio Figlio Re della pace affinché vi dia la sua pace e benedizione. Figlioli, condividete questa pace e benedizione con gli altri nell’amore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Dicembre 2009

“Cari figli, in questo tempo di preparazione e di gioiosa attesa, Io come Madre desidero indicarvi ciò che è più importante: la vostra anima. Può nascere in essa mio Figlio? E’ purificata con l’amore dalla menzogna, dalla superbia, dall’odio e dalla malvagità?
La vostra anima ama al di sopra di tutto Dio come Padre e il fratello in Cristo? Io vi indico la strada che innalzerà la vostra anima all’unione completa con mio Figlio. Desidero che mio Figlio nasca in voi.
Che gioia per me, la Madre. Vi ringrazio!”

Messaggio di Medjugorje 25 Novembre 2009

“Cari figli, in questo tempo di grazia vi invito tutti a rinnovare la preghiera nelle vostre famiglie. Preparatevi con gioia alla venuta di Gesù.
Figlioli, siano i vostri cuori puri e accoglienti affinché l’amore e il calore comincino a scorrere attraverso di voi in ogni cuore che è lontano dal Suo amore. Figlioli, siate le mie mani tese, mani d’amore per tutti coloro che si sono persi, che non hanno più fede e speranza.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE
Oggi si parla di “analfabetismo emotivo”, nel senso che moltissimi (soprattutto tra i giovani) non sanno più decifrare le proprie emozioni ed i propri sentimenti.
Le emozioni vengono scambiate per sentimenti..si crede di amare solo perché si prova qualche emozione, ma questo è un abbaglio.
Si pensa, ad esempio, che l’attrazione affettiva sia vero amore, ma non si riflette che essa è solo un primo stadio che offre delle opportunità per far evolvere l’amore, il quale trascende le semplici emozioni.
Fermarsi ai primi stadi dell’amore significa cristallizzarsi in essi, i quali costituiscono paradossalmente una forma di aborto emotivo, perché il vero amore è dinamico e non si sofferma sul soggetto, ma si trasmette all’esterno rendendoci partecipi di quell’intimità che ci rende più umani.
Su questo punto manca una vera riflessione nelle famiglie e nelle scuole e i mass-media hanno contribuito moltissimo a svuotare di significato la propria esistenza, inoculando paure, false mitologie, desideri legati al materialismo…
Si è notato che molti giovani preferiscono la notte al giorno. La ragione è individuabile nella scarsa volontà di affrontare la vita reale di ogni giorno, la quale comporta impegno ed autoconoscenza.
L’uso della droga e dell’alcool che sta dilagando è significativo del disagio massificato che sottrae dai reali impegni quotidiani.
E’ quindi giusto esortare i giovani a conoscersi per esplorare il loro mondo interiore, ma non basta.
Quando si individuano le proprie potenzialità si prova il brivido di possederle, ma poi è necessario procedere e metterle a disposizione degli altri in modo disinteressato.
Un sorriso spontaneo, una stretta di mano calorosa, un momento di silenzioso ascolto, valgono più di mille libri di profonda filosofia… L’amore autentico, davanti a Dio, supera ogni forma di genialità.
Amare significa aprirsi alla vita, agli altri, a Dio senza aspettare il tornaconto. L’amore, quello puro, è già estremamante gratificante. Al termine di questa vita terrena noi ci porteremo dietro l’amore che abbiamo iniziato a costruire già qui,
PIER ANGELO PIAI

Messaggio di Medjugorje 25 Ottobre 2009

“Cari figli, anche oggi vi porto la mia benedizione e vi benedico tutti e vi invito a crescere su questa strada che Dio ha incominciato attraverso di Me per la vostra salvezza. Pregate, digiunate e testimoniate con gioia la vostra fede, figlioli, e il vostro cuore sia sempre riempito di preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio a Mirjana 2 Novembre 2009

“Cari figli! Anche oggi sono in mezzo a voi per mostrarvi la strada che vi aiuterà a conoscere l’amore di Dio, l’amore di Dio che ha permesso che Lo chiamiate e lo sentiate Padre.
Chiedo a voi di guardare sinceramente nei vostri cuori e vedere quanto voi Lo amate.
Lui è l’ultimo ad essere amato?
Circondati dai beni, quante volte Lo avete tradito, rinnegato, dimenticato.
Figli miei, non ingannatevi con i beni terreni.
Pensate all’anima, perché essa è più importante del corpo, purificatela. Invocate il Padre, Lui vi aspetta, tornate a Lui.
Io sono con voi perché Lui nella sua grazia mi manda.
Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE
La Madonna chiede di guardare sinceramente nei nostri cuori e vedere quanto noi amiamo Dio.
Molto probabilmente rimarremmo delusi nel constatare che non è al primo posto nei nostri interessi quotidiani.
Preoccupazioni, affanni, piaceri effimeri, distrazioni ed indifferenza lo hanno relegato agli ultimi posti, a meno che non si tratti di chiedergli aiuto quando le cose ci vanno male. Allora lo supplichiamo nella preghiera. E’ giusto così?
Il Padre ci aspetta e desidera da noi una risposta d’amore. Possibilmente puro.
Riflettiamo bene.
Lui ci ha donato tutto: l’esistenza, la vita, il respiro, i sensi, la salute, la famiglia, il lavoro, le amicizie, il cibo, la campagna, il paesaggio, il cielo stellato.
Dio è Onnipotente, dobbiamo ricordarcelo sempre
Se Lui vuole può toglierci qualsiasi cosa. Ma Egli cerca sempre il nostro bene .
Nel suo figlio Gesù Cristo si persino spogliato della sua gloriosa divinità per farsi uomo come noi. Apparendo in forma umana, umiliando se stesso fino alla morte di Croce. Ha dimostrato così il suo Amore sconfinato ed inimmaginabile per tutta l’umanità.
Non è già questo un motivo per essere riconoscenti?
Se ci priva di qualcosa è perché vuole darci cose migliori, anche se non lo possiamo capire subito. Il Padre desidera che viviamo nella Verità che ci rende liberi. Se siamo immersi nei beni terreni sono loro a possederci e ci tengono prigionieri, per cui lo spirito non può amare liberamente Dio.
Gesù l’aveva detto: o Dio o mammona, non si può servire tutte e due contemporaneamente. Se abbiamo il cuore attaccato alle cose terrene, alle abitudini, alle ideologie, alle varie superstizioni, alla ipertrofica immagine che abbiamo di noi stessi, non siamo liberi di amare il prossimo e Dio.
Un cuore orgoglioso indurisce e non è capace di ammirare la Creazione ed il prossimo. Vede solo se stesso e si sente superiore agli altri che disprezza perché non hanno le sue doti, il potere che crede di gstire o le sue ricchezze. Così per chi è avaro: costruisce se stesso su ciò che accumula e che è destinato a deteriorarsi. Quando muore lascia tutto…
A cosa vale accumulare tante ricchezze o potere e prestigio se perdiamo l’anima? E’ necessario conoscere chi realmente siamo confrontandoci con i Vangeli e le Sacre Scritture. Ciò che ci verrà chiesto al termine della nostra vita terrena è l’amore con cui abbiamo corrisposto alla chiamata del Padre.
Amiamo veramente Dio? Lo riconosciamo come nostro creatore e Signore?
Quante energie abbiamo investito per cercare di compiere il suo volere?
L’anima, quindi, è più importante del corpo, pertanto bisogna pensare a lei più del corpo purificandola. Il motivo è semplice ma richiede la fede: l’anima è immortale, mentre il corpo terreno muore. Quindi se l’anima è immortale è necessario averne cura infinitamente più del corpo, che va rispettato ugualmente.
“Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui, ed egli con me”. (Ap. 3,20)

Messaggio a Mirjana 2 Ottobre 2009

Cari figli, mentre vi guardo, il cuore mi si stringe dal dolore.
Dove andate, figli miei? Siete così immersi nel peccato che non sapete fermarvi?
Vi giustificate col peccato e vivete secondo esso.
Inginocchiatevi sotto la croce e guardate Mio Figlio.
Lui ha vinto il peccato ed è morto affinché voi, figli miei, viviate.
Permettete che vi aiuti perché non moriate, ma viviate con mio Figlio per sempre.
Vi ringrazio!

