13 febbraio 2002

Salmi (21-30)

Salmi - Capitolo 21

Rito di incoronazione
[1]Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.

[2]Signore, il re gioisce della tua potenza,
quanto esulta per la tua salvezza!
[3]Hai soddisfatto il desiderio del suo cuore,
non hai respinto il voto delle sue labbra.
[4]Gli vieni incontro con larghe benedizioni;
gli poni sul capo una corona di oro fino.
[5]Vita ti ha chiesto, a lui l'hai concessa,
lunghi giorni in eterno, senza fine.

[6]Grande è la sua gloria per la tua salvezza,
lo avvolgi di maestà e di onore;
[7]lo fai oggetto di benedizione per sempre,
lo inondi di gioia dinanzi al tuo volto.
[8]Perché il re confida nel Signore:
per la fedeltà dell'Altissimo non sarà mai scosso.

[9]La tua mano raggiungerà ogni tuo nemico,
la tua destra raggiungerà chiunque ti odia.
[10]Ne farai una fornace ardente,
nel giorno in cui ti mostrerai:
il Signore li consumerà nella sua ira,
li divorerà il fuoco.
[11]Sterminerai dalla terra la loro prole,
la loro stirpe di mezzo agli uomini.

[12]Perché hanno ordito contro di te il male,
hanno tramato insidie, non avranno successo.
[13]Hai fatto loro voltare le spalle,
contro di essi punterai il tuo arco.
[14]Alzati, Signore, in tutta la tua forza;
canteremo inni alla tua potenza.

Salmi - Capitolo 22

Sofferenze e speranze del giusto
[1]Al maestro del coro. Sull'aria: «Cerva dell'aurora».
Salmo. Di Davide.

[2]«Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
Tu sei lontano dalla mia salvezza»:
sono le parole del mio lamento.
[3]Dio mio, invoco di giorno e non rispondi,
grido di notte e non trovo riposo.

[4]Eppure tu abiti la santa dimora,
tu, lode di Israele.
[5]In te hanno sperato i nostri padri,
hanno sperato e tu li hai liberati;
[6]a te gridarono e furono salvati,
sperando in te non rimasero delusi.

[7]Ma io sono verme, non uomo,
infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo.
[8]Mi scherniscono quelli che mi vedono,
storcono le labbra, scuotono il capo:
[9]«Si è affidato al Signore, lui lo scampi;
lo liberi, se è suo amico».

[10]Sei tu che mi hai tratto dal grembo,
mi hai fatto riposare sul petto di mia madre.
[11]Al mio nascere tu mi hai raccolto,
dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.
[12]Da me non stare lontano,
poiché l'angoscia è vicina
e nessuno mi aiuta.

[13]Mi circondano tori numerosi,
mi assediano tori di Basan.
[14]Spalancano contro di me la loro bocca
come leone che sbrana e ruggisce.
[15]Come acqua sono versato,
sono slogate tutte le mie ossa.
Il mio cuore è come cera,
si fonde in mezzo alle mie viscere.
[16]E' arido come un coccio il mio palato,
la mia lingua si è incollata alla gola,
su polvere di morte mi hai deposto.

[17]Un branco di cani mi circonda,
mi assedia una banda di malvagi;
hanno forato le mie mani e i miei piedi,
[18]posso contare tutte le mie ossa.
Essi mi guardano, mi osservano:
[19]si dividono le mie vesti,
sul mio vestito gettano la sorte.

[20]Ma tu, Signore, non stare lontano,
mia forza, accorri in mio aiuto.
[21]Scampami dalla spada,
dalle unghie del cane la mia vita.
[22]Salvami dalla bocca del leone
e dalle corna dei bufali.
[23]Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli,
ti loderò in mezzo all'assemblea.

[24]Lodate il Signore, voi che lo temete,
gli dia gloria la stirpe di Giacobbe,
lo tema tutta la stirpe di Israele;
[25]perché egli non ha disprezzato
né sdegnato l'afflizione del misero,
non gli ha nascosto il suo volto,
ma, al suo grido d'aiuto, lo ha esaudito.

[26]Sei tu la mia lode nella grande assemblea,
scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.
[27]I poveri mangeranno e saranno saziati,
loderanno il Signore quanti lo cercano:
«Viva il loro cuore per sempre».
[28]Ricorderanno e torneranno al Signore
tutti i confini della terra,
si prostreranno davanti a lui
tutte le famiglie dei popoli.
[29]Poiché il regno è del Signore,
egli domina su tutte le nazioni.
[30]A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra,
davanti a lui si curveranno
quanti discendono nella polvere.

E io vivrò per lui,
[31]lo servirà la mia discendenza.
Si parlerà del Signore alla generazione che viene;
[32]annunzieranno la sua giustizia;
al popolo che nascerà diranno:
«Ecco l'opera del Signore!».

Salmi - Capitolo 23

Il buon pastore
[1]Salmo. Di Davide.

Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla;
[2]su pascoli erbosi mi fa riposare
ad acque tranquille mi conduce.
[3]Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino,
per amore del suo nome.

