4 Giugno 2006

L’azione dello Spirito Santo

Lo Spirito Santo ci conduce gradualmente alla Verità.
Egli agisce anche quando meno lo pensiamo.

Agisce sempre e spesso nemmeno non ce ne accorgiamo.
Agisce anche tramite chi non si ritiene credente o cristiano.

E’ libero da ogni schema od ogni istituzione. Soffia dove vuole e non sappiamo da dove viene o dove va.

Egli è presente in ogni essere umano, anche in colui che non ne vuol sapere o riempie il suo animo di zavorra inutile.

Sollecita� ogni uomo per aiutarlo a diventare interiormente libero.

E’ Lui che genera il vero silenzio interiore, non gli sforzi della nostra mente inquinata da ideologie o pregiudizi.

Lo Spirito rischiara il nostro sguardo. Ci fa ammirare la bellezza, l’Unità, la Bontà, il dinamismo reale della vita.

Il vero riposo è attinto dallo Spirito che scruta ogni cuore, ci libera dalle paure e muove all’azione.

Lo Spirito libera la mente: “La mente meditativa è vedere – osservare, ascoltare, senza la parola, senza commento, senza opinione – tutto il giorno attentamente il movimento della vita in ogni suo rapporto. […] Alla mente che osserva, ascolta il movimento della vita, […] viene un silenzio che non è montato dal pensiero” (Krishnamurti, La sola rivoluzione).

Lo Spirito ci aiuta ad osservare ed ascoltare attentamente ogni movimento della vita interiore ed esteriore. Ci rende attenti ma non oberati dal pensiero razionale, dal quale è facile cadere intrappolati.

Ci esorta ad indagare senza romperci il capo. E’ un tipo di indagine che ci immerge in modo spontaneo nelle profondità del mistero della vita.

Ci sprona a ricercare l’Essenziale eliminando gradualmente la zavorra che impedisce di avere lo sguardo limpido.

Lo Spirito scruta ogni profondità, quindi ci insegna ad osservare senza scandalizzarci l’ingranaggio della vita, il tessuto dell’esistenza, gli anfratti misteriosi del nostro “io”.

Solo nell’aldilà sapremo veramente ciò che ha operato in noi lo Spirito e potremo così unire il nostro canto di gioia a quello di Maria: “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente”

Pier Angelo Piai