COMMENTO PERSONALE
E’ molto difficile vivere senza peccati, e questo la Madonna lo sa bene: vuole aiutarci, ma non può limitare la nostra libertà e quindi dobbiamo permetterglielo.
Spesso siamo così induriti nel peccato che non abbiamo nemmeno la capacità di discernimento e pensiamo che esso non ci danneggi e che bisogna vivere la vita approffittando di ogni occasione che non ritornerà più. Tutto questo perché non pensiamo alle cose dello Spirito, ma siamo pronti a soddisfare i piaceri della carne e il nostro orgoglio.
Maria può aiutarci a prendere coscienza di questa nostra povertà.
Il Signore ce l’ha donata come madre celeste, ma se guardiamo la sua vita terrena con stupore ci accorgiamo che si può vivere imitandola.
Ella amava Dio al di sopra di tutto. Anche noi dovremmo farlo sapendo che questa dimensione spazio-temporale è transitoria ed è solo una preparazione alla vita eterna con Gesù risorto.
Quando investiamo tutte le nostre energie nell’accumulare ricchezze materiali o nei piaceri della carne, alla fine rimane il vuoto: sono solo momentanei palliativi che non portano alla gioia interiore.
Se si ama il Signore, invece, ogni atto d’amore è una forma di capitalizzazione per la vita futura perché nulla andrà disperso del bene che facciamo. Quando evitiamo il peccato per il Signore Egli vede il nostro sforzo per compiere la sua volontà e ci aiuta nel duro cammino verso la divinizzazione che dalla carnalità dovrà portarci alle più alte vette della contemplazione. Con l’aiuto di Maria riacquistiamo la vista purificata per vedere il mondo con occhi limpidi, l’udito per ascoltare la parola del Signore che salva, il gusto per assaporare le cose dello Spirito, l’olfatto per immergerci nel profumo della preghiera, il tatto per amare Dio ed il prossimo concretamente. Spiritualizzare i nostri sensi significa proiettarci nella dimensione più autentica, quella che ci farà vivere nella pienezza contemplando Dio faccia a faccia.

Messaggio di Medjugorje 25 Settembre 2009

“Cari figli, insistentemente lavorate con gioia sulla vostra conversione.
Offrite tutte la vostre gioie e tristezze al mio cuore Immacolato cosicché vi possa guidare tutti al mio Figlio prediletto affinché nel suo cuore troviate la gioia.
Sono con voi per insegnarvi e guidarvi verso l’eternità.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE
Il grande filosofo Kierkegaard sosteneva che la condizione della nostra salvezza è di credere che dovunque e ad ogni ora c’è un inizio assoluto…
Gli errori della nostra vita, contrariamente a quello che pensiamo, sono l’humus che innesca il dinamismo dell’amore, perché inducendo ad una maggiore autoconsapevolezza della nostra fragilità e smorzando i nostri pregiudizi, potrebbero sensibilizzare all’ascolto, all’accoglienza e alla solidarietà per il prossimo.
Gesù l’aveva fatto chiaramente capire, riferendosi alla peccatrice pentita: colui a cui è stato perdonato molto, ama di più….
Cristo non è venuto al mondo per condannare l’uomo, ma per salvarlo. Non è venuto per i giusti, ma per i peccatori.
Dio ci ha creati, ma essendo Onnisciente, Egli non è incapsulato nella nostra dimensione spazio-temporale. E’ sempre oltre e conosce tutto in un eterno presente. Per questo ognuno di noi è conosciuto dall’eternità. In tutto, anche nelle fragilità.
Gesù si è fatto uomo anche per essere solidale nelle nostre fragilità. Egli ci stimola a non scoraggiarci quando abbiamo perso alcune battaglie sulle tentazioni. Non vuole che ci perdiamo, desidera ardentemente la nostra salvezza. Noi tendiamo allo scoraggiamento perché ci fissiamo sulle colpe passate e ci sembra impossibile che Dio le cancelli completamente dalla nostra vita (limitando così arbitrariamente la sua Onnipotenza).
Invece Lui le cancella con gioia ogni volta che ne prendiamo coscienza e ci ravvediamo desiderosi di camminare con Lui.
Non sappiamo perché soffriamo certe fragilità… però dobbiamo convincerci che esse stesse, in qualche modo misterioso, potrebbero contribuire indirettamente alla nostra salvezza. Innanzitutto uno dei motivi è l’umiltà che ne consegue: quando ci rendiamo conto che con le nostre sole forze non possiamo fare nulla contro il male, allora ci ridimensioniamo e ci avviciniamo alla verità. Ogni esperienza, anche quella che riteniamo più negativa, ci può essere utile per l’evoluzione spirituale.
Il rischio, però, è lo scoraggiamento derivante dal senso di colpa, più o meno marcato, che potrebbe insidiarsi pericolosamente nel nostro inconscio, disperando della salvezza. Nessun peccato è imperdonabile, solo quello contro lo Spirito Santo, cioè il rifiuto dello stesso perdono…. Al Signore dispiacciono i nostri peccati ma è ancora più dispiaciuto quando vede che non crediamo al suo assoluto ed incondizionato perdono, anche se fosse il miliardesimo. Emblematiche sono le parole che Egli ha rivolto al ladrone pentito crocifisso con lui: Oggi stesso tu sarai con me in Paradiso. E’ questa la forza del Cristianesimo: nessuno che crede in Gesù Cristo deve perdere la speranza nella propria salvezza, anche se fosse il peggiore tra gli uomini. Fino all’ultimo secondo della sua vita terrena ha sempre la possibilità di riscattarsi, perché Gesù è ha patito ed è morto per ognuno di noi.
Pier Angelo Piai

MESSAGGIO DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE DEL 25 AGOSTO 2009

“Cari figli, oggi vi invito di nuovo alla conversione. Figlioli, non siete abbastanza santi e non irradiate santità agli altri, perciò pregate, pregate, pregate e lavorate sulla conversione personale affinché siate segno dell’amore di Dio per gli altri. Io sono con voi e vi guido verso l’eternità alla quale deve anelare ogni cuore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE

IRRADIARE SANTITA’ AGLI ALTRI
Essere santi significa diventare autentici “uomini di Dio”.
La santità personale è un dovere, non un optional, perché siamo stati tutti creati da Dio per uno scopo ben preciso: amarlo, servirlo e contemplarlo nell’altra dimensione. Ma non si può contemplare Dio se non abbiamo il suo stesso sguardo, se non partecipiamo del suo amore.
Se ci lasciamo smarrire dalle seduzioni della carne e dalle tentazioni diaboliche la nostra anima affievolisce e rischia di spegnersi in noi l’amore per noi stessi, il prossimo e Dio.
Essere santi, però, richiede umiltà e la consapevolezza che con le nostre sole forze noi non ce la facciamo. La Madonna ci invita per questo a pregare molto affinché lo Spirito ci aiuti nel nostro modo di pensare e di vedere la vita.
Per la vera conversione è estremamente necessario avere fede la quale è un dono che va richiesto a Dio espressamente sempre, in ogni momento della giornata. La fede attiva delle certezze interiori, anche se non del tutto comprensibili. Ci aiuta a vedere Gesù in noi e negli altri, ci stimola a camminare sulla via del bene, ci aiuta a vivere nella speranza che nulla di quello che facciamo di buono verrà disperso e ci fa amare l’esistenza irradiata dalla luce divina.
La vera preghiera non è mai una perdita tempo. Essa è il carburante della nostra conversione, la quale non è facile perché richiede un cambiamento totale di mentalità e molte rinunce terrene.
La vita è davvero una lotta contro la forza gravitazionale delle illusioni terrestri, dei piaceri della carne e dell’egoismo.
Non si prega mai abbastanza e quando si trascura la preghiera la mente si rivolge ad altre consolazioni materiali che contrastano i desideri dello spirito.
Se il nostro cuore anelasse davvero all’eternità, comincerebbe la vera conversione che porta alla santità e questa si irradia sul prossimo: Dio vuole che ognuno di noi diventi realmente Tempio dello Spirito Santo per poter anche testimoniare il suo amore agli altri. E’ il suo modo di amare: si serve di ognuno di noi e ogni giorno ci chiama per nome supplicandoci di convertirci e raggiungere l’equilibrio interiore dell’uomo nuovo.
Pier Angelo Piai

Messaggio a Mirjana 2 Settembre 2009

Cari figli! Oggi con cuore materno vi invito ad imparare a perdonare totalmente ed incondizionatamente. Patite ingiustizie, tradimenti e persecuzioni, ma per mezzo di questo siete più vicini e più graditi a Dio. Figli miei, pregate per il dono dell’amore, solo l’amore perdona tutto, come perdona mio Figlio, seguitelo. Io sono in mezzo a voi e prego perché quando arriverete davanti al Padre vostro possiate dire: Eccomi, Padre, ho seguito tuo Figlio, ho avuto amore e ho perdonato di cuore perché ho creduto nel tuo giudizio, ho confidato in te. Vi ringrazio!

