6 Aprile 2002

Poesia di Padre Ermanno Nigris a due volontari

Padre Nigris, originario di Ampezzo, salesiano missionario in Bolivia.

 “E ora andate”!

E lo diceva convinto, calmo, e li guardava contento,

sicuro come quando comandava qualcosa;

come quella volta del Pane, quella volta della rete,

quella volta della croce : “Chi vuole, venga e porti…”.

E adesso andate!

E Tu non vieni? E Tu non vai?

Andiamo da soli?

Certo che no! Vengo con voi,

sappiatelo: sono con voi ogni giorno.

Non portate con voi cose futili: un bastone

per quando il peso della vita si fa sentire; e i sandali

per poter sentire i sassi che entrano e scappano!

E ora andate!

Prima qui vicino,

e poi fin dove le montagne toccano il cielo,

fin dove un uomo urla la sua fame di amore!

E così voi due: ora andate!

Avete visto, avete sudato con noi e come noi;

avete creduto che i miracoli sono anche di oggi,

e avete sentito in cuore che a Lui bisogna credere.

E quando cala la sera,

e quando il cielo si fa scuro,

e quando la tramontana scuote gli alberi,

sentirete che vi dice: Sono qui, non serve gridare,

basta cercarmi, basta alzare la mano.

E sentirete che vi sono vicino e che la barca

non ha perso il timone: lo affido alle mani di Mia Madre.

E soffia lo Spirito nella vela e la barca va

verso il porto di mio Padre

per mettersi a riva e riposare: però adesso andate! Ma man!