17 Febbraio 2003

L’obbedienza

DUE DIRETTIVE DI MORALE SICURA


1 – L’ubbidienza e la legge hanno un valore sacro, quando sono subordinate e integrate dalla carità e dalla fede. Quando invece vengono assolutizzate e diventano il valore centrale…allora spesso crolla la scala dei valori.

2 – L’ubbidienza cieca è un paradigma (modello) lontano dallo spirito del Vaticano II. Questo cammino è irreversibile… per dar luogo alla responsabilità e corresponsabilità della persona.

(p. Bernhard Haring – cf. Autobiografia e Peccato…)


Giudizio finale – Ultime e decisive parole di Gesù (Mt. 25)

1 – Venite benedetti!….
2 – Via, lontano da me maledetti!!!

I motivi dell’invito o della condanna non sono le nostre prestazioni religiose o morali…ma l’aiuto dato o rifiutato a Lui.
L’avete fatto a me!!

Madre Teresa di Calcutta ha vissuto totalmente quelle parole e diceva:
Se le nostre fiammate d’amore a Dio non arrivano al prossimo…sono come le fiamme di un fuoco dipinto: ..non danno luce…non fanno caldo…sono una finzione!”

Allora: Vogliamo sentire dalla bocca di Gesù, l’invito riconoscente e gioioso : “Venite benedetti!..?
AmiamoLo e aiutamoLo, nella persona del povero.