Apparizione della Madonna sul Podbrdo il 14 agosto 2009 al veggente Ivan:

“Cari figli, anche oggi, nella mia grande gioia, desidero invitarvi in questo tempo: apritevi allo Spirito Santo. Apritevi, questo è un tempo di grazia. Cari figli, che un fiume di amore scorra nei vostri cuori. Pregate, pregate, cari figli, insieme con la Madre.
Grazie, cari figli, per aver anche oggi risposto alla mia chiamata”.

Ivan ha pregato con la Gospa un Padre nostro e un Gloria al Padre e poi la Gospa se n’è andata in preghiera nel segno della luce e della croce col saluto: “Andate in pace, cari figli miei!”

Messaggio della Madonna di Medjugorje a Mirjana del 2 agosto 2009

Cari figli,
vengo per mostrarvi con amore materno la strada per la quale dovete andare per essere quanto più simili a mio Figlio, e con ciò stesso più vicini e più graditi a Dio.
Non rifiutate il mio amore.
Non rinunciate alla salvezza ed alla vita eterna a causa della caducità e della vanità di questa vita.
Sono in mezzo a voi per guidarvi e come madre vi ammonisco.
Venite con me.

COMMENTO PERSONALE
Per salvarci, quindi, dovremmo essere sempre più simili a Gesù Cristo, per poter essere più vicini e graditi a Dio.
Del resto il salmo stesso dice: “Guardate a Lui e sarete raggianti”
La vita terrena è fatta di cose caduche e vane: tutto passa, quello che importa è la salvezza e la vita eterna.
Da cosa ci dobbiamo salvare? Dall’illusione, innanzittutto.
ECCO UN DIALOGO IMMAGINARIO TRA L’ANGELO DELLA RETTA COSCIENZA E L’UMANITA’
Passa la scena di questo mondo (1 Cor.7,31)
Gran parte dei guai che avvengono nella vostra società odierna, o uomini, sono dovuti al fatto che avete scarsa coscienza della provvisorietà della vostra vita, non pensate sufficientemente al vostro destino eterno.
La vostra vita, o uomini della terra, è destinata ad ascendere a diversi livelli.
Per ora siete su quelli più bassi. La vostra tentazione principale è quella di ridiscendere le spire evolutive fino al nucleo della carnalità.
Pensateci bene: cosa vi aspetta?
L’illusione e la ripetitività. Non fate altro che girare sulle stesse spire senza ascendere.
Voi non siete venuti al mondo per quello.
Siete stati fatti ad immagine e somiglianza del nostro Dio Creatore e siccome Egli è infinito avete sete d’Infinito. Siete anche voi destinati a partecipare alla sua creatività. E in che cosa consiste questa creatività?
La creatività consiste soprattutto nel non essere ripetitivi, nello scoprire giorno dopo giorno il misterioso tessuto della vita partendo da voi stessi, dalle vostre menti.
Quando cominciate a conoscervi ( e la vita è un allenamento all’autoconoscenza) potete con coraggio risalire le spire che portano a diverse altezze, consapevoli che lasciate dietro di voi solo delle impalcature. Quando un edificio è finito, si tolgono le impalcature.
Chi non prende coscienza della transitorietà di questa vita terrena è proprio come uno che vorrebbe lasciare le impalcature dell’edificio che ha appena finito di costruire
Spesso voi uomini vi comportate come se doveste rimanere in eterno sul vostro pianeta a svolgere più o meno le stesse cose di ieri o dello scorso anno. Chi ve lo lo dice?La vita non dovrebbe essere “ripetitività” monotona, ma riscoperta di cose nuove da elementi che davate per scontati. E’ dentro di voi che avviene il processo di riconoscimento delle novità, ma ci vuole una rivoluzione radicale del vostro modo di pensare e di agire. Lo spirito di ricerca ed amore per la verità dovrebbe accendere continuamente il vostro interesse per la vita e tutto il suo mistero. Se in voi c’è questa fiamma, nulla è nioioso, tutto diventa interessante, cominciando dalla consapevolezza del vostro processo mentale.
Allora voi uomini non porreste più nella gerarchia dei valori certe banali priorità a cui siete attaccati.
Il giorno del Signore viene all’improvviso, come un ladro. Chi è preparato alla sua venuta?
Se doveste venir colti all’improvviso, come vi presentereste al suo cospetto?
Chi è abituato a ripercorrere il cerchio della ripetitività rischia la fossilizzazione dello spirito, chi invece ha sete di verità ascenderà la spirale dell’esistenza verso le mete più alte, dove la ricerca produrrà continue sorprese che recheranno la vera gioia interiore.
(Pier Angelo Piai)

Messaggio della Madonna di Medjugorje del 25 luglio 2009

“Cari figli, questo tempo sia per voi tempo di preghiera.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE
Aiutaci a pregare, Maria, come hai pregato tu. Sei veramente la nostra madre spirituale e ci condurrai alla salvezza eterna: non smetteremo mai di essere riconoscenti al Signore per il dono della tua maternità.
Tu sei la regina di tutti i santi: che cosa hai fatto?
Hai continuato umilmente al lavorare in casa, sempre disponibile per Giuseppe e Gesù. Avresti potuto pretendere onori umani e posti di rilievo nella società. consapevole di aver messo alla luce il Figlio di Dio. Invece hai subito persecuzioni, esiliata in terra d’Egitto a causa di Erode. Sei vissuta da straniera, ma non hai mai perso la fiducia in Dio tuo salvatore.
A Nazareth non hai organizzato seminari teologici, convegni spirituali, non hai fondato congregazioni od ordini monastici e religiosi. non hai aggregato movimenti carismatici ecc.
Hai semplicemente amato tuo Figlio, convinta che era anche Dio, e con Lui tutta l’umanità. Soprattutto hai amato Dio nella meditazione e nella preghiera silenziosa. Hai creduto ai suoi piani su di te e su tutta l’umanità, non hai contestato ed hai seguito tuo Figlio fino alla passione e morte, senza un lamento. E dopo la sua Resurrezione, che tu attendevi fiduciosa, sei stata presente nei momenti salienti della prima comunità apostolica, anche nel Cenacolo dove lo Spirito Santo é sceso su tutti i presenti.
Tu sei vissuta in continuo stato di preghiera, eri la preghiera stessa.
Le poche parole che hai detto, quelle riportate dai Vangeli, sono parole di preghiera: sottomissione alla volontà di Dio nell’Annunciazione, lode e stupore per opere dell’Onnipotente, come nel Magnificat, mediazione nelle nozze di Caana.
Poi silenzio: i Vangeli fanno qualche rarissimo accenno alla tua silenziosa presenza fino alla croce, dove tuo Figlio morente ti ha affidato l’umanità intera (figlio, ecco tua madre).
Tu, madre carissima, hai mantenuto fede all’incarico che Dio ti ha dato. E lo continui a fare specialmente in questi giorni bui in cui l’umanità è disorientata.
Continui ad apparire dall’aldilà perché ci vuoi tutti salvi, non vuoi che alcuno di noi perisca nello spaventoso abisso infernale e ci inviti alla preghiera continua.
Lo fai con discrezione, rispettando la nostra libertà, ma continui ad essere presente additandoci tuo Figlio, facendoci capire chiaramente che solo in Lui possiamo trovare il senso della nostra intera esistenza.
(Pier Angelo Piai)

Messaggio a Mirjana 2 Luglio 2009

Cari figli! Io vi chiamo perché ho bisogno di voi.
Ho bisogno di cuori pronti ad un amore immenso.
Di cuori non appesantiti dalla vanità.
Di cuori che sono pronti ad amare come ha amato mio Figlio, che sono pronti a sacrificarsi come si è sacrificato mio Figlio.
Ho bisogno di voi.
Per poter venire con me, perdonate voi stessi, perdonate gli altri e adorate mio Figlio.
Adoratelo anche per coloro che non l’hanno conosciuto, che non lo amano.
Per questo ho bisogno di voi, per questo vi chiamo.
Vi ringrazio.