[4]Se dovessi camminare in una valle oscura,
non temerei alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
mi danno sicurezza.

[5]Davanti a me tu prepari una mensa
sotto gli occhi dei miei nemici;
cospargi di olio il mio capo.
Il mio calice trabocca.
[6]Felicità e grazia mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
e abiterò nella casa del Signore
per lunghissimi anni.

Salmi - Capitolo 24

Liturgia di ingresso al santuario
[1]Di Davide. Salmo.

Del Signore è la terra e quanto contiene,
l'universo e i suoi abitanti.
[2]E' lui che l'ha fondata sui mari,
e sui fiumi l'ha stabilita.

[3]Chi salirà il monte del Signore,
chi starà nel suo luogo santo?
[4]Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non pronunzia menzogna,
chi non giura a danno del suo prossimo.
[5]Otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
[6]Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

[7]Sollevate, porte, i vostri frontali,
alzatevi, porte antiche,
ed entri il re della gloria.
[8]Chi è questo re della gloria?
Il Signore forte e potente,
il Signore potente in battaglia.
[9]Sollevate, porte, i vostri frontali,
alzatevi, porte antiche,
ed entri il re della gloria.
[10]Chi è questo re della gloria?
Il Signore degli eserciti è il re della gloria.

Salmi - Capitolo 25

Preghiera nel pericolo
[1]Di Davide.

A te, Signore, elevo l'anima mia,
[2]Dio mio, in te confido: non sia confuso!
Non trionfino su di me i miei nemici!
[3]Chiunque spera in te non resti deluso,
sia confuso chi tradisce per un nulla.

[4]Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
[5]Guidami nella tua verità e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza,
in te ho sempre sperato.
[6]Ricordati, Signore, del tuo amore,
della tua fedeltà che è da sempre.
[7]Non ricordare i peccati della mia giovinezza:
ricordati di me nella tua misericordia,
per la tua bontà, Signore.

[8]Buono e retto è il Signore,
la via giusta addita ai peccatori;
[9]guida gli umili secondo giustizia,
insegna ai poveri le sue vie.

[10]Tutti i sentieri del Signore sono verità e grazia
per chi osserva il suo patto e i suoi precetti.
[11]Per il tuo nome, Signore,
perdona il mio peccato anche se grande.

[12] Chi è l'uomo che teme Dio?
Gli indica il cammino da seguire.
[13]Egli vivrà nella ricchezza,
la sua discendenza possederà la terra.

[14]Il Signore si rivela a chi lo teme,
gli fa conoscere la sua alleanza.
[15]Tengo i miei occhi rivolti al Signore,
perché libera dal laccio il mio piede.

[16]Volgiti a me e abbi misericordia,
perché sono solo ed infelice.
[17]Allevia le angosce del mio cuore,
liberami dagli affanni.

[18]Vedi la mia miseria e la mia pena
e perdona tutti i miei peccati.
[19]Guarda i miei nemici: sono molti
e mi detestano con odio violento.

[20]Proteggimi, dammi salvezza;
al tuo riparo io non sia deluso.
[21]Mi proteggano integrità e rettitudine,
perché in te ho sperato.
[22]O Dio, libera Israele
da tutte le sue angosce.

Salmi - Capitolo 26

Preghiera dell'innocente
[1]Di Davide.

Signore, fammi giustizia:
nell'integrità ho camminato,
confido nel Signore, non potrò vacillare.
[2]Scrutami, Signore, e mettimi alla prova,
raffinami al fuoco il cuore e la mente.

[3]La tua bontà è davanti ai miei occhi
e nella tua verità dirigo i miei passi.
[4]Non siedo con gli uomini mendaci
e non frequento i simulatori.
[5]Odio l'alleanza dei malvagi,
non mi associo con gli empi.

[6]Lavo nell'innocenza le mie mani
e giro attorno al tuo altare, Signore,
[7]per far risuonare voci di lode
e per narrare tutte le tue meraviglie.
[8]Signore, amo la casa dove dimori
e il luogo dove abita la tua gloria.

[9]Non travolgermi insieme ai peccatori,
con gli uomini di sangue non perder la mia vita,
[10]perché nelle loro mani è la perfidia,
la loro destra è piena di regali.
[11]Integro è invece il mio cammino;
riscattami e abbi misericordia.

[12]Il mio piede sta su terra piana;
nelle assemblee benedirò il Signore.

Salmi - Capitolo 27

Con Dio nessun timore
[1]Di Davide.

Il Signore è mia luce e mia salvezza,
di chi avrò paura?
Il Signore è difesa della mia vita,
di chi avrò timore?
[2]Quando mi assalgono i malvagi
per straziarmi la carne,
sono essi, avversari e nemici,
a inciampare e cadere.

[3]Se contro di me si accampa un esercito,
il mio cuore non teme;
se contro di me divampa la battaglia,
anche allora ho fiducia.

[4]Una cosa ho chiesto al Signore,
questa sola io cerco:
abitare nella casa del Signore
tutti i giorni della mia vita,
per gustare la dolcezza del Signore
ed ammirare il suo santuario.

