26 Marzo 2016

LA SACRA SINDONE, LETTURA TEOLOGICA




La
Sacra Sindone mette in evidenza i lineamenti di un uomo che ha subito atroci
sofferenze: un viso deformato dai lividi e tumefatto.

Eppure
denota una morte composta, decorosa, ieratica. Quell’uomo ha sofferto davvero,
non può essere un impostore.


È un
segno dei tempi destinato alla nostra generazione tecnocratica e
iper-positivista.

Osserviamo
il setto nasale fratturato, la guancia gonfia, il labbro tumefatto, le tracce
di sangue sulla barba, sulla fronte… proprio sulla fronte c’è una cifra ben
chiara e visibile: ricorda un “3”.


Quell’uomo è segnato con un marchio – un
numero – che gli uomini del suo tempo ancora non conoscevano e sotto quella
forma di scrittura che verrà introdotta più tardi nella nostra civiltà da un
popolo di cultura rigidamente monoteista: gli arabi.


Quell’impronta di sangue
causata dal graffio di una spina della corona  suggerisce molte cose sul Figlio dell’Uomo, Gesù Cristo: Egli
ci rivela l’amore trinitario mediante il suo sangue sparso abbondantemente.


Quel sigillo trinitario è posto sulla fronte come segno per la nostra
generazione assetata di prove e di razionalismo.


La
Sindone, cosi come la conosciamo, è stata scoperta con l’ausilio della scienza
e delle innovazioni tecnologiche. I lineamenti di quell’uomo sono stati meglio
identificati con lo sviluppo del “negativo”.


Gesù, quindi, viene
intravisto al negativo: richiede l’abbandono della mentalità mondana ed
efficientistica per un totale capovolgimento degli schemi mentali.


Il vero
amore è tracciato col sangue dalle spine di una corona la cui regalità non è
come la intende il mondo. Ma è esattamente l’opposto.

Cristo
possiede tutto perché ha donato tutto.


È re e dominatore perché, obbediente al
Padre, si è lasciato dominare e calpestare per amore.

 

Pier Angelo Piai

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 1400) iscrivetevi al mio canale youtube “piaipier”:  http://www.youtube.com/user/piaipier

a cura di http://www.mondocrea.it