Messaggio della Madonna di Medjugorje del 25 giugno 2009

“Cari figli, gioite con me, convertitevi nella gioia e ringraziate Dio per il dono della mia presenza in mezzo a voi.
Pregate che nei vostri cuori Dio sia al centro della vostra vita e testimoniate con la vostra vita, figlioli, affinché ogni creatura possa sentire l’amore di Dio.
Siate le mie mani tese per ogni creatura, affinché ognuna si avvicini al Dio dell’amore.
Io vi benedico con la materna benedizione.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

ATTINENZA DEL MESSAGGIO CON LA SACRA SCRITTURA
Siccome qualcuno mette in dubbio questa “attinenza” ho voluto fare una ricerca oculata riportando i testi biblici più attinenti al messaggio

fileDBicn_doc picture
medbibbia.doc

Messaggio di Medjugorje 25 maggio 2009

“Cari figli, in questo tempo vi invito tutti a pregare per la venuta dello Spirito Santo su ogni creatura battezzata, cosicché lo Spirito Santo vi rinnovi tutti e conduca sulla via della testimonianza della vostra fede voi e tutti coloro che sono lontani da Dio e dal suo amore. Io sono con voi e intercedo per voi presso l’Altissimo.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana 2 Giugno 2009

«Cari figli! Il mio amore cerca il vostro amore totale e incondizionato che non vi lascerà identici, ma vi cambierà e vi insegnerà la fiducia in mio Figlio. Figli miei, col mio amore io vi salvo e vi rendo veri testimoni della bontà di mio Figlio. Perciò, figli miei, non abbiate paura di testimoniare l’amore nel nome di mio Figlio. Vi ringrazio».

Mentre la Madonna se ne andava, Mirjana ha visto una croce e al centro della croce un cuore con una corona di spine intorno ad esso. La Madonna non era triste.

COMMENTO PERSONALE
Quando il cristiano pensa al Creatore nella sua identità Trinitaria prova una profonda pace interiore che glii fa apprezzare la vita ed il Creato.
Scaturisce in lui una tenera fiducia in Gesù Cristo vivo e presente in ogni momento della sua vita. E’ l’amico ma anche il Signore. Guida i suoi passi perché non inciampi, ha tenerezza quando è fragile e subito lo risolleva dalle cadute.
Egli è l’Onnipotente, potrebbe realmente porre fine alla sua vita quando lo desidera…. ma attende pazientemente la sua personale evoluzione perché vuole che corrisponda in modo disinteressato al suo amore.
Il suo amore è davvero disinteressato perché è un amore divino: se vogliamo crescere a sua immagine e somiglianza anche il nostro amore deve assomigliare al suo, pertanto deve essere incondizionato. Da soli non riusciamo ad amare in modo disinteressato, ma possiamo provarci con il suo aiuto: “Senza di me non potete fare nulla”. Gesù ci aspetta e gioisce davvero quando ammira certi nostri atti d’amore per Lui e per il prossimo perché in questo modo ci avviciniamo alla sua natura divina, ed è questo che Lui vuole.
Maria ci insegna ad amare suo Figlio additandoci il suo esempio, Lei che “meditava tutte queste cose in cuor suo”. Maria continua a dirci di essere nostra madre e di amarci uno per uno perché desidera che tutti noi andiamo in Paradiso. Per questo il suo amore cerca il nostro amore totale ed incondizionato che possiamo testimoniare con la nostra vita nella fiducia in suo Figlio.
“Se sapeste quanto vi amo piangereste di gioia”, disse un giorno ai veggenti.
Ella ci ama davvero!
Pier Angelo Piai

Messaggio di Medjugorje 25 Aprile 2009

“Cari figli, oggi vi invito tutti a pregare per la pace e a testimoniarla nelle vostre famiglie affinché la pace diventi il più grande tesoro su questa terra senza pace.
Io sono la vostra Regina della Pace e la vostra madre. Desidero guidarvi sulla via della pace che viene solo da Dio. Per questo pregate, pregate, pregate. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE di Pier Angelo Piai
Pregate, pregate, pregate.
Tre volte. Tre é un numero divino,. Chi prega trova la pace interiore che può trasmettere nell’ambito in cui vive ogni giorno , soprattutto in famiglia.
Ci dimentichiamo che i famigliari sono il nostro prossimo da amare come noi stessi. Se non si ama il prossimo non si ama Dio perché Egli é presente in ciascuno di noi ed attende un gesto d’amore che può essere concretizzato nell’ascolto, nel soccorso materiale e spirituale, nella paziente educazione dei figli, nel perdono reciproco ecc.
Ma per ottenere questa pace bisogna convincersi che essa viene solo da Dio. Altre fonti sono illusorie, effimere. Dio é l’Onnipotente, il Misericordioso, l’Amore perfetto, fonte ed ispirazione di tutto il nostro amore, anche se imperfetto.
E’ Lui che dona la pazienza, la carità, la riconoscenza.
In famiglia dovrebbe essere alimentato in ogni componente il senso di riconoscenza. Il marito verso la moglie e viceversa. I figli verso i genitori ed i genitori verso i figli, anche se fossero fonte di preoccupazione. Il Signore permette certe situazioni per farci esercitare la carità, per l’evoluzione spirituale di ognuno di noi affinché si rimanga umili.
La preghiera é indispensabile per la conversione personale.
La conversione del cuore richiede di innestarci nell’amore di Dio per ottenere il suo pensiero e dirigere le nostre azioni sulla via della sua volontà.
Un cuore convertito a Dio vede gli altri in modo diverso, agisce per compiacere al
Signore in modo disinteressato. Così potrà diffondere la pace anche in famiglia testimonandola, perché essa é contagiosa.
Quando Maria esorta alla preghiera ci chiede di pregare anche per gli altri, soprattutto per i famigliari. Se abbiamo fiducia in Dio Egli ci ascolta e siccome nulla é a Lui impossibile, farà in modo che anche i famigliari trasformino il loro cuore perché Egli lo attira a sé.
Insistiamo con la preghiera allora, e Dio, nella sua Onnipotenza, non tarderà ad esaudirci.

Messaggio del 2 maggio 2009 a Mirjana

Cari figli!

Già da lungo tempo vi do il mio Cuore materno e vi porgo mio Figlio.
Voi mi rifiutate. Permettete che il peccato vi avvolga sempre di più. Permettete che vi conquisti e vi tolga la capacità di discernimento.
Poveri figli miei, guardatevi intorno e osservate i segni del tempo.
Pensate di poter vivere senza la benedizione di Dio?
Non permettete che la tenebra vi avvolga.
Anelate dal profondo del cuore a mio Figlio.
Il Suo Nome dissipa la tenebra più fitta.
Io sarò con voi, voi solo chiamatemi: “Eccoci Madre, guidaci!”.
Vi ringrazio!

COMMENTO PERSONALE
Migliaia di filosofi, scrittori ed intellettuali si sono cimentati ad analizzare il fondamento ultimo della nostra vita, ma sinora non sono pervenuti a niente.
Probabilmente anche molti di noi si chiedeono e si stanno chiedendo perché si esiste e che senso ha tutto, ma senza arrivare ad una risposta convincente.
Quindi, non avendo chiaro il fine ultimo, é necessario seguire una pista che il Cristianesimo ha sempre indicato: Gesù Cristo che é vivo ed operante in ognuno di noi se lo vogliamo.
Egli non ci toglie la libertà e la facoltà di pensare: anzi si presenta come la “Luce” che dobbiamo guardare per dare una risposta fondamentale ai più difficili interrogativi di questa esistenza.
Egli é il “Logos” che per ora non possiamo comprendere a fondo: dobbiamo fidarci ragionevolmente della Rivelazione e di chi custodisce il deposito della fede, cioé la Chiesa fondata da Lui.
Maria, la quale vede le cose in modo molto chiaro perché é nella luce di suo Figlio, ci esorta a non lasciarci avvolgere dalle tenebre del peccato.
E’ molto vero che chi cade volontariamente nel peccato rischia di non discernere più il bene ed il male e potrebbe perdere anche la fede. Questo fatto è una catastrofe personale perché indurisce il cuore e non permette alla grazia santificante di plasmare la sua anima, la quale oppone resistenza allo Spirito Santo.
Non possiamo pensare di vivere senza la benedizione di Dio: Egli, l’Onnipotente, é Colui che sostiene l’Universo ed ognuno di noi. Potrebbe toglierci il respiro quando vuole, ma aspetta pazientemente la nostra conversione. Dio ci ha donato suo Figlio perché ci vede in Lui e noi possiamo presentarci al Signore grazie al sacrifici di Gesù Cristo, di sua Madre e di tutti i santi.
Il nome di Gesù, unico salvatore, va invocato se vogliamo che le fitte tenebre del peccato si dissolvano.
Eccoci, madre, guidaci!!!
Pier Angelo Piai

