2 Novembre 2013

LA VERA SANTITÀ

Gesù ha canonizzato una povera vedova che aveva offerto due spiccioli, un niente ma pieno di cuore.

Non le grandi opere, ma i gesti quotidiani fanno la santità. I poveri e le donne fanno gesti; la politica, le Chiese, i potenti fanno opere. Impariamo dai poveri e dalle donne, come Gesù.

Santità per noi è meno opere e più gesti nel quotidiano, ma gesti che toccano, pieni di cuore, gesti di ascolto e di pazienza, gesti di trasparenza e di attenzione, come quelli di Gesù che non vediamo mai progettare grandi opere ma fermarsi, ascoltare; toccare occhi, labbra, orecchie; spezzare il pane, entrare nelle case, sedere a mensa, parlare delle cose d’amore come nessuno aveva mai saputo fare: parlare dell’amore con amore! e così posare una carezza in fondo all’anima.

E se non avremo molto da offrire al Signore nell’ultimo giorno, ci presenteremo a lui come mendicanti d’amore, ricchi solo di lacrime.
E credo, so che sentirò venire dalla bocca di Dio parole come queste:

Vieni figlio, il tuo desiderio di amore era già amore.
Vieni figlio, sognatore, devoto, vagabondo, non m’importa, vieni.
E se anche hai infranto mille volte le tue promesse, vieni.
Vieni, nonostante tutto, vieni.
con i tuoi tesori in vasi di argilla,
con i tuoi gesti pieni di cuore,
con le tue lacrime raccolte ad una ad una,  vieni!
Ora non ti farai più male.
Niente ti separerà più dall’amore.

(p.Ermes Ronchi)

Se volete essere aggiornati sui nuovi video che realizzo (più di 800) iscrivetevi al mio canale youtube “piaipier”:  http://www.youtube.com/user/piaipier

a cura di http://www.mondocrea.it