[5]Egli mi offre un luogo di rifugio
nel giorno della sventura.
Mi nasconde nel segreto della sua dimora,
mi solleva sulla rupe.
[6]E ora rialzo la testa
sui nemici che mi circondano;
immolerò nella sua casa sacrifici d'esultanza,
inni di gioia canterò al Signore.

[7]Ascolta, Signore, la mia voce.
Io grido: abbi pietà di me! Rispondimi.
[8]Di te ha detto il mio cuore: «Cercate il suo volto»;
il tuo volto, Signore, io cerco.

[9]Non nascondermi il tuo volto,
non respingere con ira il tuo servo.
Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi,
non abbandonarmi, Dio della mia salvezza.
[10]Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato,
ma il Signore mi ha raccolto.

[11]Mostrami, Signore, la tua via,
guidami sul retto cammino,
a causa dei miei nemici.

[12]Non espormi alla brama dei miei avversari;
contro di me sono insorti falsi testimoni
che spirano violenza.
[13]Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
[14]Spera nel Signore, sii forte,
si rinfranchi il tuo cuore e spera nel Signore.

Salmi - Capitolo 28

Supplica e ringraziamento
[1]Di Davide.

A te grido, Signore;
non restare in silenzio, mio Dio,
perché, se tu non mi parli,
io sono come chi scende nella fossa.

[2]Ascolta la voce della mia supplica,
quando ti grido aiuto,
quando alzo le mie mani
verso il tuo santo tempio.
[3]Non travolgermi con gli empi,
con quelli che operano il male.
Parlano di pace al loro prossimo,
ma hanno la malizia nel cuore.

[4]Ripagali secondo la loro opera
e la malvagità delle loro azioni.
Secondo le opere delle loro mani,
rendi loro quanto meritano.
[5]Poiché non hanno compreso l'agire del Signore
e le opere delle sue mani,
egli li abbatta e non li rialzi.
[6]Sia benedetto il Signore,
che ha dato ascolto alla voce della mia preghiera;
[7]il Signore è la mia forza e il mio scudo,
ho posto in lui la mia fiducia;
mi ha dato aiuto ed esulta il mio cuore,
con il mio canto gli rendo grazie.

[8]Il Signore è la forza del suo popolo,
rifugio di salvezza del suo consacrato.
[9]Salva il tuo popolo e la tua eredità benedici,
guidali e sostienili per sempre.

Salmi - Capitolo 29

Inno al Signore della bufera
[1]Salmo. Di Davide.

Date al Signore, figli di Dio,
date al Signore gloria e potenza.
[2]Date al Signore la gloria del suo nome,
prostratevi al Signore in santi ornamenti.

[3]Il Signore tuona sulle acque,
il Dio della gloria scatena il tuono,
il Signore, sull'immensità delle acque.
[4]Il Signore tuona con forza,
tuona il Signore con potenza.

[5]Il tuono del Signore schianta i cedri,
il Signore schianta i cedri del Libano.
[6]Fa balzare come un vitello il Libano
e il Sirion come un giovane bufalo.

[7]Il tuono saetta fiamme di fuoco,
[8]il tuono scuote la steppa,
il Signore scuote il deserto di Kades.
[9]Il tuono fa partorire le cerve
e spoglia le foreste.
Nel suo tempio tutti dicono: «Gloria!».

[10]Il Signore è assiso sulla tempesta,
il Signore siede re per sempre.
[11]Il Signore darà forza al suo popolo
benedirà il suo popolo con la pace.

Salmi - Capitolo 30

Ringraziamento dopo un pericolo mortale
[1]Salmo. Canto per la festa della dedicazione del tempio.
Di Davide.

[2]Ti esalterò, Signore, perché mi hai liberato
e su di me non hai lasciato esultare i nemici.
[3]Signore Dio mio,
a te ho gridato e mi hai guarito.
[4]Signore, mi hai fatto risalire dagli inferi,
mi hai dato vita perché non scendessi nella tomba.

[5]Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,
rendete grazie al suo santo nome,
[6]perché la sua collera dura un istante,
la sua bontà per tutta la vita.
Alla sera sopraggiunge il pianto
e al mattino, ecco la gioia.

[7]Nella mia prosperità ho detto:
«Nulla mi farà vacillare!».
[8]Nella tua bontà, o Signore,
mi hai posto su un monte sicuro;
ma quando hai nascosto il tuo volto,
io sono stato turbato.
[9]A te grido, Signore,
chiedo aiuto al mio Dio.

[10]Quale vantaggio dalla mia morte,
dalla mia discesa nella tomba?
Ti potrà forse lodare la polvere
e proclamare la tua fedeltà?
[11]Ascolta, Signore, abbi misericordia,
Signore, vieni in mio aiuto.

[12]Hai mutato il mio lamento in danza,
la mia veste di sacco in abito di gioia,
[13]perché io possa cantare senza posa.

Signore, mio Dio, ti loderò per sempre.