Messaggio di Medjugorje 25 Marzo 2009

“Cari figli, in questo tempo di primavera quando tutto si risveglia dal sonno dell’inverno, svegliate anche voi le vostre anime con la preghiera affinchè siano pronte ad accogliere la luce di Gesù risorto. Sia Lui, figlioli, ad avvicinarvi al suo Cuore affinchè siate aperti alla vita eterna. Prego per voi e intercedo presso l’Altissimo per la vostra sincera conversione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE di Pier Angelo Piai
“Svegliate anche voi le vostre anime con la preghiera affinché siano pronte ad accogliere la luce di Gesù risorto.”
Maria, madre celeste di ognuno di noi, è molto attenta alle nostre necessità quotidiane e ai nostri ritmi terreni. Ella appartiene ad un’altra dimensione, eppure vive e partecipa anche della nostra pur di aiutarci con il suo cuore materno. Parlandoci dell’inverno e della primavera ci aiuta a leggere tutto alla luce del Creatore che non ha creato nulla a caso.
Il sonno invernale è il nostro torpore spirituale che ci trascina nel baratro dell’indifferenza indurendoci i cuori.
La primavera simboleggia il risveglio verso la vera vita, quella spirituale, la quale è possibile solo se lasciamo che il cuore di suo Figlio Gesù si avvicini per farci evolvere nella direzione della vita eterna. Ci siamo troppo arenati all’orizzontalità di questa dimensione spazio-temporale. La luce del Cristo risorto spalanca la nostra mente ed il nostro cuore verso l’altra dimensione che è quella definitiva, dove il nostro principale compito sarà la contemplazione della Santissima Trinità partecipando del suo dinamismo eterno.
Se crediamo ci aspetta una vita piena di luce, di soddisfazioni e di gioie durature che non hanno confronto con quelle terrene. Maria ci trasmette la sua gioia per incoraggiarci in questo cammino tortuoso che è la vita terrena affermando che prega incessantemente per ognuno di noi presso l’Altissimo affinché ci convertiamo. Dovremmo esserle grati per tutto quello che sta facendo per noi: se ci rendessimo davvero conto di quanto ci ama piangeremmo di gioia! L’aveva lei stesso affermato in una apparizione.
Il fatto che Maria, nostra vera madre, in questi tempi speciali continui ad essere in mezzo a noi anche tramite le apparizioni ed i suoi messaggi è un significativo indicatore del suo amore materno che ci segue fino alla salvezza, perché non vuole che ci perdiamo nel peccato o nell’indifferenza.

Messaggio a Mirjana 2 Aprile 2009

“Cari figli, l’amore di Dio è nelle mie parole. Figli miei, questo è l’amore che desidera volgervi alla giustizia e alla verità.
Questo è l’amore che desidera salvarvi dagli abbagli.
Ma voi, figli miei? I vostri cuori restano chiusi, sono duri e non rispondono alle mie chiamate, non sono sinceri.
Con materno amore prego per voi perché desidero che tutti risuscitiate in mio Figlio.
Vi ringrazio”.

COMMENTO PERSONALE
Si risuscita in Gesù Cristo, Figlio di Dio. E’ questo il suo progetto per noi.
Cosa significa? Gesù ha il potere di farci risuscitare in Lui perché è Figlio di Dio ed ha la natura divina. Egli è con noi fino alla fine del mondo. E’ in noi ed attende una risposta d’amore, attende gratitudine per il dono dell’esistenza, della misericordia e degli aiuti terreni. Ma vuole che ricerchiamo la Verità in Lui perché è Lui la Via, la Vita e la Verità.
Nel corso della vita terrena veniamo abbagliati da molte illusioni che ci distolgono dalla Verità: solo lo Spirito può illuminarci interiormente per individuarle con coraggio. E’ un cammino lungo e pericoloso, ma se ci affidiamo a sua madre ella ci fa da maestra.
Se ascoltiamo i suoi messaggi percepiamo l’amore che Dio ha per noi singolarmente. Egli ci ama così come siamo e desidera il nostro progresso spirituale infinitamente di più di quello che pensiamo.
Ai suoi occhi siamo importanti e desidera salvarci tutti. Attraverso sua madre, in queste continue apparizioni, vuole aprirci il cuore che spesso è chiuso alla grazia perché è distolto da troppe cose materiali e dai piaceri o affanni della vita.
In Lui la vita assume una luce diversa che dona la gioia interiore di esistere perché ci addita l’eternità nella Risurrezione. Solo questa luce ci fa gustare il senso della vita e di tutto quello che esiste perché siamo fatti per Lui ed il cuore non trova la pace se non riposa in Lui.
Maria ci ritiene davvero suoi figli. In un messaggio disse accoratamente: “Se voi sapeste quanto vi amo piangereste di gioia”. Ecco perché oggi ci dice “l’amore di Dio è nelle mie parole.”
E’ incredibile quanto sia duro il nostro cuore e non si commuova di fronte a questa materna sollecitudine. Maria, purtroppo, non trova sincerità in noi, ma spesso incredulità e tiepidezza ma non il vero desiderio di conversione (che implica distacco e purezza).
Non illudiamoci: la vita è più breve di quanto pensiamo anche se le giornate sembrano lunghe. Tutto l’amore che abbiamo messo nel nostro pensare ed operare non andrà disperso, perché, nel clima di preghiera, è ispirato da Dio stesso: basta solo abbandonarci alla sua grazia ed Egli ci risusciterà per la vita eterna, e vedremo Dio così come Egli è, faccia a faccia nella vera gioia che non finirà mai.
Pier Angelo Piai

MESSAGGIO DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE DATO A MARIA P. 25 Febbraio 2009

“Cari figli, in questo tempo di rinuncia, preghiera e penitenza vi invito di nuovo: andate a confessare i vostri peccati affinché la grazia possa aprire i vostri cuori e permettete che essa vi cambi.
Convertitevi, figlioli, apritevi a Dio e al suo piano per ognuno di voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE
Convertitevi, figlioli, apritevi a Dio e al suo piano per ognuno di voi.
Dio ha davvero un piano per ognuno di noi. Nella conversione a Lui lo scopriremo gradualmente.
Gesù ha promesso a tutti noi: “Nella casa del Padre mio vi sono molti posti….Io vado a prepararvi un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io” (Gv.14,2)
La nostra mansione dipende da moltissime circostanze interne ed esterne. Ognuno di noi, comunque, è destinato a glorificare Dio, ovunque siamo chiamati ad operare.
Per capire la nostra mansione bisogna seguire i proprio cuore e ciò si ottiene aprendoci a Dio. Lo Spirito Santo, se crediamo, si suggerisce proprio sul momento cosa fare e come agire. Ma dobbiamo credere alle parole di Gesù Cristo, fonte di sapienza e misericordia.
Se realmente sapessimo a quale grado di gloria Dio ci ha destinati saremmo continuamente a ringraziarlo e a compiere il suo volere. La cosa essenziale è corrispondere all’amore che il Signore nutre per noi, il resto viene conseguentemente.
Una vita umana autentica prende seriamente coscienza del fine per cui esiste ed opera.
Quando è accecata dalle passioni terrene difficilmente se la sente di acquisire consapevolezza perché questa la pone in discussione e deve rinunciare a molte cose.
La consapevolezza richiede distacco interiore e la vera conversione avviene quando Dio è realmente al primo posto nella scala dei suoi valori.
Pier Angelo Piai

Messaggio a Mirjana 2 Marzo 2009

“Cari figli! Sono qui in mezzo a voi. Guardo nei vostri cuori feriti e inquieti.
Vi siete persi, figli miei.
Le vostre ferite del peccato diventano sempre più grandi e sempre di più vi allontanano dall’autentica verità.
Cercate la speranza e la consolazione nei posti sbagliati, invece io vi offro la sincera devozione che si nutre di amore, di sacrificio e di verità.
Io vi do mio Figlio”.

COMMENTO personale relativo al messaggio del 2 marzo 2009 (di Pier Angelo Piai)
Cerchiamo la speranza e la consolazione nei posti sbagliati…
E’ vero: ci si dimentica che l’unico Salvatore e Consolatore è Dio Trinitario. Guardate a Lui e sarete raggianti. L’uomo è fatto da Dio ed è destinato a ritornare a Dio, per questo non è mai soddisfatto. Dio è infinito, eterno e Onnipotente: solo Lui ci può dissetare, perché solo Lui ha parole di vita eterna. Nulla nella vita ci può realmente appagare.
Anche se avessimo momentaneamente soddisfatto i sensi, è uno stato provvisorio di illusione perché nel nostro intimo c’è la scintilla divina che chiede di poter ospitare la Santissima Trinità. Solo in Dio troveremo la vera pace interiore. Ma la nostra incredulità ci annebbia l’anima, ottenebra la mente e indurisce il cuore sicché non riusciamo a capire cosa è l’Essenziale per la nostra vita.
La nostra mente escogita molti palliativi per colmare il senso di noia esistenziale che ci attanaglia nell’ora della tentazione. Se siamo vuoti dentro Satana agisce con disinvoltura generando indifferenza ed indurimento fino a spingerci a compiere il male camuffandolo in mille modi.
Ma la cosa peggiore è perdere la fede. Allora si rischia di capovolgere completamente la scala dei valori, perché non abbiamo più un vero metro di giudizio e la nostra anima rischia di precipitare nel baratro, nonostante il Signore ci tocchi continuamente con la sua grazia, perché Egli non vuole che nessuno di noi perisca, ma rispetta profondamente la nostra libertà.
Senza fede il peccato amplia sempre di più le nostre ferite interiori e questo ci allontana dalla verità perché comporta una distorsione del nostri giudizio.
Maria ci dona suo Figlio: Amore, sacrificio e Verità. Dove non c’è reale sacrificio, non c’é amore e dove non c’è amore non può albergare la verità.

Messaggio a Mirjana 18 Marzo 2009

Cari figli! Oggi vi invito a guardare in modo sincero e a lungo nei vostri cuori. Che cosa vedrete in essi? Dov’è in essi mio figlio e il desiderio di seguirmi verso Lui? Figli miei, questo tempo di rinuncia sia un tempo nel quale domandarvi: che cosa vuole Dio da me personalmente? Che cosa devo fare? Pregate, digiunate e abbiate il cuore pieno di misericordia. Non dimenticate i vostri pastori. Pregate che non si perdano e che restino in mio figlio, affinchè siano buoni pastori per il loro gregge.

La Madonna ha guardato tutti i presenti e ha continuato: Di nuovo vi dico: Se sapeste quanto vi amo piangereste di felicità. Grazie.

COMMENTO AL MESSAGGIO A Miriana del 18 Marzo 2009

Proviamo a mettere in pratica quello che ci suggerisce accoratamente la Madonna nei suoi messaggi.
Ella ci invita a guardare sinceramente e a lungo nei nostri cuori.
C’è veramente suo figlio Gesù in modo prioritario? O ci sono molte altre priorità? Cosa c’è nel nostro cuore di davvero importante?
Siamo realmente occupati nelle cose del Padre nostro?
Programmiamo la giornata, ci preoccupiamo delle cose materiali, dei passatempi… o come ammazzare il tempo.

Se ci osserviamo attentamente, notiamo che viviamo spesso alla superficie di noi stessi perché non osiamo andare a fondo: ci troviamo vuoti, disorientati, illusi, pieni di amarezza. I passatempi annegano il desiderio di Eternità nei piaceri transitori, ma non risolvono il senso di vuoto interiore.
Pietro, ispirato dallo Spirito, esclamava: Da chi andremo, Signore? Tu solo hai parole di vita eterna.
Crediamo realmente che Gesù sia il Dio vivente fatto uomo, che ha patito ed è risorto? Crediamo che sia presente nei nostri cuori ed attende da noi una risposta d’amore? Chi ci può consolare se la nostra vita non è diretta a Lui?
Le cose terrene passano ed anche la nostra dimensione terrena passa. Rimane la nostra anima immortale destinata a contemplare in eterno Dio faccia a faccia: quando saranno tolti i veli della materia opaca vedremo la Verità risplendere e capiremo meglio che una vita spesa per la Verità e l’Amore valeva la pena di essere vissuta.
“Incominciare tutto, ogni cosa, anche minima, da Dio, dal calore della presenza di Gesù. Tutto.
Succede di cominciare da noi stessi, dal nostro impegno, dalla nostra buona volontà; ma come può essere buona se noi siamo cattivi? Come può essere buona se non ce la infonde Lui che è buono?
Noi pensiamo che quelle ispirazioni che ci muovono al bene, siano ispirazioni che provengono dal nostro essere, mentre sono ispirazioni veramente che spirano da Dio, dallo Spirito che soffia dove e quando vuole…(DIARIO DI UN PELLEGRINO CARNICO – P.Albino Candido p.223)
Cosa significa mettersi alla presenza di Gesù?
Innanzittutto l’atteggiamento dovrebbe essere di riconoscenza.
Per l’esistenza, la vita, la sua protezione, la sua misericordia, la salute, la casa, il lavoro, le amicizie ecc. Tutto è stato creato per mezzo di Lui ed ogni evento è voluto o permesso da Lui, non dimentichiamolo.
Consideriamo davvero l’infinito amore che Dio ha per ciascuno di noi. La sua tenerezza si espande su tutte le creature (salmo 145)
Pier Angelo Piai

MESSAGGIO DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE DATO A MARIA P. IL 25.01.2009

“Cari figli,
anche oggi vi invito alla preghiera.
Sia la preghiera per voi come un seme che metterete nel mio cuore, che Io consegnerò al mio figlio Gesù per la salvezza delle vostre anime.
Desidero figlioli, che ognuno di voi si innamori della vita eterna che è il vostro futuro e che tutte le cose terrene siano per voi un aiuto per avvicinarvi a Dio Creatore.
Io sono con voi così a lungo perchè siete sulla strada sbagliata.
Soltanto con il mio aiuto, figlioli, aprirete gli occhi.
Ci sono tanti che vivendo i miei messaggi comprendono che sono sulla strada della santità verso l’eternità.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE RELATIVO AL MESSAGGIO DEL 25 GENNAIO 2009
Le cose terrene siano un aiuto per avvicinarvi a Dio Creatore.
Il Creato, quindi, ci dovrebbe avvicinare sempre di più a Dio Creatore….
E invece… cosa facciamo della nostra vita terrena? Siamo spesso sulla strada sbagliata perché usiamo le cose per motivi molto impropri ed egoistici. Non sempre sappiamo riportare tutto al Creatore.
Tutto è stato creato da Dio, anche il nostro corpo, la nostra mente e la nostra anima immortale.
Noi percepiamo il mondo con gli organi di senso che vengono organizzati in modo complesso dalla mente.
Perché non ci stupiamo di questa complessità? Stupirci significa ammirare ma anche riferire tutto all’artefice. Dovremmo riflettere che se qualcosa è bello e ci piace, Colui che lo ha creato cosa mai sarà? La Bellezza origina tutte le altre bellezze.
La Bontà origina tutte le altre bontà.
Quel volto che ci affascina, ad esempio, è misteriosamente bello, ma è solo un ombra del fascino del suo Creatore. L’amicizia terrena è un riflesso di quella divina.
Il paesaggio che spesso ammiriamo canta lo splendore di Colui che lo ha voluto.
Il volo di un’aquila ricorda le altezze a cui siamo chiamati per contemplare il suo Creatore.
Quella musica geniale richiama la genialità del Creatore di ogni uomo.
L’animale che desta meraviglie per le sue doti naturali è riflesso della incredibile creatività di Dio.
L’albero solitario che protende i rami verso il cielo ricorda il fatto che tutti noi aspiriamo alla vita eterna perché siamo stati creati per essa.
Il microcosmo che si cela in noi e fuori di noi rappresenta l’imperscrutabile disegno divino la cui trama avvolge ogni creatura terrena al cui apice è stato posto l’uomo, immagine e somiglianza di Dio.
L’Universo attuale è per noi una palestra di allenamento per la vita eterna. Impariamo ad essere sensibili anche attraverso la sofferenza e la preghiera per comprendere chi siamo realmente.
Quando abbiamo un po’ compreso allora siamo pronti per amare colui che ci ha creati e che continuamente ci attira per unirci a Lui nella Vita Eterna, dove ci sarà luce, pace e Amore puro…
Pier Angelo Piai

Messaggio a Mirjana 2 Febbraio 2009

“Cari figli, oggi con cuore materno desidero ricordarvi, cioè avvertirvi dell’immenso amore di Dio e della pazienza che scaturisce da esso. Il vostro Padre mi manda e aspetta. Aspetta i vostri cuori aperti pronti per le sue opere. Aspetta i vostri cuori uniti nell’amore cristiano e nella misericordia nello spirito di mio Figlio. Non perdete tempo, figli, perché non ne siete padroni. Vi ringrazio.”

25 dicembre 2008

“Cari figli, correte, lavorate, raccogliete ma senza benedizione. Voi non pregate!
Oggi vi invito a fermarvi davanti al presepe e a meditare su Gesù che anche oggi vi dò, affinché vi benedica e vi aiuti a comprendere che senza di Lui non avete futuro.
Perciò, figlioli, abbandonate le vostre vite nelle mani di Gesù affinché Lui vi guidi e vi protegga da ogni male.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE
Se non si prega non abbiamo la benedizione del Signore in quello che facciamo.
Cosa significa?
La Regina della Pace insiste di pregare con il cuore. Ciò significa innanzittutto nutrire la propria fede chiedendola spesso al Padre nel nome di Gesù, attraverso lo Spirito Santo.
Poi è necessaria la convinzione che Dio, nostro Creatore e Signore, ci ama infinitamente e personalmente di un amore speciale. Ciò ci induce ad intuire i segni che Lui ci manda nella nostra vita quotidiana. Sono tanti, ma noi nemmeno ce ne accorgiamo. Tutto dovrebbe essere riportato a Gesù, anche il minimo respiro.
Se Egli volesse, essendo Onnipotente, potrebbe toglierci anche quello. Invece ci osserva ed attende pazientemente da noi una risposta d’amore. Noi gli diamo pochissimo tempo della nostra vita perché ci preoccupiamo delle faccende pratiche, di accumulare denaro per avere più sicurezza economica, contattare amici che ci garantiscono protezione ed aiuto.
Chi possiede campi spesso passa anche le feste a lavorarli.
Chi ha un negozio si dà da fare per avere clienti ed impegna la sua mente in modo univoco.
Chi ha un’impresa a volte non dorme nemmeno la notte per trovare soluzioni ai problemi e nuovi investimenti.
Ogni attività è sovente accompagnata da molte preoccupazioni e le energie mentali e spirituali spesso vengono sprecate perché il loro fine è puramente materiale.
Maria non ci invita a starcene nell’ozio. Ci invita a condire tutto quello che facciamo con lo Spirito.
Tutto passa in questa vita. Passano anche le opere, le attività e i beni accumulati.
Rimane l’amore con cui viviamo, il quale è più autentico se unito a quello di Gesù Cristo.
Se ci abbandoniamo a Gesù, meditando sul suo mistero ed avendo fiducia nel suo amore provvidenziale, le cose cambierebbero. Non ci lasceremmo sommergere da ansie e preoccupazioni che vanificano quello che facciamo perché la nostra mente non punta all’essenziale ma si disperde.
“Pensate prima al Regno dei Cieli, il resto vi verrà dato in sovrappiù” – ci esorta il Signore.
Se con fiducia mettessimo in pratica questa regola evangelica, toccheremmo con mano la Provvidenza e il nostro cuore pulserebbe nella serenità e nella gioia.
Davvero senza di Lui non abbiamo futuro. Egli solo è Colui che ci addita la salvezza da noi stessi e dalle forze oscure del male che attecchiscono sul nostro egoismo e sul nostro orgoglio.
Se riusciamo a capire cosa significa davvero pregare, allora ogni cosa che facciamo diventa una preghiera e il Signore la benedice, come ha benedetto le opere di Abramo, Isacco, Giacobbe e tutti coloro che hanno amato Dio al di sopra di tutto e tutti, prima e dopo la sua venuta sulla terra.
Pier Angelo Piai

Messaggio a Mirjana 2 Gennaio 2009

“Cari figli, mentre la grande grazia celeste si spande su di voi il vostro cuore rimane duro e senza risposta.
Figli miei perché non mi date completamente i vostri cuori?
Voglio solo mettere in essi la pace e la salvezza: mio Figlio.
Con mio Figlio la vostra anima sarà indirizzata verso le mete più nobili e non vi perderete mai. Anche nella tenebra più fitta, troverete la strada.
Figli miei, decidetevi per la vita nuova con il nome di mio Figlio sulle labbra. Vi ringrazio.”

COMMENTO PERSONALE
Gesù solo è il vero Salvatore, Colui che dona a tutti la vita eterna nel Padre e nello Spirito Santo.
Ci sono tanti maestri di vita, anche molto validi. Ma Gesù solo ha promesso il perdono dei nostri peccati e la vita eterna in chi crede in Lui. Perché non lo vogliamo capire?
Troppe cose, affari e preoccupazioni ci distolgono dal vero senso della vita. E’ lui il senso, il Logos.
Ma noi induriamo spesso il cuore perché non è fiducioso. Diciamo di credere, ma nella pratica siamo più attirati dalla forza di gravità della materia. Dobbiamo fare molta fatica per elevare lo sguardo. Con Gesù tutto è più dolce e tutto ha un senso, perché “per mezzo di Lui tutte le cose sono state create e tutte in Lui sussistono”. Pertanto solo Lui può darci la vera pace dei cuori.
Quale maestro ha fatto e sta facendo quello che ha fatto e sta facendo Lui,Gesù cristo vivo più che mai in mezzo a noi ed in noi?
Quando non ce la facciamo più per la superficialità a cui ci induce la massa, o quando vaghiamo nelle tenebre dell’incredulità o dell’errore rivolgiamoci a Lui che non si stanca di amarci: Troveremo un cuore palpitante d’amore che ci attende con pazienza e ci abbraccia donandoci l’autentica serenità.
Si tratta di una decisione importante: nulla è più importate di Gesù, lo stiamo tutti esperimentando. In Lui avremo una vita nuova e potremo affrontare il grande trapasso, allorchè Lui ci chiamerà definitivamente, con il suo Santo nome sulle labbra: Gesù!
Pier Angelo Piai

25 novembre 2008

“Cari figli, anche oggi vi invito in questo tempo di grazia a pregare affinché il piccolo Gesù possa nascere nel vostro cuore.
Lui che è la sola pace doni attraverso di voi la pace al mondo intero.
Per questo, figlioli, pregate senza sosta per questo mondo turbolento senza speranza affinché voi diventiate testimoni della pace per tutti.
Sia la speranza a scorrere nei vostri cuori come un fiume di grazia. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”

25 ottobre 2008

“Cari figli, vi invito tutti in modo speciale a pregare per le mie intenzioni affinché attraverso le vostre preghiere si fermi il piano di Satana su questa terra, che é ogni giorno più lontana da Dio, e mette se stesso al posto di Dio e distrugge tutto ciò che é bello e buono nell’anima di ognuno di voi.
Per questo, figlioli, armatevi con la preghiera e il digiuno affinché siate consapevoli di quanto Dio vi ama e fate la volontà di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO AL MESSAGGIO DEL 25 OTTOBRE 2008 (di Pier Angelo Piai)
Quale è il piano di Satana?
Satana è l’angelo più potente il quale si è pervertito per invidia, perché voleva farsi uguale a Dio.
Questa invidia ricade sull’uomo perché sa benissimo che è destinato a diventare Figlio di Dio, partecipando della natura di Gesù Cristo, vero uomo e vero Dio.
Satana vuole distruggere ciò che è bello e buono nell’anima di ognuno di noi in diversi modi:
1) Attraverso la seduzione.
C’è la seduzione della carne, quella del potere, del successo e del denaro: tutte cose che ci distolgono dalla verità e disperdono l’anima per allontanarla gradualmente dal Creatore. Satana le usa in modo strategico facendo cadere molti nella trappola del materialismo e dell’edonismo più sfrenati.
2) Spingendoci all’indifferenza verso Dio.
Con il relativismo ontologico e religioso proposto dai media e dal pensiero dominante, fa in modo che si insinuino molti dubbi sulla fede, fino a rinunciare alla ricerca della Verità. In questo modo non si pensa più a Dio e si vive nell’indifferenza totale.
3) Gonfiandoci con l’orgoglio
Egli vuole trasmetterci lo stesso orgoglio che lo ha fatto pervertire. Ci fa credere di essere qualcuno di speciale che non ha bisogno di pregare Dio e basta a se stesso ritenendo la religione una proiezione dei propri desideri inconsci.
In questo modo si comincia a disprezzare i Sacramenti, la Chiesa e tutta la sua dottrina con la Sacra Scrittura ritenute delle favole senza alcun fondamento, forme di infantilismo.
4) Indebolendoci con la paura
Satana è perverso ma anche vile. E’ determinato soprattutto con chi è debole nella fede ed è fragile. In questo modo rende molti incostanti nella virtù e contribuisce ad alimentare la paura di esporsi nel cercare di dare la propria testimonianza ed inculca il falso rispetto umano nella manifestazione della propria fede cristiana.
5) Con la disperazione
Egli coglie coloro che vorrebbero progredire nello spirito, ma si dimenticano che è Dio stesso ad aiutarci in questo cammino, perché da soli non possiamo fare nulla. Molti, vedendo i propri fallimenti spirituali ed etici si disperano, invece di ricorrere alla divina misericordia. Su questo Satana ci sguazza perché vede le anime abbandonare i buoni propositi e la fiducia in Dio misericordioso…
6) Diffondendo l’ateismo, l’apostasia e promuovendo le eresie..
Moltissimi cadono nella trappola dell’ateismo per diversi motivi. Oggi esso è diffuso a livello globale e la negazione dell’esistenza di Dio viene sempre di più allo scoperto fino ad intaccare anche i giovanissimi che non vengono più educati alla fede o rinunciano alla sana dottrina per andare dietro ai nuovi guru che predicano un’illusoria era di benessere.

25 settembre 2008

Cari figli! La vostra vita sia di nuovo una decisione per la pace. Siate gioiosi portatori di pace e non dimenticate che vivete in un tempo di grazia in cui Dio attraverso la mia presenza vi dà grandi grazie. Non chiudetevi, figlioli, ma approfittate di questo tempo e chiedete il dono della pace e dell’amore per la vostra vita perché diventiate testimoni per gli altri. Vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

25 agosto 2008

“Cari figli, anche oggi vi invito alla conversione personale.
Siate voi a convertirvi e, con la vostra vita, a testimoniare, amare, perdonare e portare la gioia del Risorto in questo mondo in cui mio Figlio è morto e in cui gli uomini non sentono il bisogno di cercarLo e di scoprirLo nella propria vita.
AdorateLo e che la vostra speranza sia speranza per quei cuori che non hanno Gesù.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

COMMENTO PERSONALE AL MESSAGGIO DEL 25 agosto 2008
Adorare Gesù.
Perché bisogna adorare un uomo vissuto duemila anni fa e che si dichiarava Figlio di Dio? E’ davvero ancora presente?
Lui lo aveva promesso: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Mt.28.20)
In che senso è con noi se non lo vediamo fisicamente?
E’ con noi tramite il suo Spirito di Verità e i Sacramenti, soprattutto l’Eucaristia.
Ma bisogna aderire a queste verità con la fede la quale è un dono ma va conquistata a caro prezzo.
Chi scommette con semplicità sulla presenza salvifica di Gesù nella sua vita non rimarrà deluso. Toccherà con mano la sua potenza redentrice e troverà una Misericordia infinita.
Anche se non lo vede con i suoi occhi, lo percepisce nella sua continua azione.
Nei rapporti umani, negli eventi quotidiani, nelle piccole e grandi fasi della sua vita, nella prodigiosa azione provvidenziale, nelle buone ispirazioni.
Ma oggi ci sono moltissimi che non sentono la necessità di cercare e scoprire Gesù nella propria vita. Pensano che sia una ingenua favola per bambini e per disperati che non sanno dove appigliarsi per dare un significato alle loro scialbe vite.
Non credono che Gesù agisca nei sacramenti e nella vita quotidiana.
Vogliono credere che la Chiesa sia un’associazione di sfruttatori perché vedono il cattivo esempio di qualche suo membro, ma non considerano la viva testimonianza di migliaia di cristiani che operano a favore del prossimo in situazioni difficili, ma con amore per Gesù che li guida con il suo Spirito.
Come si fa a scoprire Gesù nella nostra vita?
Innanzittutto credendo e adorandolo nei nostri cuori come il Figlio di Dio incarnato e morto per i nostri peccati. Quando si medita a fondo sulla sua vita testimoniata dai Vangeli, non si può fare a meno di provare stupore per tutto quello che ha detto e fatto. Ogni suo gesto, ogni sua parola esprimono non solo l’amore per tutti gli uomini suoi contemporanei, ma anche per noi che abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo.
Egli è Colui che dona tutte le risposte ai nostri interrogativi, anche ai più esistenziali. Non c’è cultura, religione, scienza che possa essere così soddisfacente.
In Lui tutto l’Universo viene ricapitolato ed è proprio Lui il punto Omega nel quale convergono tutte le cose, le quali esistono tramite Lui ed in vista di Lui. Gesù è il fine di Tutto, anche delle nostre esistenze. Adorandolo, noi riconosciamo in Lui la Verità, la Via e la Vita, come emerge dagli stessi Vangeli.
Solo Lui può dare la vera pace, non come la dà il mondo.
Egli ci dice: senza di me non potete fare nulla…io ho vinto il mondo…
Il Cristianesimo esige un salto di qualità: offre Gesu Cristo in persona (L’Eucarestia non è forse il centro dei centri?).
Afferma con sicurezza che Dio viene incontro esistenzialmente ad ogni uomo incarnandosi, facendo in modo che ogni uomo si rivesta in Lui chiedendo che ciò venga riconosciuto.
Se ognuno di noi diventasse un altro Cristo il mondo cambierebbe completamente, sparirebbero le guerre, le violenze, i soprusi e l’amore trionferebbe sull’egoismo e sul male.
Pier Angelo Piai

Messaggio a Mirjana 2 Settembre 2008

Cari figli! Oggi radunati attorno a me, con il mio Cuore materno vi invito all’amore verso il prossimo.
Fermatevi figli miei.
Guardate negli occhi del vostro fratello Gesù mio Figlio.
Se vedete la gioia, gioite insieme a lui.
Se negli occhi di tuo fratello c’è il dolore, allontanatelo con la vostra mitezza e bontà, perché senza l’amore siete persi.
L’amore è l’unico efficace, fa i miracoli.
L’amore vi darà l’unione in mio Figlio e la vittoria del mio Cuore.
Perciò figli miei amate”.

Messaggio della Madonna di Medjugorje del 25 luglio 2008

Cari figli, in questo tempo in cui pensate al riposo del corpo, io vi invito alla conversione.
Pregate e lavorate in modo che il vostro cuore aneli al Dio creatore che è il vero riposo della vostra anima e del vostro corpo.
Che Egli vi riveli il suo volto e vi doni la sua pace.
Io sono con voi e intercedo davanti a Dio per ciascuno di voi.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

COMMENTO
Dio creatore è il vero riposo della nostra anima e del nostro corpo. Per convincerci di questo dovremmo pregare e lavorare…la nostra anima. Non assecondare le tentazioni è spesso un lavoro arduo, ma se ci convinciamo che la vera pace viene da Gesù, allora i nostri sforzi non cadono nel vuoto.
Noi vorremmo avere un’identità. Ma senza Dio chi siamo? Figli dei nostri genitori destinati anch’essi alle malattie, alla vecchiaia ed alla morte?
Vorremmo mantenere il personaggio che ci siamo costruiti in qualche anno per avere un prestigioso ruolo nella società? Il successo è sempre effimero. In breve tempo quasi tutti si dimenticheranno di noi.
Ci circondiamo di lusso ed accumuliamo ricchezze che dopo la nostra morte verranno cedute ad altri?
Ci stordiamo nei piaceri che spesso ci lasciano l’amaro in bocca?
Cerchiamo soddisfazione nella vendetta per qualche torto subito? E dopo? Ogni vendetta attira odio.
Sogniamo una famiglia che ci porti piena soddisfazione e ci faccia sentire realizzati? In gran parte delle famiglie ci sono drammi, incomprensioni, gelosie, rivalità, odio…
Cosa cerchiamo in questa vita terrena? Lo stato di permanenza? Non esiste perché tutto muta: malattie e vecchiaia ci condurranno presto alla morte.
Senza Dio è difficile trovare un senso a quello che esiste ed a quello che facciamo.
Una mente indagatrice trova un certo piacere nello scoprire cose nuove in questo sterminato Universo. Ma se è convinta che tutto finirà nel nulla della morte, prima o poi si stancherà e si annoierà, non facciamoci illusioni.
In Dio tutto assume una luce diversa. Sappiamo che la Creazione ha un fine e che la stessa nostra vita è preziosa, perché ce lo ha rivelato Dio stesso incarnandosi nel suo figlio Gesù Cristo che, patendo, morendo e risorgendo ci ha indicato il nostro destino eterno di figli di Dio.
Egli ci ha in qualche modo rivelato il suo volto nell’Amore.
Basterebbe un po’ di fede. Per ottenerla bisogna essere semplici come i bambini ma anche astuti contro le illusioni diaboliche e le tentazioni della carne.
Per proseguire questo lavoro interiore è necessario credere che siamo amati in modo speciale dal Dio Trinitario, così possiamo amare noi stessi ed il prossimo. Quando si capisce che siamo chiamati tutti alla costruzione del Regno dei Cieli, allora troviamo lo scopo della nostra vita ed il riposo delle nostre anime. Gesù l’aveva detto: Venite a me, o voi tutti che siete affaticati e stanchi, ed io vi ristorerò.
Chi ha mai pronunciato queste parole in tutta la storia dell’umanità?
Si trova qualche filosofo o filantropo precedente o contemporaneo a Gesù che si esprime in questo modo?
L’Uomo-Dio si dichiara apertamente tale e sostiene di ristorare chiunque si rivolge a Lui con fede..
Non ha detto in questo contesto: Venite che il Padre mio vi consolerà…
No, ha proprio esclamato “Venite a me…!” Quindi era pienamente consapevole della sua divinità e della sua missione di salvare gli uomini da se stessi e dal peccato.
Una logica completamente illogica per molti e convincente per chi è semplice interiormente.
Pier Angelo Piai